I marchi storici italiani mantengono viva la loro eredità alla settimana della moda milanese – WWD

Milano – Una manciata di nomi ormai famosi, da Giorgio Armani a Valentino e Versace, hanno contribuito a costruire la reputazione della moda italiana, ma il paese ha a lungo beneficiato dell’abilità manifatturiera di un gran numero di piccole e medie imprese, nonché di un rete di marchi di piano. Ciò ha resistito alla prova del tempo nonostante i cambiamenti nel controllo e nella direzione creativa nel corso degli anni.

Ecco una selezione di quei brand che hanno presentato le loro collezioni autunnali durante la Milano Fashion Week.

crisi

Il designer Antonio Dana ha reso omaggio alla fondatrice di Krizia, Mariuccia Mandelli, i pantaloni e le camicette ispirati all’abbigliamento maschile, rivisitando i tessuti e gli stili tradizionali dell’abbigliamento maschile, dal Principe di Galles a Bed de Paul. Ha giocato con grandi proporzioni su una camicetta a righe bianche che funge anche da camicia, per esempio, o un lungo abito senza maniche a righe blu indossato su pantaloni larghi.

Altri ricordi di Mandeley erano le maglie comode oversize, una specialità di lunga data del defunto designer. “Il marchio Krizia è sempre stato distintivo nel suo obiettivo di perpetua trasformazione, ma è sempre riconoscibile”, ha detto Dana. “L’obiettivo è mantenere questo obiettivo nel tentativo di rendere sempre i codici di branding più rilassati”.

La cravatta, elemento ricorrente nella storia del brand, è presentata in una versione maxi realizzata su tessuto Intarsia con un tocco giocoso e sarcastico. Le camicie da uomo sono state arricchite con fili di velluto. D’Anna ha presentato anche una serie di orecchini total laccati in onore della passione di Mandelli per i gioielli oversize.

Shenzhen Marisfrolg Fashion Co. Ltd. , Il principale negozio di moda cinese, è entrato in Krizia nel 2014, un anno prima della morte del designer fondatore.

Cherry Look Autunno 2021
Bizity Paolo 2020

Romeo Gigli

Romeo Gigli ha lanciato il suo marchio nel 1983 ed è diventato influente nel decennio successivo e più attraverso le sue forme architettoniche combinate con tocchi romantici e rinascimentali e tocchi di ispirazione punk ed etnica. L’etichetta ha subito molti passaggi di proprietà e Gigli non è più associata al marchio, ora disegnato dal Direttore Creativo Alessandro De Benedetti. È riuscito a infondere nella collezione il suo tocco personale, guardando il designer fondatore.

READ  Confermato a Riva del Garda, in Italia, l'ottimistico Campionato del Mondo 2021

La collezione autunnale di De Benedetti si basa su una storia d’amore, l’idea che una donna sia innamorata di un marinaio, immaginandola che lo aspetta, fissando il mare, che è centrale nel video d’atmosfera che è stato progettato per presentare il set. C’è un’eco della Scozia, come nel bellissimo Capo Verde foderato con un tartan a contrasto in una tavolozza di blu e una giacca scozzese in stile anni ’30 che ricorda l’uniforme di un ufficiale. Anche impressionante è un vestito scolpito verde con maniche a palloncino. La piccola medusa “Hugo” proviene dall’Archivio Gigli e viene indossata sopra un’elegante camicetta bianca – anche con maniche a palloncino. L’abito in georgette lavato tre volte, decorato con piccoli fiori di ortensie in chiffon, era il più femminile possibile. I dettagli della schiena, i lacci, le cinghie con rouches e il grosgrain fanno l’occhiolino a Gigli.

Romeo Gigli

Uno sguardo dalla collezione Romeo Gigli Autunno 2021
Immagine di cortesia

Elena Miro

Elena Mirò è stata lanciata nel 1985 dall’ombrello italiano Miroglio Fashion, che ha ancora il controllo, ma il proprietario ha ravvivato la sua immagine e ha utilizzato Alessandro Dell’Acqua per creare una capsule. “Progettare una collezione di moda che offre un’estensione di scala può diventare uno stile che non ha nulla a che fare con l’inclusività, ma ha solo a che fare con lo scopo commerciale di utilizzare ciò che è considerato politicamente corretto”, ha detto Dell’Acqua. “Invece, volevo andare oltre e creare abiti desiderabili senza riguardo per le restrizioni e le regole di taglia”.

Dell’Acqua ha scelto l’attrice e modella olandese Lara Stone per una campagna interpretata da Mert Alas e Marcus Piggott. La pietra è vista indossare abiti e gonne da cofanetto alternando pannelli di pizzo neri e beige. Il designer ha rivisitato il tweed riccio di giacche, gonne e cappotti. Gli abiti rosa di vari colori consistevano in doppi cappotti abbinati con gonne a matita e bottoni piccoli. Gli abiti neri puliti di Jabr erano coperti di abiti nudi.

READ  Foto: prima sbirciatina della facciata de La Gelateria nel Padiglione Italia a EPCOT

Alessandro Del Acqua

Un’immagine dalla campagna capsule Alessandro Dell’Acqua x Elena Mirò.
Mert & Marcus – Cortesia dell’immagine

Compagni

Les Copains è ora sotto il controllo del nuovo proprietario Super Srl, di proprietà della famiglia bolognese Zambelli, che ha acquisito la casa madre del marchio BVM SpA nel 2019 dopo la morte del suo fondatore Mario Bandera un anno fa.

Yossi Cohen ha disegnato la collezione autunnale, che ha reso omaggio all’esperienza di maglieria di Les Copains, vista in un maglione alla marinara a righe. Cohen ha rivisitato i vecchi cappotti jacquard introdotti nel 1982 sui moderni tessuti delle felpa. Ha anche ricreato un piccolo simbolo di ancora realizzato con tecnologia di perforazione. L’ispirazione degli anni ’70, mescolata a folk etnici, intervallano abiti stampati nei toni del denim tinti in cravatta con ruches e camicie fatte a mano e all’uncinetto. La tavolozza dei colori vira dal rosso Campari e dal rosa bouganville al giallo curcuma e al verde smeraldo, aggiungendo un tocco giocoso alla collezione.

Compagni

Look Les Copains Autunno 2021.
Immagine di cortesia

Miglia bellissime

Il marchio Mila Schön è ora disegnato da un team, dopo l’uscita del designer svedese Gunn Johansson. Il team stava lavorando ai modelli d’archivio di Schön e la collezione autunnale è stata esposta su strutture colorate ispirate al lavoro dell’artista americano Alexander Calder, elementi metallici in movimento che enfatizzavano la leggerezza dell’abbigliamento. È rimasto un tema Maude del periodo Johansson, che attraversa abiti a trapezio con ricami curvi fatti di nastri, getti e cristalli in colori e geometrie contrastanti. Le stesse forme geometriche si sono trasformate in pennellate sui cappotti.

Già Mila

Uno sguardo dalla collezione Mila Schön Autunno 2021.
Immagine di cortesia

Bourbon

READ  Arriva in Italia la prima autostrada per la ricarica di veicoli elettrici

Lo ha detto Dorian Tarantini, scelto con Matteo Mina nel 2019 per rivisitare l’iconico marchio italiano, fondato nel 1910 e da decenni uno dei preferiti della borghesia italiana.

Mina e Tarantini, che hanno lanciato insieme il marchio M1992, hanno rispettato l’eredità del marchio e in autunno ne hanno rivisitato il design distintivo. La collezione si distingueva per l’estetica degli anni ’50, ed è stata confermata dalla scelta dei designer di mettere in mostra la Torre Breda a Milano, un edificio di 30 piani di quel decennio. Presentava anche quella che è conosciuta come la capanna di base, che celebra e rappresenta la vita rurale. Grembiuli di seta che ricordano quelli indossati in giardino, guanti simili a quelli usati per la cura dei fiori, giacche trapuntate e scarpe Wellington erano tutti caratterizzati da dettagli OP. Una camicetta con pannelli frontali allungati fino in fondo, come una giacca. I bei cappotti pastello sono sottolineati dalle borse che rimangono il cuore del marchio. Realizzato con borsa a secchiello in nylon riciclato al 100%. Realizzata in pelle e pelle scamosciata OP, questa borsa Mustang è impreziosita da staffe e fodera testurizzata.

Bourbonese

Look Bourbonese Autunno 2021.
Alessandra

Louisa Spagnoli

Le colline e la valle della bellissima regione Umbria, sede della sede di Luisa Spagnoli, la piscina a sfioro e la tipica casa della zona con le sue pietre grezze hanno fatto da sfondo al video del brand italiano. Nicoletta Spagnoli, che guida l’azienda di famiglia e disegna la collezione, ha detto che la collezione è “una celebrazione del ritorno alla vita, con un tono urbano, con tocchi femminili e sexy”. Con una storia che dura da più di nove decenni, Luisa Spagnoli ha una clientela fedele di donne lavoratrici e Spagnoli ha introdotto abiti scozzesi, lunghi cappotti militari in lana e cashmere double face, cabine box e giacche in shearling.

La maglieria è un punto fermo e il marchio offre abiti corti a coste con scollo a V e scollo profondo, gilet con spacchi sopra i pantaloni palazzo e bottoni che si indossano come cappotti. C’erano anche top ispirati alla lingerie che aggiungevano un tocco di femminilità in più.

Luisa Spagnoli

Uno sguardo dalla collezione Luisa Spagnoli Fall 2021.
Immagine di cortesia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *