I sostenitori dei diritti all’aborto stanno marciando negli Stati Uniti per protestare contro le leggi restrittive

Scorso:

  • Sabato, centinaia di manifestazioni hanno avuto luogo negli Stati Uniti e in Canada con lo slogan “Rally for Abortion Justice”.
  • Diversi stati degli Stati Uniti hanno approvato leggi restrittive sull’aborto, incluso il Texas che premia i cittadini con $ 10.000 se fanno causa a qualcuno che aiuta qualcuno a ottenere un aborto illegale.
  • I manifestanti a Washington, D.C., si stanno dirigendo verso la Corte Suprema degli Stati Uniti, dove i giudici dovrebbero votare presto sulle leggi sull’aborto imposte dallo stato e potrebbero eventualmente ribaltare i diritti all’aborto in tutto il paese.

I sostenitori dei diritti delle donne si sono riuniti sabato al Campidoglio del Texas per protestare contro la legge sull’aborto più restrittiva negli Stati Uniti, lanciando una serie di 660 marce negli Stati Uniti a sostegno della libertà riproduttiva.

Una folla di oltre 1.000 manifestanti si è radunata in un caldo soffocante di fronte all’edificio di Austin, dove i legislatori all’inizio di quest’anno hanno approvato una misura che vieta l’aborto dopo circa sei settimane, che il governatore Greg Abbott ha poi firmato in legge.

Amy Regal e suo nipote Jordan marciano ad Austin sabato come parte della marcia delle donne a livello nazionale. (Evelyn Hochstein/Reuters)

I sostenitori dei diritti delle donne marciano sabato ad Austin, in Texas. Lo stato ha recentemente imposto un divieto quasi totale alle procedure di aborto e all’accesso ai farmaci che inducono l’aborto. (Evelyn Hochstein/Reuters)

“About Abbott” è apparso su numerosi striscioni e magliette dei manifestanti, mentre altri con il motto dello stato del Texas “Vieni e prendilo” sono apparsi accanto a un disegno dell’utero.

“La nostra visione per il Texas rimane solida e resiliente”, ha detto alla folla il commissario della contea di Travis Ann Howard, che include Austin. Ma è anche aperta, inclusiva e compassionevole. Il nostro Texas protegge le libertà individuali.

Corte Suprema per esaminare il caso del Mississippi

A Washington, D.C., i manifestanti hanno marciato verso la Corte Suprema degli Stati Uniti due giorni prima che la corte si riunisse per un’udienza dei giudici in un caso del Mississippi che potrebbe consentire loro di ribaltare i diritti all’aborto stabiliti nel caso Roe v. Wade nel 1973.

La nomina dei giudici da parte dell’ex presidente Donald Trump ha rafforzato il controllo conservatore della Corte suprema.

Migliaia di donne hanno riempito una piazza vicino alla Casa Bianca per una manifestazione prima della manifestazione. Molti segni agitati che dicevano “Prenditi cura del tuo grembo”, “Amo il mio aborto spontaneo” e “L’aborto è una scelta personale, non una discussione legale” tra gli altri messaggi.

I manifestanti si radunano durante la marcia del Rally delle donne “Rally for Abortion Justice” in Freedom Square a Washington, D.C. sabato. (José Luis Magana/The Associated Press)

Alcuni indossavano magliette che dicevano semplicemente “1973”, un riferimento alla storica decisione Roe v. Wade, che ha reso legale l’aborto per generazioni di donne americane.

Ellen Bigall, una studentessa diciannovenne dell’Università americana, ha posato per le foto del cellulare con i suoi amici e i loro striscioni all’inizio dell’evento. Ha detto che sua madre le ha detto di venire a una marcia per l’aborto legale con sua madre negli anni ’70.

“È triste che dobbiamo ancora lottare per i nostri diritti dopo 40 anni. Ma questa è una tradizione che voglio continuare”, ha detto Bigal a proposito della marcia.

La corte respinge l’offerta per bloccare il Texas

In una decisione 5-4 del 1° settembre, i giudici della Corte Suprema hanno respinto la richiesta dell’aborto e degli operatori sanitari delle donne di bloccare l’attuazione del divieto quasi totale in Texas, la legge più severa del paese.

“Questo è un momento di rottura del vetro per le persone in tutto il paese”, ha affermato Rachel O’Leary Carmona, direttrice esecutiva della Marcia delle donne, la principale organizzatrice delle proteste di sabato.

“Molti di noi sono stati educati con l’idea che l’aborto sarebbe stato legale e disponibile per tutti noi, e vedere che in pericolo molto reale è stato un momento di veglia”, ha detto.

La marcia fa parte della “battaglia per garantire, proteggere e far avanzare il nostro diritto costituzionale all’aborto… una battaglia contro i giudici della Corte Suprema, i legislatori statali e i senatori che non sono dalla nostra parte – o non agiscono. che questo momento richiede.”

La seconda più grande manifestazione dopo l’inaugurazione di Trump

Carmona ha affermato che il numero di manifestazioni in programma per sabato è secondo solo alla prima protesta del gruppo, che ha mobilitato milioni di persone in tutto il mondo per protestare contro Trump il giorno dopo il suo insediamento nel 2017.

Le manifestazioni di sabato si terranno da costa a costa, anche nelle città del Texas, un punto caldo nella battaglia della nazione per il diritto all’aborto. In Canada si stanno organizzando una serie di eventi per mostrare solidarietà alle donne negli Stati Uniti, anche a Winnipeg, Halifax e St. John.

Centinaia di persone si sono radunate per motivi legislativi in ​​Manitoba a Winnipeg.

I manifestanti portavano striscioni con la scritta “L’aborto è un’assistenza sanitaria essenziale” e “Tieni il naso fuori dall’utero”. Altri indossavano costumi da Il racconto dell’ancella, riferendosi al libro di fantasia e agli spettacoli televisivi ambientati in un regime totalitario in cui le donne sono trattate come proprietà.

“Tutti con un utero dovrebbero essere in grado di accedere alla salute riproduttiva di cui hanno bisogno, non ciò di cui pensiamo di aver bisogno”, ha detto la portavoce Blandine Tona, direttrice del programma della Women’s Health Clinic.

Blandine Tona, direttrice del programma della Women’s Health Clinic, ha parlato sabato al Caucus for Reproductive Justice a Winnipeg. Dice che è importante che chiunque abbia un utero abbia accesso a servizi sanitari essenziali come l’aborto. (Zoe Le Galic Massey/SRC)

Centinaia di persone si sono radunate per motivi legislativi in ​​Manitoba sabato per partecipare al Rally for Reproductive Justice. I partecipanti erano lì per mostrare solidarietà al Texas colpito dalla legislazione che vieta la maggior parte degli aborti. (Rosalee Lucille/SRC)

Aborto vietato in Texas dopo sei settimane

La cosiddetta legge “heartbeat” del Texas, entrata in vigore il 1 settembre, proibisce l’aborto dopo che l’attività cardiaca è stata rilevata nel feto, di solito a circa sei settimane. Questo prima che la maggior parte delle donne sappia di essere incinta e che l’85-90 percento di tutti gli aborti venga fatto, dicono gli esperti.

Il Texas consente anche ai privati ​​cittadini di far rispettare il divieto, premiandoli con almeno $ 10.000 se fanno causa con successo a chiunque abbia contribuito a fornire un aborto illegale.

Guarda | La legge “Heartbeat” del Texas potrebbe costringere la Corte Suprema degli Stati Uniti a riconsiderare Roe v. Wade:

Il Texas approva la legge che vieta l’aborto dopo sei settimane

Il Texas ha approvato una delle leggi sull’aborto più restrittive degli Stati Uniti, che vieta l’aborto dopo circa sei settimane di gravidanza. I fornitori di aborto affermano che molte donne non sanno di essere incinte in quel momento. 4:02

I sostenitori dei diritti dell’aborto e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti hanno contestato la legge nei tribunali statali e federali, sostenendo che violava Roe v. Wade.

Venerdì un giudice federale di Austin ha ascoltato la richiesta del Dipartimento di Giustizia di bloccare temporaneamente la legge mentre ne contesta la costituzionalità.

A New York, il governatore Kathy Hochhol ha parlato ai raduni di Seneca Falls e poi di Albany. “Sono stufo di lottare per il diritto all’aborto”, ha detto. “È una legge stabile nella nazione e non ce la prendi subito, né ora, né mai”.

In un evento non correlato nel Maine, la senatrice repubblicana Susan Collins ha definito la legge del Texas “estrema, disumana e incostituzionale” e ha affermato che stava lavorando per rendere Roe v. Wade una “legge della terra”.

Ha detto che sta lavorando con due democratici e un altro repubblicano, e stanno “esaminando” la lingua del disegno di legge. Collins ha rifiutato di identificare i suoi colleghi, ma ha detto che la legislazione sarebbe stata introdotta presto.

“Combattere a portata di mano”

La legge del Texas è stata al centro degli oratori a Washington.

“Continueremo a darlo al Texas”, ha promesso al pubblico Marsha Jones del Wellness Center for Black Women’s Health Care a Dallas. “Non puoi più dirci cosa fare con i nostri corpi!”

Alexis McGill Johnson, presidente di Planned Parenthood a livello nazionale, ha parlato di donne che guidano per lunghe ore attraverso i confini statali – a volte più confini di stato – per interrompere le gravidanze nelle settimane dall’entrata in vigore della legge del Texas.

“È un momento oscuro… ma è per questo che siamo qui”, ha detto Johnson alla folla, che affollava Freedom Square e le strade circostanti. Con l’imminente sessione della Corte Suprema, “Non importa dove ti trovi, questa battaglia è a portata di mano”.

I dimostranti prendono parte a una marcia delle donne a Houston sabato. Più di 600 eventi a tema Rally for Abortion Justice si stanno svolgendo negli Stati Uniti in vista di una nuova udienza della Corte Suprema che dovrebbe pronunciarsi sulle leggi restrittive sull’aborto dello stato. (Joe Nakamura/Reuters)

Un oppositore dell’accesso delle donne all’aborto ha descritto il tema della manifestazione di quest’anno come “orribile”.

“E la parità di diritti per la donna non ancora nata?” Jane Mancini, presidente di un gruppo anti-aborto chiamato March for Life, ha twittato.

Un sostenitore della gravidanza partecipa al raduno femminile “Rally for Abortion Justice” a Columbus, Ohio, sabato. (Meghan Gellinger/Reuters)

READ  Il sindaco di Brampton si impegna a costruire un memoriale tamil in onore delle vite perse nella guerra civile dello Sri Lanka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *