Delegati di Alberta Metis in visita in Vaticano per chiedere scusa a Papa Francesco

Angelina Crerer spera che i suoi ricordi traumatici del suo periodo in collegio contribuiranno a persuadere Papa Francesco a scusarsi formalmente a nome della Chiesa cattolica per il suo ruolo nella gestione delle istituzioni.

Crerar, custode della conoscenza e anziano della tribù Métis di Grande Prairie, Alta. È tra i 30 delegati indigeni che si recano in Vaticano alla fine di questo mese per incontrare in privato il Papa nel tentativo di riconciliarsi con la Chiesa.

Crerar ha detto che la chiesa deve rispondere al suo ruolo nella tragedia.

Ha detto che le scuse erano dovute da tempo, ma credeva che sarebbe successo, per il bene dei sopravvissuti e dei bambini che non sono mai tornati a casa.

Si stima che circa 150.000 bambini indigeni siano stati costretti a frequentare i collegi canadesi tra il 1870 e il 1997. Più del 60 per cento delle scuole erano gestite dalla Chiesa cattolica.

Le richieste di scuse da parte della chiesa si sono intensificate dalla scoperta, la scorsa primavera, di centinaia di tombe senza nome nei siti di ex scuole residenziali.

“Cosa ci è successo nel mondo? Cosa ci è successo?” ha detto il creatore. “Abbiamo tutti le stesse domande.”

‘è ora’

Crerar prevede anche di chiedere al Papa di rivelare i nomi di tutti i bambini che sono stati costretti a frequentare i collegi in Canada.

Ha detto che i sopravvissuti aspettano da decenni di ascoltare le loro storie e riconoscere il loro dolore.

Crerar ha detto di essere grata di andare a Roma e “restaurare” parte di ciò che gli indigeni avevano perso.

“I nostri figli meritano la pace e hanno i loro nomi incisi”, ha detto.

READ  Incendi boschivi in ​​Grecia: nuovi incendi divampano fuori Atene

“È arrivato il momento. I nostri figli ne hanno avuto abbastanza. Hanno sofferto molto”.

Il Vaticano ha annunciato in ottobre che papa Francesco intendeva visitare il Canada, ma i leader indigeni hanno affermato che qualsiasi visita papale dovrebbe essere accompagnata dalle scuse della Chiesa cattolica.

Le precedenti chiamate di scuse non hanno ricevuto risposta. Quando una delegazione indigena ha visitato Papa Benedetto nel 2009, ha espresso il suo dolore e “angoscia personale”, ma non si è mai scusato.

Gary Gagnon, uno dei delegati, afferma che sono necessarie le scuse della chiesa affinché avvenga la riconciliazione. (CBC)

Dal 17 al 20 dicembre farà parte della delegazione anche Gary Gagnon, membro della comunità Métis di Saint Albert.

Per oltre 20 anni, Gagnon ha lavorato come facilitatore culturale presso le scuole cattoliche di Edmonton. Ricopre anche il ruolo di vicepresidente regionale per la Métis Nation of Alberta.

Quando gli è stato chiesto di unirsi alla delegazione vaticana, Gagnon si è sentito sopraffatto. Ma ha detto di sentire anche un profondo senso di obbligo verso i sopravvissuti e la sua comunità.

“Ho un breve periodo di tempo per farlo bene”, ha detto giovedì. “Ci sono molte storie che vengono con noi e ci mancheranno alcune di quelle storie… ma penso che sia la cosa giusta da fare.”

  • Conosci un ragazzo che non è mai tornato a casa dal collegio? O qualcuno che lavora in uno? Vorremmo sentirti. Invia un’e-mail al nostro team guidato da indigeni che indaga sugli effetti dei collegi all’indirizzo [email protected] o chiama il numero verde: 1-833-824-0800.

Gagnon ha detto che farà affidamento sulla sua fede mentre porta a Roma la dolorosa storia della sua comunità.

“Avere questo riconoscimento è un grande dono per noi e abbiamo le nostre storie in arrivo”, ha detto.

“E alcune di quelle storie sono state consolidate. È già stato fatto. Ma devono esserci nuove storie che torneranno ed è quello che desidero… le nuove storie”.

“Credo che Dio abbia scelto il suo popolo umile, i suoi figli, per risvegliare la nazione”.

Gagnon ha detto che incoraggerà papa Francesco a visitare l’Alberta e che la delegazione entri a far parte di una discussione in corso sulla riconciliazione.

Ha detto che gli aborigeni meritano delle scuse. Perché avvenga la riconciliazione, ha detto, la verità e il riconoscimento devono venire prima di tutto.

“Queste parole sono molto semplici sulla carta. È molto facile scriverle, ma a volte difficile da dire, ma penso che questo sia il nostro obiettivo.

“Non posso fare a meno di pregare che possiamo in qualche modo toccare il suo cuore”.


Il supporto è disponibile per chiunque sia interessato dalla propria esperienza in collegio e per coloro che vengono attivati ​​da questi rapporti.

La linea di crisi delle scuole residenziali indiane nazionali è stata istituita per fornire supporto ai sopravvissuti alle scuole residenziali e ad altre persone colpite. Le persone possono accedere ai servizi di riferimento emotivi e di crisi chiamando la National Crisis Line 24 ore su 24: 1-866-925-4419.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *