Gli Stati Uniti restituiscono all’Italia centinaia di antichità saccheggiate

Gli Stati Uniti restituiscono all’Italia centinaia di antichità saccheggiate

Inoltre: l'archeologo classico e storico dell'arte John Boardman è morto all'età di 96 anni

Dagli Stati Uniti sono stati restituiti all'Italia 600 reperti per un valore di circa 60 milioni di euro. Foto: Stefano Montesi/Corbis tramite Getty Images

Dagli Stati Uniti sono tornati in Italia oltre 600 reperti per un valore complessivo di circa 60 milioni di euro. Le indagini condotte dal Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (noto come Corpo dei Carabinieri per le Arti), con l'assistenza dell'Ufficio del Procuratore Distrettuale di New York e delle Investigazioni per la Sicurezza Nazionale, hanno scoperto centinaia di oggetti saccheggiati che erano conservati in gallerie e case d'asta. e collezioni private in tutti gli Stati Uniti. Gli oggetti recuperati risalgono principalmente al periodo dal IX secolo a.C. al II secolo d.C. Loro includono Una moneta d'argento del IV secolo con i volti del dio Dioniso e del dio Seleno è stata messa in vendita lo scorso anno negli Stati Uniti per 500.000 dollari. Tra gli articoli restituiti manca l'antica statua greca Gioventù vittoriosaattualmente Nello spettacolo Al Getty Hotel di Los Angeles, nonostante la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo Anticipo questo mese L’Italia ha il diritto di restaurare la statua. Sempre nelle notizie sulla ripresa, il Cleveland Museum of Art (CMA) Lui ha acconsetito Restituire alla Libia una statua egiziana di 2.200 anni, dopo aver riconosciuto la possibilità che la statua sia stata saccheggiata durante la seconda guerra mondiale. Tuttavia, la statua rimarrà esposta presso la CMA in prestito “per alcuni anni”, con un adesivo che descrive la Libia come proprietario legale della statua.

READ  Jorginho: Giorgio Chiellini afferma che il suo compagno di squadra italiano merita di vincere il Pallone d'Oro | notizie di calcio

Archeologo classico e storico dell'arte John Boardman è morto all'età di 96 anni. Boardman, che era un membro di ApolloIl Comitato consultivo editoriale è descritto in una scheda Profilo della rivista 2006 Come “il più illustre storico dell'arte britannico del mondo classico”. Nato nell'Essex nel 1927 e formatosi a Cambridge, ha scritto circa 45 libri – ed è coautore di molti altri – sull'arte e la cultura del mondo antico. Sebbene le sue specialità fossero le pietre preziose greche incise e i vasi dipinti, esplorò anche temi più ampi in libri come Il mondo dell'arte antica (2006) e più recentemente, Alessandro Magno: dalla sua morte ai giorni nostri (2019). Come studioso, Boardman era noto per il suo rigore e per la teoria che divideva l'arte del mondo antico a seconda del clima in cui veniva prodotta. Boardman è stato professore Lincoln di arte classica e archeologia presso l'Università di Oxford dal 1978 al 1994, quando divenne professore emerito. Per Boardman, la pensione significava altri 30 anni di lavoro. Tra i tanti riconoscimenti che ha ricevuto nel corso dei suoi settant'anni di carriera figurano la Medaglia Kenyon della British Academy, nel 1995, e il Premio Onassis per le discipline umanistiche, nel 2009. È stato nominato cavaliere nel 1989.

L'Imperial War Museum vuole smettere di riconoscere le due unioni. Segnalato da Françoise Harris, Direttore esecutivo, Collezioni e governance Giornale d'arteHa scritto alla Public and Commercial Services Union (PCS) e alla First Division Association (FDA) per informarli che il museo avrebbe riconosciuto solo Prospect, uno dei tre sindacati che attualmente rappresentano i dipendenti della collezione del museo. IL PCS rappresenta i dipendenti a basso salario, la FDA tende a rappresentare i dipendenti in posizioni dirigenziali e Prospect agisce in gran parte per conto di coloro che fungono da amministratori. La lettera di Harris ai sindacati è arrivata dopo che i risultati di un sondaggio gestionale del personale del ramo commerciale di IWM, che comprende negozi e caffè del gruppo, hanno rivelato che l'80% degli intervistati ha affermato di volere una rappresentanza sindacale.

READ  Anthony's Italian Kitchen riceve un aiuto finanziario da Barstool Sports

Gruppo di hacker RansomHub rivendica la responsabilità del recente attacco informatico a Christie's. In un post sul dark web di lunedì, Ripubblicato su X Di analista di sicurezza informatica Brett Callow Il gruppo ha affermato di possedere informazioni personali appartenenti a 500.000 clienti privati ​​di Christie's in tutto il mondo. Ha inoltre affermato che avrebbe rilasciato queste informazioni se il riscatto non fosse stato pagato entro la fine della giornata. Nota Christie's ha confermato ieri che i nomi completi e i numeri di passaporto erano stati violati, ma il gruppo di hacker – che non è stato ancora confermato essere RansomHub – non è stato in grado di accedere ai dettagli finanziari, alle foto d'identità, alle firme o alle informazioni di contatto dei clienti. L'attacco informatico ha messo offline il sito web di Christie il 9 maggio. Il tumulto è continuato per circa una settimana e mezza, ed è continuato durante le aste di Christie's a maggio, ma gli acquirenti non si sono lasciati scoraggiare, riunendo le vendite serali della casa d'aste di arte contemporanea e opere del XX secolo $ 528 milioni.

Sotheby's prevede di licenziare decine di dipendenti a Londra. Quattro fonti anonime lo hanno L. ha detto Giornale d'arte Circa 50 persone nella capitale perderanno il lavoro a causa della ristrutturazione prevista, con maggiori perdite di posti di lavoro previste a New York e nell’Europa continentale. Una delle fonti ha affermato che i ruoli a livello di direttore e mago tecnico vengono rivalutati nel processo di ristrutturazione. I profitti della filiale britannica di Sotheby's sono diminuiti del 24% tra il 2021 e il 2022, anche se un portavoce di Sotheby's ha affermato all'epoca che questo “non rappresenta la visione finanziaria della nostra intera organizzazione globale e nemmeno della nostra attività nel Regno Unito nel suo insieme”. Sotheby's è di proprietà del miliardario Patrick Drahi dal 2019 e il suo impero delle telecomunicazioni si basa su… 60 miliardi di dollari di debiti. La casa d'aste ha smentito le voci secondo cui avrebbe intenzione di vendere la sua sede londinese: “Londra è e continuerà ad essere il centro più grande e importante per vendite, mostre e talenti in Europa e la nostra seconda sede di vendita più grande nel mondo”, afferma un portavoce. mondo.'

READ  La produzione italiana di acciaio grezzo è rimbalzata ad aprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *