Esponi il politico britannico folle isterico che cerca di contrastare le Olimpiadi invernali di Pechino

Foto: VCG

Oggi vorrei esporre la brutta faccia di un politico britannico che si comporta in modo isterico e folle.

Ed Davey, leader del Partito Liberal Democratico, in una lettera al Vice Ambasciatore della Cina nel Regno Unito, ha chiesto una “risposta urgente” a uno dei miei tweet di pochi giorni fa.

Davy si è unito a un membro del parlamento laburista per boicottare le Olimpiadi invernali di Pechino 2022 a causa della “repressione di massa” sulle politiche cinesi nella regione autonoma uigura dello Xinjiang.

Per confutare un atto così deliberato volto a screditare la Cina e mettere in pericolo i Giochi Olimpici Invernali, ha scritto su Twitter: “Boicottare i Giochi Invernali di Pechino 2022, un’idea impopolare, non riceverà ampio sostegno. Il CIO e gli atleti si opporranno, e la Cina li punirà. Si raccomanda vivamente che qualsiasi paese segua tale chiamata “.

Davy potrebbe aver sentito di essere caduto in disgrazia, quindi secondo i media britannici, ha scritto la lettera per ottenere una risposta a ciò che intendo per “sanzioni”. Nella lettera, ha difeso la sua richiesta di boicottaggio sostenendo che le sanzioni “sarebbero state un atto di delinquenza internazionale e avrebbero gravemente danneggiato la posizione della Cina nel mondo”. Non ho davvero idea di cosa stia parlando questo deputato. È innocente o finge?

Non credo che il Regno Unito boicotterà le Olimpiadi invernali di Pechino perché sarebbe un disastro per gli sport olimpici internazionali. Il mondo intero si opporrebbe, il Comitato Olimpico Internazionale non lo accetterebbe e la maggior parte degli atleti del Regno Unito non sarebbe d’accordo.

La Cina, come paese ospitante, farebbe la cosa giusta punendo qualsiasi paese che abbia ostacolato le Olimpiadi invernali di Pechino. Credo che a quel punto il popolo cinese sosterrà il proprio governo e le persone in tutto il mondo sosterranno la Cina per punire le forze del male che stanno trasformando i Giochi Olimpici in una fase geopolitica.

READ  500 auto hanno preso fuoco dopo che un'autocisterna di carburante è esplosa al confine tra Afghanistan e Iran

Spero che l’ambasciata cinese nel Regno Unito non risponda a Davy. Lascia che le opinioni vengano risolte nell’area delle opinioni.

L’autore è l’Editor-in-Chief del Global Times. Opinione di globaltimes.com.cn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *