Gli alimenti fermentati sono collegati a benefici per la salute mentale attraverso la connessione tra l’intestino e il cervello

Gli alimenti fermentati sono collegati a benefici per la salute mentale attraverso la connessione tra l’intestino e il cervello

In una recente recensione pubblicata sulla rivista Recensioni di neuroscienze e biocomportamentaliRicercatori irlandesi hanno esplorato la diversità degli alimenti fermentati, le loro fonti e le tecniche di fermentazione esaminando la loro capacità di influenzare l'asse intestino-cervello. Inoltre, hanno identificato le lacune della conoscenza e le sfide nello studio dei benefici per la salute mentale di alcuni alimenti fermentati e hanno proposto soluzioni per aumentare la comprensione del loro potenziale terapeutico.

Soggiorno: Alimenti fermentati: sfruttare il loro potenziale per modulare l’asse intestino-cervello per la salute mentale. Credito immagine: Molishka/Shutterstock

sfondo

I microbi che colonizzano l’intestino agiscono come mediatori vitali nell’asse intestino-cervello, collegando i segnali estrinseci del corpo e le funzioni intrinseche e comunicando continuamente con il sistema nervoso centrale. Vari fattori, tra cui la dieta, influenzano il microbioma intestinale e influenzano le componenti intestinali, immunitarie e neurologiche dell’asse microbiota intestino-cervello. I recenti progressi evidenziano il potenziale degli interventi nutrizionali mirati al microbioma, come probiotici, prebiotici e alimenti fermentati, per migliorare la salute mentale attraverso la modulazione dell’asse intestino-cervello.

Gli alimenti fermentati sono stati storicamente utilizzati per prolungare la durata di conservazione e migliorare il sapore. Sono diversi, classificati per substrato, tra cui cereali, latticini, carne, pesce, verdure e legumi, ciascuno sottoposto a processi di fermentazione unici. Questi alimenti contengono una ricca comunità microbica influenzata dal tipo di substrato, dalla posizione geografica, dal pH e dai metodi di preparazione, fornendo potenziali probiotici, peptidi bioattivi, sostanze fitochimiche e vitamine. I ricercatori continuano a studiare gli alimenti fermentati per la loro capacità di modellare la composizione del microbiota intestinale, produrre metaboliti benefici e modificare i percorsi che collegano l’intestino e il cervello, fornendo una strada promettente per interventi nutrizionali.

READ  SGLT-2 inibitore HF, beneficio CV trovato coerente tra le popolazioni con T2D, CKD, HF

L’attuale revisione esplora i benefici per la salute mentale degli alimenti fermentati, esamina il loro impatto sull’asse intestino-cervello e discute le sfide negli studi preclinici e sull’uomo.

Alimenti fermentati e asse intestino tenue-cervello

Gli alimenti fermentati influenzano l’asse intestino-cervello attraverso la modulazione immunitaria, l’integrità della barriera e la regolazione neuroendocrina. I microbi e i metaboliti degli alimenti fermentati interagiscono con i recettori, influenzando le risposte immunitarie. Gli alimenti fermentati migliorano l’integrità della barriera intestino-emato-encefalica, probabilmente mediata da metaboliti microbici. Colpisce anche l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e i livelli di serotonina. Studi preclinici e sull’uomo rivelano diversi effetti immunomodulatori degli alimenti fermentati, evidenziando la necessità di esplorare ulteriormente le loro complesse interazioni con l’asse immunitario del microbiota intestino-cervello.

Gli alimenti fermentati esercitano effetti profondi sull’asse intestino-cervello modulando il sistema enteroendocrino (EES), influenzando gli ormoni intestinali come la serotonina, il neuropeptide Y, il peptide 1 simile al glucagone (GLP-1), la grelina e la somatostatina. Questi ormoni regolano il movimento, l’appetito e il rilascio di insulina, che influenzano il comportamento alimentare. Gli alimenti fermentati, ricchi di prebiotici e probiotici, modellano il microbioma intestinale e promuovono la produzione di ormoni intestinali, in particolare GLP-1. Tuttavia, gli studi sugli effetti degli alimenti fermentati sulla sazietà non sono conclusivi e si osservano differenze nel rilascio degli ormoni. Inoltre, gli alimenti fermentati possono alterare i livelli di grelina e leptina, che contribuiscono alla regolazione dell’appetito. Comprendere queste complesse interazioni è fondamentale per sfruttare i potenziali benefici per la salute degli alimenti fermentati.

Scena preclinica e clinica

Gli alimenti fermentati influenzano le vie di comunicazione intestino-cervello, influenzando le risposte immunitarie, il microbiota intestinale, i metaboliti microbici e il sistema nervoso enterico. Modelli preclinici, tra cui moscerini della frutta, pesci zebra, topi e maiali, rivelano miglioramenti comportamentali e modifiche del microbiota con latticini fermentati, semi di soia, prodotti a base di zucchero e altri substrati. Gli studi sugli esseri umani sui latticini fermentati mostrano effetti cognitivi contrastanti, mentre gli studi osservazionali collegano il consumo di cibi fermentati al cambiamento dei profili intestinali e alla riduzione dell’ansia. I prodotti fermentati a base di soia, in particolare gli isoflavoni, possono apportare benefici alla funzione cognitiva nelle donne, in contrasto con le associazioni negative del consumo di tofu. Una precedente meta-analisi suggerisce che gli alimenti fermentati sono promettenti per i risultati cognitivi.

READ  CES 2021 | Lenovo ha annunciato il laptop da gioco IdeaPad 5i Pro 120Hz »TechnoCodex

Tendenze e sfide future

La standardizzazione degli alimenti fermentati è messa alla prova dalle diverse comunità microbiche che sono influenzate da fattori quali la geografia, il volume di produzione e il tipo di substrato. Le condizioni ambientali, la durata della fermentazione, la salinità, il pH, l'umidità e il tempo di maturazione contribuiscono alla complessità. Le linee guida normative forniscono approfondimenti limitati e richiedono sensibilità culturale. Le tecnologie “omiche” aiutano la comprensione e la conservazione dei dati, ma la grande diversità degli alimenti fermentati richiede ulteriori esplorazioni per una standardizzazione efficace, tenendo conto del potenziale bioattivo e della conservazione della cultura. L’impostazione di studi sull’uomo sugli interventi dietetici fermentati presenta sfide come la considerazione dei controlli e l’enfatizzazione della necessità di controlli non fermentati nelle valutazioni. La varietà di alimenti consigliati ostacola la misurazione accurata della quantità di cibo fermentato, richiedendo metodi dettagliati come richiami alimentari 24 ore su 24 e diari alimentari. I biomarcatori associati al consumo di alimenti fermentati forniscono misurazioni precise, utilizzando progressi come il codice a barre molecolare delle piante per ottenere impronte digitali uniche. L’utilizzo di metodi appropriati di cattura del microbioma include la scelta di tecniche ad alta risoluzione come il sequenziamento metagenomico dell’rRNA 16S (abbreviazione di acido ribonucleico ribosomiale).

Conclusione

In sintesi, lo studio attuale esamina l’impatto significativo degli alimenti fermentati sulla salute, sfruttando diversi ceppi microbici, metaboliti e composti bioattivi per ottimizzare i benefici per la salute neurologica e mentale. Sottolinea la necessità di ulteriori studi sull’uomo, in particolare con controlli non fermentati, per definire e comprendere in modo completo gli effetti benefici degli alimenti fermentati sull’asse intestino-cervello-cervello. Nonostante le sfide, gli alimenti fermentati stanno emergendo come componenti fondamentali nello sviluppo di terapie a base di probiotici per la salute mentale.

READ  Frame.io collega la produzione di film e TV con il cloud live, le apparecchiature audio e le offerte Colorfront di Teradek

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *