I cosmonauti russi iniziano una serie di passeggiate spaziali per integrare Noka nella Stazione Spaziale Internazionale

Gli ingegneri del volo 65, Oleg Novitsky e Petor Dobrov, sono usciti dalla Stazione Spaziale Internazionale dalla Stazione Spaziale Internazionale dell’EVA-49 della Russia, la prima di una serie di 11 passeggiate spaziali pianificate per integrare completamente il nuovo modulo Nauka della Russia nella Stazione Spaziale Internazionale.

Novitsky e Dubrov, indossando le tipiche tute spaziali russe Orlan-MKS, sono usciti dalla camera di equilibrio di Poisk alle 14:41 UTC/10:41 EDT del 3 settembre per una passeggiata spaziale di quasi 7 ore. All’interno della stazione, sono aiutati in questa attività extraveicolare dall’astronauta della NASA e ingegnere di volo della Spedizione 65 Mark Vande Hee.

EVA-49 – Spacewalk 242 per supportare la costruzione, l’equipaggiamento e la manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale, EVA 12 dell’anno (10 sulla Stazione Spaziale Internazionale e 2 sulla Stazione Spaziale Cinese), e la quinta della Spedizione 65 – si concentrerà in particolare sul collegamento di Nauka alla ISS e ai sistemi Ethernet.

Dopo anni di ritardo, Nauka è stata lanciata e attraccata indipendentemente alla Stazione Spaziale Internazionale alla fine di luglio. Da allora, l’equipaggio a bordo della stazione e il personale di terra hanno lavorato in Russia per mettere in funzione la nuova unità.

Il volo di venerdì è il secondo EVA sia per Novitsky che per Dubrov, che hanno trascorso 7 ore e 19 minuti fuori dalla stazione a giugno, con il compito di smantellare il baccello di ormeggio russo smantellato di Pierce per fare spazio a Noka.

Una volta che i due cosmonauti sono usciti da Poisk, il loro primo compito è stato quello di traslare in una delle due gru russe Strela EVA montate sul segmento russo ed eseguire il lavoro preparatorio sull’effettore finale richiesto in seguito nella passeggiata spaziale.

Successivamente, Dubrov si sposterà verso Nauka e inizierà a installare diversi fermacavi sulla nuova unità.

READ  Perché l'Occidente guarda leggermente la Cina su Marte?

Dopo che Dubrov aveva installato i nuovi morsetti, Novitsky avrebbe iniziato a instradare i cavi di alimentazione instradati verso il Nauka verso il modulo, collegandoli all’alimentazione della stazione.

Una volta che i due avranno completato il lavoro del cavo, Dobrov si attaccherà all’effettore finale della gru Strela, e Novitsky lo estenderà… Dubrov si è trasferito sul PMA-1 (Compact Mating Adapter-1), il nodo che collega la parte russa della Stazione Spaziale Internazionale con quella americana.

Nowitzki tradurrà quindi la mutazione Strella per incontrare Dubrov al PMA-1.

Novitsky (a sinistra) e Dubrov (a destra) indossano le loro tute spaziali Orlan durante i preparativi per l’EVA-49. (credito: ESA/NASA)

da qui, I due inizieranno a lavorare collegando la Nauka al sistema di alimentazione del segmento statunitense e collegando i cavi Ethernet di Nauka. Una volta completato questo lavoro, Novitsky trasformerà il braccio di supporto di Strela prima della manovra di Dubrov all’estremità anteriore dell’unità di servizio Zvezda, il porto su cui è attraccata Nauka.

Ora, dopo essere tornato a Nauka, Dubrov inizierà a installare nuovi parabordi sull’unità per aiutare nelle future passeggiate spaziali mentre Novitsky, ora situato vicino a Poisk, continuerà a operare sulla connessione Ethernet tra Nauka e il resto della stazione.

Dopo questi compiti, saranno completati gli obiettivi primari di questa giornata per le coppie. Quindi, se il tempo lo consente, effettueranno una missione “progressiva” collegando tre contenitori per esperimenti Biorisk-MSN all’esterno del Poisk per osservare come funzionano i microrganismi quando esposti al vuoto dello spazio.

L’EVA-49 segna l’inizio di un intenso periodo di passeggiate spaziali per l’equipaggio della Expedition 65, con Novitsky e Dubrov programmati per uscire di nuovo dalla stazione il 9 settembre per l’EVA-50 russo per continuare a lavorare su Nauka.

Akihiko Hoshied, astronauta della JAXA e comandante della Spedizione 65, aderire Astronauta francese presso l’Agenzia spaziale europea Thomas Pesquet, uscirà dalla stazione statunitense EVA-77, che vedrà i due preparare la Stazione Spaziale Internazionale per l’installazione del nuovo terzo pannello solare iROSA.

Diagramma che mostra le componenti importanti dell’ERA. (credito: ESA)

È interessante notare che l’EVA-77 rappresenterà il primo “EVA americano” ad essere realizzato senza astronauti americani.

Nei mesi successivi, sono stati pianificati altri nove voli spaziali russi per integrare completamente Nauka e la Stazione Spaziale Internazionale. Uno di questi compiti sarà l’attivazione Il sistema European Robotic Arm Manipulator (ERA) dell’Agenzia spaziale europea è stato lanciato nello spazio con Nauka a luglio.

Inoltre, l’astronauta tedesco dell’ESA Matthias Maurer, che dovrebbe decollare verso la stazione per l’imminente missione SpaceX Crew-3 entro il 31 ottobre, parteciperà ad almeno una delle passeggiate spaziali dell’ERA.

Questa sarà la prima volta che un cosmonauta non russo partecipa a un’EVA russa dalla Expedition 20 nel 2009.

(FOTO IN ALTO: Nowitzki lavora all’estremità di una gru Strela durante la sua passeggiata spaziale con Dubrov nel giugno 2021 a giugno. Credito: Roscosmos/NASA)

READ  Redmi stuzzica la confezione per la serie K40, ma il caricabatterie è incluso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *