I test di coppia di pipistrelli confermano i primi due casi di rabbia di Hamilton del 2023: Hamilton

I test di coppia di pipistrelli confermano i primi due casi di rabbia di Hamilton del 2023: Hamilton

Hamilton Public Health (HPH) ha confermato giovedì che una coppia di pipistrelli aveva recentemente contratto la rabbia, i primi casi dalla scorsa estate.

Finora, dice la città, non sono state segnalate interazioni con gli esseri umani da quando era residente all’inizio dell’anno scorso.

I funzionari sanitari continuano a informare i residenti di Hamilton che la città è ancora nel mezzo di un’epidemia di rabbia, iniziata nel 2016 a causa di almeno 200 casi positivi rilevati quell’anno, inclusi 123 procioni e 73 puzzole.

La maggior parte dei casi negli ultimi otto anni ha coinvolto procioni, per un totale di 215 rilevamenti.

La storia continua sotto l’annuncio

Il rischio complessivo di infezione umana da pipistrelli è basso con solo 13 confermati nei test dal 2016.

Nonostante siano passati anni senza un caso positivo di rabbia in un procione, il sovrintendente dell’HPH Jane Morell afferma di non aver ignorato i focolai dovuti a incidenti nei comuni vicini.

“Il problema è che la regione del Niagara ha ancora alcuni aspetti positivi e siamo a 50 chilometri di distanza”, ha detto Morell.

La rabbia viene trasmessa attraverso la saliva di un animale infetto, di solito attraverso un morso, ma può anche entrare nel corpo al contatto o attraverso graffi, ferite aperte o le mucose della bocca, del naso e degli occhi.

READ  Scoperta del lontano quasar, OP 313

Il modo più semplice per eliminare il rischio di contrarre la rabbia, dice Morell, è evitare il contatto con animali che la portano, come i suddetti pipistrelli, procioni e puzzole.

Hamilton è incluso nelle “aree a rischio valutato” dell’Ontario per la malattia di Lyme

Hamilton è ancora considerata un’area a rischio per le zecche dalle zampe nere e hanno il potenziale per infettare la popolazione con la malattia di Lyme.

La storia continua sotto l’annuncio

Public Health Ontario ha nuovamente incluso la città nella sua ultima mappa per mostrare le aree a rischio stimato per questa malattia.

Nonostante la classificazione, dice Morrell, il rischio reale di infezione per la popolazione è molto basso.

Mappa della malattia di Lyme dell’Ontario: aree a rischio stimate aggiornate annualmente. Fornisce informazioni per assistere i professionisti della sanità pubblica e i medici nella gestione della malattia di Lyme.

“Esiste la possibilità che alcune di queste zecche possano trasportare i batteri che causano la malattia di Lyme, ma non tutte le zecche dalle zampe nere portano questo batterio”, ha detto Morell.

“Quindi la maggior parte delle nostre zecche in città sono ancora zecche di cane dalle zampe marroni e non portano Lyme.”

Hamilton ha raggiunto un massimo di dieci anni nel 2021 per i casi di malattia di Lyme acquisiti localmente con 27 casi segnalati a HPH.

La storia continua sotto l’annuncio

È un aumento di oltre 20 casi rispetto all’anno precedente (2020) quando HPH aveva solo sei casi in città.

Tra il 2013 e il 2022, la città ha registrato una media di poco più di due casi all’anno.

La sanità pubblica suggerisce di usare cautela quando si rimuovono le zecche con le pinzette e tenendo l’insetto il più vicino possibile alla pelle e tirandolo verso l’alto, delicatamente ma con fermezza.

Dovresti evitare di schiacciare il segno di spunta perché può causare la fuoriuscita di secrezioni che possono portare alla malattia di Lyme nel corpo di una persona.

La malattia di Lyme è causata da un batterio chiamato Borrelia burgdorferi, che si diffonde attraverso il morso di una zecca infetta dalle zampe nere, secondo Public Health Canada.

La storia continua sotto l’annuncio

In genere, una zecca infetta dalle zampe nere deve essere attaccata per almeno 24-36 ore per trasmettere i batteri che causano la malattia di Lyme.

I sintomi possono richiedere da pochi giorni a quattro settimane per comparire. Questi includono febbre, mal di testa, affaticamento e un’eruzione cutanea nel sito del morso.

Se non trattata, gli scenari più gravi includono dolori articolari, forti mal di testa con torcicollo o palpitazioni cardiache.

e copia 2023 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *