Eleganza automobilistica al Concours d’Elegance di Audrain a Newport, RI

The Breakers, il “cottage” più cool di Newport del RI, fu progettato da Richard Morris Hunt e completato per la famiglia Vanderbilt nel 1895. Per coincidenza, questa fu anche l’alba dell’era dell’automobile, e il giovane William K. Vanderbilt Jr organizzò la prima strada gare Sulle strade di Newport solo cinque anni dopo.

È opportuno, quindi, avere un file Audrain Newport Concours d’Elegance, che si tiene il 3 ottobre, si svolge nel “cortile sul retro” di fronte alla spiaggia dei Breakers. Il Concours, parte della serie di eventi della Motor Week, quest’anno (dopo una pausa nel 2020) ha riunito 180 auto in un’ampia gamma del mondo del collezionismo, dalle prime auto da corsa ai classici dell’automobilismo e – una vera star – la Ferrari 250 del 1964 250 GTO con storia da corsa. Il Museo dell’auto di Uderin, guidata da Donald Osborne, opera in un edificio storico nel centro di Newport.

Forse non è un caso che una coppia di auto elettriche d’epoca, la Roberts Electric del 1896 e la Detroit 98A Electric Brougham del 1919, siano state collocate vicino all’ingresso del Concourse. Il pioniere delle auto elettriche Andrew Rieker partecipò alle prime corse di Vanderbilt. Audrin descrive l’auto di Roberts del 1896 come “l’auto elettrica funzionante più antica del mondo”, con un’autonomia di 40 miglia. Si credeva che fosse l’unica auto mai costruita dal produttore di viti Charles Roberts. Detroit Electric era un modello di punta all’epoca e il 98A è nato poco dopo il lancio dei veicoli a gas da soli, garantendo il loro primato.

La Ferrari 250 GTO è l’auto più preziosa al mondo e questa vettura ha visto correre.

The Concours Guys di Shoot for Details e Deremer Studios, LLC

Un orgoglioso veterano in mostra era lo splendido Manny Dragon 92D Double Phaeton del 1907 di Peugeot, un gigantesco veicolo con la testa di serpente che “suona come il richiamo di un’anatra”, ha detto Dragon. È stato integrato da un Napier più grande del 1908, una linea modello che ha ricevuto il patrocinio reale. I 45 cavalli erano impressionanti per questo periodo.

L’era classica delle automobili è ben rappresentata da auto come la Packard 1004 Super 8 Coupe Roadster del 1933, la Cadillac 355d Convertible del 1934 e la Jaguar SS100 del 1938 del conduttore televisivo Wayne Carini con sedili in coccodrillo nascosti. Quest’ultimo ha un vero pedigree televisivo, poiché era originariamente di proprietà di Dave Garroway della NBC Oggi, che ha corso molto (e in seguito ha installato il motore Jaguar XK120).

Diversi classici di fascia alta erano in mostra, tra cui l’Isotta Fraschini Tipo 8A SS del 1928 mostrata al New York Auto Show di quell’anno. La Chrysler CG Imperial LeBaron Dual-Cowl Phaeton del 1931 ha sfidato la Depressione. Le superbe voci francesi includevano la Delahaye D8-85 Cabriolet del 1935 e la Delahaye Model 235 Cabriolet del 1951 di Saoutchik che fa parte della vasta collezione di Peter Mullin. Quell’auto era fantastica, ma la finitura era vicina al marchio.

Le auto sportive anteguerra hanno ottenuto la loro classe a Newport, ed è stato bello vedere le “supercar” di quell’epoca, come la Kessel 875 Speedster del 1926, la Auburn Model 8-115 Speedster del 1928 (con barca) e la 1930 Alfa-Romeo 1750 GS Testa Fissa con una vasta storia di corse britanniche. La Chrysler del 1928 era la popolare Model 72, orientata alle prestazioni, e questo era un motore Red Head da 85 cavalli ad alta compressione.

La fine era vicina per Delahaye quando produssero l’impressionante Tipo 235 Cabriolet del 1951.

The Concours Guys di Shoot for Details e Deremer Studios, LLC

Collezionare auto d’epoca è una specie di sport dai capelli grigi, ma Audrain sta cercando di fare qualcosa al riguardo. Il campo includeva una categoria “30 under 30”, il che implica che i proprietari più giovani sono un gruppo selettivo.

La Graham Eidemiller 1941 Graham Hollywood Sedan presenta un telaio inclinato a fune di piombo ed era in condizioni non restaurate. Lucas DeBlanco ha portato la MGB GT del 1967 e stava incoraggiando i bambini a sederci dentro. Dello stesso periodo è stata restaurata la Fiat 850 Spyder Shaheen Merhej del 1971, ormai rara causa ruggine. Un altro modello oggi fuori portata è la berlina BMW 1800 del 1967, di proprietà di Denton Owen. La BMW non ha avuto molto successo fino al 2002. C’erano non meno di cinque Porsche 944 in questa classe.

Il leggendario conduttore di Late Night Jay Leno, presidente onorario dell’evento, afferma ragazza La classe “30 under 30” lo ha incoraggiato. “Ci vorrà un duro lavoro per attirare i giovani verso questo hobby”, dice. “È come chiedere loro di ascoltare la Leicester Lannen Orchestra”.

L’espansione di ’30 Less 30′ in due classi quest’anno, l’inclusione di partecipanti e giudici del McPherson College Auto Recovery Program e il numero di giovani visitatori entusiasti e impegnati dimostrano che l’interesse per le auto assemblate per tutte le epoche, dal turno del XX secolo a prima di 30 anni fa, afferma Osborne, prosperando attraverso ogni generazione. Quando è stato chiesto di scegliere le loro auto preferite, una giuria di giovani giudici ha selezionato veicoli di tutto lo spettro, tra cui la BMW 3.0 CSL “Batmobile” alata verde brillante.

1933 Packard 1004 Super 8 Coupé Roadster, uno dei 13 modelli di carrozzeria disponibili quell’anno.

Foto di Jim Mutavali

L’auto preferita di Leno è la Charles Schoendorf C-3 Continental Coupé del 1952. Cunningham era un ricco sportivo di Westport, nel Connecticut (anche uno yachting) che corse e alla fine costruì auto con lo stesso nome a Palm Beach, in Florida. C’erano solo 25 auto C -3 modelli costruiti con corpi italiani Vignale e Chrysler 5.4L FirePower V8. L’esempio del 1952 è stato uno dei primi esempi con alcune attrezzature da corsa e il primo a presentare una ventilazione moderna.

I costruttori di veicoli italiani erano al loro apice negli anni ’50 e ’60. Il “Best Show” del 1953 di Audrain era una rara Abarth 1100 Ghia. Presentato per la prima volta alla Fiera di Torino di quell’anno, assomigliava a una mini Hudson Italia, con un telaio leggero e aerodinamico. Alcuni designer italiani hanno costruito creazioni impressionanti sulla meccanica Fiat, come la Gilco-Fiat Siata 1400 Berlinetta del 1953 e la Abarth Double Bubble Zagato Coupé del 1958 mostrate.

Le auto di produzione americana non sono state ignorate. C’erano sette incrociatori, inclusa la rara Z06 del 1963 con un motore a benzina da 327 pollici cubici. La 1959 è stata aggiornata con gusto con moderni freni a disco, accensione elettronica e scarico in acciaio inossidabile. Il proprietario 50enne dice che è ancora “in corso”.

Una coppia di Thunderbirds del 1957 ha dimostrato l’influenza europea. Un paio di Shelby GT350, del 1965 e del 1966, hanno dimostrato che le Mustang potevano essere competitive in pista. La Pontiac GTO del 1969 arancione brillante, “The Judge”, si è distinta decisamente in questa azienda. Una coupé Pontiac Ventura del 1961 relativamente rara ha mostrato che il design “a bolle d’aria” di GM ha resistito alla prova del tempo.

Le vetture in mostra erano un ottimo panorama di auto da collezione durante i primi 100 anni di guida e oltre. Il vincitore del Best of Show, dice Osborne, era un’auto del dopoguerra, non un’auto classica degli anni ’30.

“L’Abarth 1100 SS Ghia Coupé del 1953 incarna perfettamente tutto ciò che questo evento rappresenta, storia, lusso e sport”, afferma. “È un’espressione molto elegante, realizzata da un allenatore, di un robusto telaio da corsa all’inizio della marcia verso il successo di un leggendario marchio di corse”.

READ  Manchester United vs Roma - BBC Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *