I sostenitori del passaporto del vaccino BC affermano che la vita è più dura per i senzatetto

Le persone che vivono senza fissa dimora nella Columbia Britannica e coloro che le sostengono affermano di essere preoccupate per come il passaporto delle vaccinazioni della provincia influenzerà la loro vita quotidiana.

Lynette Perrault, che dice di aver vissuto dentro e fuori i rifugi per la maggior parte della sua vita adulta, dice che molte persone come lei non hanno un documento d’identità o un telefono cellulare.

“La mia borsa è stata rubata”, ha detto Perrault, “non ho la mia carta d’identità ora”.

Nonostante sia completamente vaccinata, quando il passaporto del vaccino della Columbia Britannica entrerà in vigore il 13 settembre, Perrault teme di non essere in grado di raggiungere luoghi pubblici come biblioteche, ristoranti e centri sociali.

I senzatetto e le persone svantaggiate dipendono da luoghi come fast food e altri luoghi pubblici, afferma Meenakshi Manui della Pivotal Legal Society.

“Le cose che potrebbero non essere necessarie per il pubblico in generale sono in realtà un’enorme ancora di salvezza per le persone”, ha detto Manwy.

Secondo l’ultimo censimento dei senzatetto di Metro Vancouver, 3.634 persone nella zona sono state identificate come senzatetto. (John Lyman)

La contea afferma che sta sviluppando un’alternativa sicura al passaporto per le persone che non hanno un facile accesso a Internet, ma non ha ancora reso pubblici questi dettagli.

La Pivot Legal Society sta cercando maggiori dettagli mentre prepara diverse raccomandazioni e chiede al governo di ascoltare le persone colpite da senzatetto.

“Queste conseguenze avranno un grave impatto sulle persone più svantaggiate nella nostra società”, ha affermato.

“Si sentono già rifiutati.’

Sarah Blythe ha lavorato a Downtown East per 15 anni. Dice che le barriere aggiuntive poste agli emarginati renderanno la loro vita più difficile.

“Ci deve essere un modo per queste persone di accedere ai servizi in modo dignitoso, dove non vengono evitate o non viene chiesto loro di andarsene perché non hanno un passaporto”, ha detto.

“Si sentono davvero emarginati, si vergognano davvero”.

Secondo l’ultimo conteggio dei senzatetto di Metro Vancouver, 3.634 persone nella zona hanno dichiarato di essere senzatetto.

READ  Il fondatore della Dufferin Construction è stato uno degli italiani arrestati durante la seconda guerra mondiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *