Francia e Regno Unito litigano per il pesce. Cos’è veramente questa guerra di parole?

è guerra!

Beh, è ​​una guerra di pesci.

Come le precedenti guerre di pesce, le parole sono feroci, la posta in gioco è piccola e compaiono le cannoniere, ma i colpi sparati sono spesso verbali.

Questo conflitto contrappone la Francia alla Gran Bretagna, e non per la prima volta. Pensa alle guerre napoleoniche del XIX secolo, alla Guerra dei sette anni del XVIII secolo (quando il Canada era un premio) e, naturalmente, alla Grande Guerra: la Guerra dei Cent’anni. È stato un po’ di tempo fa. Terminò nel 1453.

In gioco nell’attuale lotta ci sono – aspettate – qualche centinaio di licenze di pesca per piccole imbarcazioni francesi. Questi sono stati introdotti dopo il voto sulla Brexit nel 2016, quando la Gran Bretagna ha ripreso il controllo delle sue acque costiere. Consentono alle navi francesi, come concordato nell’accordo sulla Brexit, di pescare al largo della costa inglese e delle coste delle Isole del Canale di Jersey e Guernsey, come hanno fatto per decenni.

Ma i francesi dicono che gli inglesi stanno deliberatamente negando molte delle licenze per le loro barche. In risposta, i francesi catturarono un peschereccio inglese, lo portarono nel porto di Le Havre e il 27 ottobre multarono un secondo capitano.

La retorica è feroce e viene dall’alto. “Ora dobbiamo parlare il linguaggio della forza”, ha detto alla televisione francese il ministro francese per l’Europa Clement Bonn. “Purtroppo, è l’unica lingua che il governo britannico capisce”.

Il mese scorso il peschereccio britannico Cornelis-Gert Jean Dumfries ha attraccato nel porto di Le Havre, nel nord della Francia, in attesa del permesso di partire. (Samir El Doumi/AFP via Getty Images)

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha risposto allo stesso modo, affermando che le azioni della Francia potrebbero significare che ha “effettivamente violato” l’accordo commerciale sulla Brexit. “Questo è un problema che dobbiamo perseguire”.

Questo è il secondo turno. Ad aprile, gli inglesi hanno inviato due cannoniere della marina al largo della costa del Jersey per contrastare una protesta francese di pescherecci. Secondo quanto riferito, una barca francese ha tentato di investire un peschereccio del Jersey. Non sparato.

E il pesce?

lezione canadese

Nel 1995, il ministro della pesca canadese, Brian Tobin, ha ordinato la confisca di un grande peschereccio spagnolo per pesca eccessiva nelle acque al largo della costa canadese. La Guardia Costiera ha sparato dalla prua del peschereccio in fuga. Tobin in seguito ha mostrato le reti su una chiatta sull’East River, appena fuori dalla sede delle Nazioni Unite, per dimostrare che violavano le regole internazionali della pesca.

Gli spagnoli hanno risposto inviando una motovedetta militare per proteggere le sue navi.

Il commissario europeo per la pesca Emma Bonino ha definito il sequestro un “atto di pirateria organizzata”. La Gran Bretagna ha posto il veto alle minacciate sanzioni dell’UE, dopo le intense pressioni dell’Alto Commissario canadese a Londra, Royce Frith.

Tobin si recò quindi nel porto peschereccio della Cornovaglia di Newlyn, dove i pescatori inglesi lo salutarono come un eroe in un mare di bandiere canadesi, odiando anche le flotte pescherecce spagnole nelle loro acque.

“Non ho mai avuto un’accoglienza così gloriosa in tutta la mia vita politica”, mi disse Tobin all’epoca.

A metà degli anni ’90, il ministro della pesca canadese Brian Tobin ha avuto un litigio con gli spagnoli sui diritti di pesca al largo della costa orientale del Canada. (Notizie in prima serata/Archivio CBC)

La “guerra” fu risolta in silenzio dopo sei settimane. Il Canada ha restituito obbligazioni da 600.000 dollari canadesi offerte dalla Spagna per liberare la nave spagnola imprigionata. I due paesi hanno concordato di modificare le norme internazionali sulla pesca al largo.

Il conflitto franco-britannico è più feroce, più ampio e più personale.

rabbia falsa?

Fonti del governo britannico sussurravano che l’indignazione francese fosse falsa. Il presidente Emmanuel Macron dovrà affrontare una dura campagna di rielezione presidenziale nei prossimi mesi e affermano che alcune critiche di alto profilo alla Gran Bretagna potrebbero aiutare a motivare gli elettori, in particolare nel campo di destra irrequieto della Francia.

Vero, ma questo interpreta male la vera rabbia del governo francese nei confronti del governo di Johnson. Molto ha a che fare con l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Macron crede che non ci si possa fidare di Johnson.

I due uomini si sono incontrati al vertice del G7 a giugno. Macron ha detto a Johnson che era necessario ripristinare le relazioni franco-britanniche. Solo per la comprensione di tutti, un consigliere presidenziale ha dettato le parole esatte di Macron – che ha trasmesso in inglese a Johnson – ai media.

Questa frase chiave includeva:[A reset] Può succedere, a patto che mantenga la parola data con gli europei”.

In altre parole, smettila di mentire.

Invece, a settembre, i britannici hanno firmato la cosiddetta AUKUS, un’alleanza USA-Australian-Britannica contro la Cina che brutalmente – e senza preavviso – ha spinto la Francia fuori da un accordo sottomarino di lunga data con l’Australia a favore degli Stati Uniti.

I francesi brillavano. Il ministro degli Esteri l’ha definita una “pugnalata alle spalle”. Parigi ha richiamato i suoi ambasciatori da Canberra e Washington, ma non da Londra.

Jean-Yves Le Drian, il ministro degli esteri francese, ha sfacciatamente respinto il governo di Johnson come la “quinta ruota del carro” nel complotto.

Johnson, come al solito, l’ha suonata per ridere. “Donnez-moi un break”, ha detto in un francese intenzionalmente lacerato. I francesi non erano divertiti.

Non è un grande segno della tua credibilità

In effetti, gli inglesi, e questo governo britannico in particolare, sanno come far arrabbiare i loro vicini d’oltremanica.

“Non lasceremo che la Gran Bretagna pulisca i piedi sugli accordi sulla Brexit”. Questo era il portavoce e ministro del governo francese, Gabriel Attal, il 26 ottobre.

Il governo francese ritiene che la Gran Bretagna non abbia rispettato i propri obblighi di pesca o controlli doganali nell’Irlanda del Nord. Londra ha persino minacciato di abbandonare il Protocollo dell’Irlanda del Nord.

Il 28 ottobre, il primo ministro francese, Jean Castex, ha inviato una lettera alla presidente della Commissione dell’Unione europea, Ursula von der Leyen, chiedendo sanzioni contro Londra. I costi della Brexit dovevano essere dimostrati.

“È necessario chiarire all’opinione pubblica europea che… lasciare l’unione è più dannoso che restarci”, ha detto Castix.

Il primo ministro francese Jean Castix ha scritto una lettera al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen chiedendo sanzioni contro il Regno Unito, dicendo: “È necessario chiarire all’opinione pubblica europea che… lasciare l’unione è più dannoso che restarci. “ (Charles Plateau/Paul Foto via Associated Press)

Ha scritto che la Francia potrebbe iniziare ad applicare le proprie sanzioni sulla pesca dal 2 novembre.

Il giorno successivo, il ministro del governo britannico George Eustice ha dichiarato: “Due potrebbero giocare in quella partita”.

Lo stesso Macron ha portato a casa il messaggio francese in un’intervista al Financial Times di Londra il 29 ottobre.

“Non illuderti”, ha detto, “quando passi anni a negoziare un trattato e poi qualche mese dopo fai il contrario di quanto è stato delineato negli aspetti che meno ti si addicono, questo non è un grande segno della tua credibilità. “

Un invito alla calma

Sembra davvero una guerra, anche se è diplomazia. In termini economici, la cattura è minima. Secondo la Banca Mondiale, la pesca rappresenta meno del mezzo percento del PIL in entrambi i paesi.

Il problema francese è che l’UE è meno aggressiva nei confronti della Gran Bretagna. Desidera una conclusione negoziale della discussione, non il pesce bagnato a 20 passi.

Il 31 ottobre, Macron e Johnson si sono incontrati di nuovo alla riunione del G-20 a Roma, apparentemente non accettando di porre fine al conflitto. Invece, Macron ha lanciato un altro avvertimento. Secondo la lettura del palazzo presidenziale francese, “il presidente francese ha detto al suo omologo che gli impegni assunti congiuntamente dal Regno Unito e dall’Unione europea nell’accordo sulla Brexit devono essere rispettati”.

In cambio, Johnson ha chiesto a Macron di “ritirare le sue minacce” a causa delle sanzioni. Lunedì sera è apparso Macron Pronto a parlare di piùInvece di impedire ai pescherecci inglesi di sbarcare nei porti francesi.

Nel frattempo, il capo dei porti francesi di Calais e Boulogne-sur-Mer, Jean-Marc Boisseau, ha cercato di imbrigliare il suo governo introducendo il buon senso nell’acceso dibattito.

Ha detto alla BBC il 29 ottobre che se la Francia imponesse sanzioni, “sarebbe orribile per entrambe le sponde del canale – per te, per noi, per i porti, i pescatori nel tuo paese, i pescatori nel nostro paese. E questo è solo per le poche barchette che non possono pescare nel paese.” Il tuo paese”.

Ma chi vuole ascoltare il buon senso nella guerra dei pesci?

READ  Il passaporto di questo paese è il più forte del mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *