Google deve affrontare una causa da 5 miliardi di dollari per il giudizio sulle regole di monitoraggio dell’uso di Internet

Google è oggetto di pesanti critiche per le informazioni che afferma di raccogliere dagli utenti in modalità di navigazione in incognito.

Getty Images

Google non è riuscita a ottenere l’archiviazione di una causa in base al fatto che raccoglie dati degli utenti sull’attività di Internet anche quando navigano nella modalità di navigazione in incognito del browser. La causa Introdotto a giugno, Google presumibilmente viola le leggi sulle intercettazioni telefoniche e sulla privacy continuando a “intercettare, monitorare e raccogliere comunicazioni” anche quando le persone utilizzano la modalità di navigazione in incognito di Chrome e altre modalità di browser web privato.

Un giudice federale venerdì ha respinto la richiesta del gigante della tecnologia di archiviare la causa, che sta cercando di intentare un’azione legale collettiva.

“La corte ha concluso che Google non ha informato gli utenti che Google era coinvolta nella presunta raccolta di dati mentre l’utente era in navigazione privata”, ha scritto nella sua sentenza il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Lucy Koh a San Jose, in California.

La sentenza arriva in mezzo a un controllo continuo dei giganti della tecnologia come Google e Facebook sulla quantità di dati che le aziende hanno raccolto dai consumatori. L’anno scorso Google ha dichiarato che avrebbe eliminato gradualmente i cookie di terze parti che tracciano la navigazione delle persone attraverso i siti Web e indirizzano gli annunci per loro in base alla loro attività.

La causa, che chiede almeno 5 miliardi di dollari a Google e alla sua società madre Alphabet, afferma che la società sta raccogliendo di nascosto dati tramite Google Analytics, Google Ad Manager e plug-in per altri siti Web e app, comprese le app mobili.

Google non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento, ma ha affermato in precedenza di opporsi alle accuse, aggiungendo che ogni volta che gli utenti aprono una nuova scheda in incognito, vengono informati che i siti Web potrebbero essere in grado di raccogliere informazioni sulla loro attività di navigazione mentre sei seduto .

READ  Google Pixel 6 sarà alimentato dal primo chip interno dell'azienda: un rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *