I lottatori che protestano in India affermano che lanceranno medaglie nel Gange | Notizie di protesta

I lottatori che protestano in India affermano che lanceranno medaglie nel Gange |  Notizie di protesta

Atleti che protestano per presunte molestie sessuali da parte di un alto funzionario minacciano di gettare le loro medaglie nel fiume nella città tempio di Haridwar.

I migliori lottatori indiani hanno minacciato di gettare le loro medaglie nel fiume Gange mentre chiedono l’arresto del capo della Wrestling Federation of India (WFI) per accuse di molestie sessuali.

In una dichiarazione congiunta rilasciata martedì a conclusione della loro protesta durata un mese, i lottatori, tra cui le medaglie olimpiche Sakshi Malik e Bajrang Punia, hanno delineato la loro prossima mossa.

“Immergeremo queste medaglie nel fiume Gange… Più sacro consideriamo il fiume Gange, più otterremo queste medaglie attraverso il duro lavoro. Queste medaglie sono sacre per l’intero paese e il posto giusto dovrebbe essere nel Gange stesso”, diceva la loro dichiarazione in hindi.

“Queste medaglie sono le nostre vite e le nostre anime. Non ci sarebbe motivo di vivere dopo che sono state sommerse oggi nel fiume Gange”.

Malik, che indossava un’uniforme blu, è stato arrestato dalla polizia durante una protesta a Nuova Delhi domenica [File: Altaf Qadri/AP]

Gli atleti hanno detto che avrebbero lanciato le medaglie ad Haridwar, una città-tempio lungo il fiume considerata sacra dagli indù.

L’atto fa eco al famoso pugile Muhammad Ali che notoriamente lanciò la sua medaglia d’oro olimpica di Roma del 1960 nel fiume Ohio dopo che gli fu negato l’ingresso in un ristorante di Louisville a causa della segregazione razziale negli Stati Uniti.

Dopo aver buttato via le loro medaglie, gli atleti indiani hanno detto che sarebbero tornati nella capitale, Nuova Delhi, per iniziare uno sciopero della fame al memoriale dell’India Gate di epoca britannica.

I lottatori si erano accampati a Nuova Delhi dal 23 aprile chiedendo un’azione contro il presidente del WFI Brijbhushan Charan Singh, che ha negato qualsiasi illecito. Singh è anche membro del parlamento del Bharatiya Janata Party del primo ministro Narendra Modi.

READ  Stati Uniti: il Mukhtar che divenne ricco vendendo bambini
I lottatori indiani, da destra, Bajrang Puniya, Sangeeta Phogat e Vinch Phogat si abbracciano prima della loro marcia di protesta verso il nuovo Parlamento di Nuova Delhi [File: Shonal Ganguly/AP]

Diversi lottatori di protesta sono stati brevemente arrestati domenica dalla polizia di Delhi e il loro accampamento è stato sgomberato dopo che avevano tentato di dirigersi verso il nuovo edificio del parlamento indiano, inaugurato da Modi.

Singh, 66 anni, è stato privato dei suoi poteri manageriali, ma i lottatori chiedono il suo arresto per accuse di molestie sessuali contro le lottatrici.

Gli atleti in protesta hanno anche chiesto l’intervento della Corte Suprema, che ha ordinato alla polizia di aprire un procedimento contro Singh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *