Gucci Osteria porta una fetta d’Italia nel quartiere Ginza di Tokyo

Vista dal balcone. La stella, un simbolo ricorrente nell’arredamento dei ristoranti di Tokyo, è mostrata qui sul pavimento a mosaico.

Foto: Hiroki Kobayashi / Per gentile concessione di Gucci

Si trova al quarto e ultimo piano del flagship store Gucci Namiki a Ginza, un vivace quartiere dello shopping, Ristorante È la terza di una serie di editoriali (dopo Firenze nel gennaio 2018 e Rodeo Drive, Beverly Hills nel febbraio 2020), e la sua prima apparizione nell’era post-pandemia. (Mentre il Giappone ha revocato le restrizioni sui ristoranti all’inizio di ottobre, non ha ancora riaperto i suoi confini ai turisti.)

Antonio Iacovello, chef della Gucci Osteria Tokyo.

Foto: Gabriel Stabile / Per gentile concessione di Gucci

È anche la prima incursione di uno chef a tre stelle in Giappone. Antonio Iacovello ha affiancato al progetto Bottura, che gestisce la Gucci Osteria Kitchen. I risultati mostrano l’impollinazione incrociata delle culture gastronomiche portando a Tokyo i grandi classici di Putura (come l’hamburger dell’Emilia oi tortellini alla crema di Parmigiano Reggiano). Non mancano, naturalmente, il vino (più di 350 insegne in esposizione), i cocktail e gli snack per tartine all’italiana, che gli ospiti possono gustare sulla terrazza con vista panoramica.

Un dolce, Anmitsu Blueberries, su un piatto della collezione di posate Gucci Décor.

Foto: Gabriel Stabile / Per gentile concessione di Gucci

Niente nel ristorante “manca nella traduzione” – nemmeno gli interni ispirati alla Gucci Osteria a Firenze. Nella vista ci sono molti riferimenti al Rinascimento, una vibrante tavolozza di verde, tavoli in marmo, sedie in vimini e fondali Gucci Décor – tra cui una stampa Tian, ​​che, combinata con lo spazio pergolato del ristorante, evoca un giardino d’inverno. Il pavimento in legno dipinto a mano, il cui motivo deriva dagli oggetti d’antiquariato raccolti dal Direttore Creativo di Gucci Alessandro Michele, aggiunge ancora più personalità allo spazio. Le stelle possono essere viste ovunque e il ristorante dispone anche di una sala privata con boiserie in ebano. Nascosto dietro porte scorrevoli, lo spazio è decorato con specchi antichi provenienti dall’Europa. Tuttavia, il legame duraturo tra Oriente e Occidente continua grazie ai panorami di Namiki-dori Street, circondata da alberi di limoni.

La stanza privata può ospitare fino a otto persone ed è decorata con specchi antichi e carta da parati della collezione Gucci Décor.

Foto: Hiroki Kobayashi / Per gentile concessione di Gucci

READ  I campioni del mondo sono campioni olimpici in coppia mentre Irlanda e Italia fanno la storia Italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *