Dallo spazio a un supereroe? La stella canadese “Stowaway” Shamir Anderson segna il suo prossimo gol

Di Victoria Ahearn, Canadian Press, 22 aprile 2021.

Shamir Anderson arriva al Toronto International Film Festival Honors Gala a Toronto lunedì 9 settembre 2019. Canadian Press / Chris Young

TORONTO – Con il nuovo film di fantascienza “Stowaway”, la star cresciuta a Toronto Shamir Anderson dice di aver esaminato un ruolo importante dal suo incarico di recitazione: un astronauta.

Allora quali sono i suoi altri obiettivi di carriera?

“Marvel o DC, uno di loro”, ha detto Anderson, fratello del famoso attore Stephen James, in un’intervista.

“Io e mio fratello abbiamo questa battuta costante, del tipo,” Ehi amico, il prossimo film dovrebbe essere in calzamaglia “perché ogni supereroe indossa collant. È come se fossimo nella stagione dei collant ora. Simu Liu, indossa i collant. In” Shang-Chi “in Marvel, è una superstar … Ma Marvel o DC (Comics), è il prossimo nella lista del gruppo. Sarebbe incredibile.”

Leo è tra i tanti canadesi a cui piacciono i “calzini magri” con ruoli importanti nei prossimi progetti di supereroi in Marvel. Altri includono Tatiana Maslany con “She-Hulk” ed Eman Fellaini in “Captain Marvel 2.”

Anderson e Liu fanno anche parte della nuova campagna Seek More di Made / Nous, che incoraggia i canadesi a scoprire contenuti e creatori più diversi.

Anderson ha dichiarato: “Stowaway”, pubblicato giovedì su Amazon Prime Video Canada, è un buon esempio del tipo di programmazione che la campagna vuole che gli spettatori cerchino.

Il 29enne interpreta Michael, un ingegnere di supporto al lancio spaziale e viaggiatore invisibile non intenzionale in missione su Marte.

Anna Kendrick, Tony Collett e Daniel Day Kim interpretano gli altri astronauti sull’astronave, che devono prendere decisioni difficili dopo che Michael scopre e si rende conto che c’è abbastanza ossigeno per solo tre persone.

READ  La modalità Battle Royale di COD Mobile può guadagnare una categoria "Time Traveller" nella stagione 4

Il regista e co-sceneggiatore del film è Joe Pina, che ha diretto il dramma di sopravvivenza del 2018 di Mads Mikkelsen “The North Pole”.

“Amo lo spazio, amo l’esplorazione dello spazio, amo i pianeti, amo l’astronomia”, ha detto Anderson, che è anche produttore, scrittore e co-fondatore di The Black Academy con James per aiutare a combattere il razzismo sistemico e celebrare il talento nero.

“È l’idea che il cielo non sia un limite e che sfida le probabilità. Mia madre era sempre esoterica e molto spirituale, dicendo:” Sei decisamente una star e andrai nello spazio “, in senso figurato, dicendoci solo che è possibile. Penso che abbia avuto un effetto sul subconscio, l’idea di trascendenza Nuvole e raggiungere il cielo. “

Anderson ha già visto la sua stella salire negli ultimi anni, con altri crediti tra cui il debutto alla regia di “Bruised” Halle Berry, la serie “Wynonna Earp” e la prossima serie di fantascienza “X-Men” Simon Kinberg per Apple TV Plus.

Ha girato Stowaway per un periodo di 2 mesi nel 2019 in uno studio in Germania. L’intera storia si svolge in un’astronave che, secondo Anderson, è stata realizzata a mano per sembrare il più reale possibile.

Ha detto: “Non c’è uno schermo verde al di fuori del sistema solare”.

Gli spettatori non vedono nessuno degli eventi sulla Terra, quindi il background di Michael viene solo dalla sceneggiatura e dai piccoli tocchi che Anderson ha aggiunto alla sua personificazione. Ad esempio, l’idea di Anderson era il “braccialetto di legame” che il suo personaggio indossa come un cenno alla sorella minore. Voleva che lui e il pubblico avessero qualcosa di tangibile per capire la loro relazione.

READ  Google uccide Measure, l'app di misurazione della realtà aumentata

Anderson ha detto che, alla fine, la storia parla di sacrificio, compassione e “gli umani attraversano una serie di eventi sfortunati” piuttosto che elementi extraterrestri.

“So che ci sono persone diverse in questo film, ma non riguarda la loro razza o etnia, e non ne parliamo, perché è irrilevante. Riguarda l’esperienza umana. Riguarda la paura.”

Anderson ha detto che il film non parla specificamente di “quest’uomo di colore sta vivendo un’esperienza nera, e questo è importante”.

Ma mostra il personaggio “Non possiamo vedere molto al cinema – i neri là fuori, che sono in esplorazione spaziale, che sono gli astronauti, che studiano il velivolo”, ha aggiunto.

Ha detto: “Per Michael, credo che la sua più grande ispirazione sia stata Guion Bluford, il primo astronauta afroamericano a viaggiare nello spazio”. “E se posso restituire qualcosa, spero che ci sia un piccolo accenno, solo per dimostrare che questo ragazzo è intelligente, sa quello che sta facendo, ama quello che sta facendo.”

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press il 22 aprile 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *