Dopo aver concesso una pensione ai sopravvissuti all’Olocausto, l’Italia vuole che suo marito la restituisca

GTA – Nel 2012, Masouda Fadloun ha ricevuto una lettera dal governo italiano che le chiedeva di restituire tutti i fondi che stava ricevendo come parte del programma di compensazione per coloro che erano stati perseguitati razzialmente dal regime fascista durante la seconda guerra mondiale.

Fadloun, ebrea italo-libica, e la sua famiglia sono rimasti scioccati.

“Pensavamo che qualcosa non andasse”, ha detto Ariel Finzi, figlio di Fadloun, rabbino di Napoli. “Peggio ancora, pensavamo che il governo avrebbe smesso di pagare la pensione, ma non che avremmo dovuto restituire i soldi”.

Ricevi il Times of Israel Daily Edition via e-mail e non perdere le nostre notizie più importanti

Si sbagliavano: era solo l’inizio di una lunga battaglia legale con il governo italiano, che sosteneva di non essere idoneo a ricevere la pensione, nonostante fosse stata concessa prima. Fadloun è deceduta nel 2018 e ora suo marito, Alberto Finzi, 98 anni, dovrebbe pagare 76.000 euro (circa 92.000 dollari).

L’avventura di Fadlon con la burocrazia italiana non è unica. Ad altre famiglie ebree negli ultimi anni è stato chiesto di restituire la pensione. Altri devono ancora saltare attraverso i cerchi burocratici per dimostrare la loro idoneità e presentare documenti vecchi di decenni che sono spesso difficili da ottenere.

Molte famiglie preferiscono rimanere anonime. Ma dopo aver perso un secondo appello in tribunale, Finzi ha deciso di condividere la storia di sua madre, sperando che altri iniziassero a parlare e che il governo interrompesse la sua lotta contro i sopravvissuti.

Nel caso di Fadloun, il governo afferma che non era un cittadino italiano durante la seconda guerra mondiale. Fadloun è nato e cresciuto a Tripoli, la capitale della Libia – una colonia italiana nel 1938, quando il regime fascista ha emanato una serie di leggi razziste contro la comunità ebraica. Le politiche discriminatorie scritte a Roma furono applicate agli ebrei che vivevano in Libia.

Rabbi Ariel Finzi, secondo da destra, con il vicario episcopale Raphael Mangano (estrema sinistra), il capo di Israele Chafee Michael Freund (a sinistra di Finzi) e il vicepresidente della Federazione delle comunità ebraiche italiane, Giulio Dicini. (Cortesia)

A quel tempo, Fadloun lo era Nazionalità italo-libica, Che era considerata “inferiore” alla normale cittadinanza italiana.

READ  Italia e Slovenia si aggiudicano il titolo Sprint alla Coppa del Mondo Cross-Suburb in Svezia

“Come tutti gli altri ebrei italiani, mia madre e la sua famiglia sono state vittime delle leggi razziali”, ha detto Finzi.

Finzi ha detto che sua madre si è ricordata che un giorno stava lasciando la scuola, e un uomo le ha sputato in faccia e l’ha definita una “sporca ebrea”.

“Dopo che le leggi sono state approvate, la sua famiglia si è recata in montagna”, ha detto. “Il suo fratellino era malato e il medico ha suggerito che passare un po ‘di tempo in montagna potrebbe fargli bene. Quando sono arrivati, il proprietario dell’hotel ha rifiutato di farli dormire in albergo perché erano ebrei. Sono stati costretti a dormire fino a tardi. l’apertura per due notti, e suo fratello è morto “.

Italia Approvazione della legge Nel 1955 – Aggiornato 1980 – Introduzione di pensioni mensili ai cittadini italiani perseguitati per ragioni razziali o politiche durante il regime di Mussolini. Una legge diversa fu approvata nel 1980, che prevedeva pensioni per i cittadini italiani sopravvissuti ai campi di concentramento nazisti.

Benito Mussolini e Adolf Hitler. (Per gentile concessione di PerlePress Productions)

Julio Designy, un avvocato e membro del comitato governativo che approva o nega i benefici, ha detto ai perseguitati per ragioni politiche ed etniche durante l’era fascista che la battaglia per appropriarsi di questi benefici era una battaglia in salita.

Il comitato è stato istituito nell’anno 55, ma solo nel 1998, su pressione della comunità ebraica, ha aggiunto un rappresentante alla Federazione delle comunità ebraiche italiane. Dizini, vice presidente di Whole Jewish Group, è nel comitato da due decenni.

In un’intervista con la Jewish Telegraph Agency, ha spiegato che il governo ha reso difficile per molti sopravvissuti ottenere una pensione.

READ  L'Italia di Roberto Mancini può cambiare il calcio internazionale vincendo Euro 2020 con una partita offensiva | notizie di calcio

“Per molti anni, la commissione concesse pensioni solo agli ebrei che potevano provare di essere stati perseguitati prima del 1943, quando l’Italia cadde sotto il controllo tedesco”, ha detto Designy. “Abbiamo premuto per alcune linee guida che conferissero benefici anche a coloro che furono perseguitati dopo il 1943, così come a coloro che fuggirono all’estero dopo l’approvazione delle leggi razziali”.

A titolo illustrativo: Una donna sta accanto a pietre d’inciampo, con inciso i nomi degli ebrei uccisi dai nazisti, nel ghetto ghetto di Roma, il 27 gennaio 2021, in occasione della Giornata internazionale della memoria dell’Olocausto (AP Photo / Gregorio Borgia)

Altro ostacolo: la commissione richiedeva a chi chiedeva la pensione di “provare” di essere stato perseguitato.

“Questo non è sempre un compito facile”, ha detto Dessini. “Devi avere testimoni, o discendenti di testimoni, e questo è complicato.”

Dopo ulteriori pressioni da parte della comunità ebraica, il governo italiano Promulgare una legge Nel 2020 è stato riferito che i sopravvissuti non erano tenuti a dimostrare la persecuzione.

Ma anche dopo aver dato una pensione ai superstiti, il Ministero dell’Economia e delle Finanze chiede spesso la sua rimozione. Questo è quello che è successo a Mas`udah Fadloun.

Fadloun si trasferì in Israele nel 1948, dopo che Israele dichiarò l’indipendenza, e gli ebrei in Libia furono presi di mira in una serie di massacri fatali. Durante un viaggio in Italia un decennio dopo, ha incontrato il suo futuro marito, Finzi, si è trasferita in Italia e ha acquisito la cittadinanza italiana “piena”. Ha lavorato per decenni a Torino presso la Jewish Day School come insegnante di scuola elementare. Nella comunità ebraica, è ricordata come un’insegnante innovativa, una donna istruita e intelligente.

A titolo illustrativo: una foto non datata è stata scattata nel quartiere ebraico della Libia. (Cortesia di Gemina)

Phelon è stato riconosciuto dal governo italiano nel 1982 come sopravvissuto all’Olocausto. Nel 2007 ha iniziato a ricevere una pensione.

READ  Bellissima! Scopri qui la migliore moda made in Italy

Dopo aver revocato il suo status nel 2012, Fadloun ha presentato ricorso alla Corte dei conti di Torino, dove ha difeso personalmente la sua causa. Il giudice si è pronunciato a suo favore e ha deciso che il Ministero dell’Economia e delle Finanze riprendesse il pagamento della pensione. Ma il ministero fece nuovamente appello.

Al più alto livello nell’Audit Bureau, l’avvocato di Fadloun ha sostenuto che non aveva senso distinguere tra nazionalità “italiana” e “italo-libica” perché le leggi razziste miravano a tutti gli ebrei sotto il regime fascista. La corte ha rifiutato e ha deciso su Fadloun.

Dopo aver perso in tribunale, Finzi ha deciso di rivolgersi ai media ed è apparso più volte alla televisione italiana. Nella sua intervista con JTA, ha confermato di ritenere che il caso fosse più grande di lui o della sua famiglia.

“Il governo italiano dovrebbe chiarire che non c’è assolutamente alcuna nostalgia per l’era fascista”, ha detto Finzi. “Anche gli altri sopravvissuti, per vari motivi, sono stati ritirati dal loro status e hanno chiesto di restituire i soldi”.

Finzi ha detto che sta valutando la possibilità di scrivere una lettera al Presidente della Repubblica Italiana.

Ha detto: “Lo stato che non difende i suoi sceicchi non difende la sua storia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *