Dalla caduta d’Italia: Edoardo Nesis – Cultura

Il 21 marzo, Giuseppe Conte, il primo ministro italiano, è apparso davanti alle telecamere e ha detto che gran parte dell’attività economica nel Paese sarebbe stata sospesa. Rimarrà valido solo ciò che è “necessario, essenziale e indispensabile”. La notizia ha citato lo scrittore Eduardo Nici in un libro di recente pubblicazione, intitolato “Emotional Economia” (La Nave di Teseo, novembre 2020), che lo ha scioccato molto perché non sembrava affatto italiano. .

Chiede: “Come si può vivere senza ciò che è superfluo, non necessario e indispensabile?” Il senso del gusto e la superiorità non hanno reso l’Italia la terra del buon gusto e dell’eleganza, la parte del mondo in cui è meglio vivere? La primaria non è stata separata dalla primaria per una buona ragione. Questa decisione era in vigore per sei settimane. Quando Eduardo Nici ha raccontato la storia dell’Italia nei sei mesi successivi, non ha lasciato dubbi sul fatto che la decisione si sarebbe conclusa con un lungo e lento ritiro.

Edoardo Nesi è un esperto di sconfitte, soprattutto quando si parla di Italia. È noto soprattutto per “Storia della mia gente”, per il quale ha vinto il Premio Strega nel 2011, il più alto riconoscimento per un’opera letteraria in Italia. In questo libro, una sorta di cronaca letteraria, racconta Prato, centro dell’industria tessile italiana, luogo in cui la sua famiglia è di casa da generazioni e dove lui stesso vive. Il suo “popolo” divenne ricco dopo la seconda guerra mondiale con una piccola fabbrica in cui venivano prodotti i tessuti: ad esempio, il negozio di Fry a Monaco installava cappotti su misura.

READ  Piazza de Belmont nel Bronx è tornata con cene all'aperto in Arthur Street

Edoardo Nesi ereditò la fabbrica, ma dovette venderla nel 2004 perché l’azienda, come molti altri produttori tessili in Toscana, non sopportava la concorrenza asiatica: né la concorrenza delle fabbriche in Cina o in Vietnam, né la concorrenza delle fabbriche di Prato, che venivano comprate da uomini. Imprese cinesi e dove lavorano gli immigrati dalla Cina. Il libro è stato anche un promemoria del fatto che un tale settore non è solo un prodotto e un prezzo: tradizione, artigianato, stile di vita e orgoglio civico.

I produttori di vino non sanno più come conservare il vino perché mancano i clienti

Lo stabilimento “Lanificio TO Nesi & Figli SpA” è menzionato anche nel libro più recente, Edoardo Nesis. Ma il lavoro non si qualifica più come bella letteratura. Piuttosto, l ‘”economia emotiva” è un esame di ciò che accadrà al paese, e ora, poiché le necessità sono immediatamente separate da ciò che non è necessario, sta gradualmente diventando chiaro come si svilupperanno le cose. Eduardo Nici visita un enologo che gli dice che i vignaioli non sanno più come conservare il loro vino perché mancano di clientela nei ristoranti. Eppure raccolgono.

Parla con il suo macellaio, che vende più che mai perché la gente è timida del supermercato. Ne ha chiesto informazioni a un ex concorrente sopravvissuto con la sua azienda perché aveva adattato la sua tecnologia di produzione agli standard dei concorrenti asiatici e, ad esempio, aveva fornito la serie “Zara”.

Esperto di perdite: Edoardo Nesi una volta ereditò una fabbrica tessile tradizionale e dovette venderla.

(Immagine: nave di Teseo)

Chiede a un investitore, spiegandogli che il lavoro d’ufficio scomparirà nel prossimo futuro, almeno nella forma centrale in cui era noto, a quel punto è probabile che si formi un esercito di disoccupati: “Ma non finiremo come pastori che pascolano le loro pecore tra le rovine dell’Impero Romano”. L’investitore spera che Germania e Francia se ne occuperanno.

“Emotional” è il nome dell’economia di Edoardo Nesis perché immagina che il suo mestiere passato, la maglieria di tessuti di lusso, abbia un futuro solo nel più lussuoso: per i clienti indifferenti al prezzo. Tuttavia, il fatto che questo lusso possa essere prodotto solo in Italia e non in Cina, può essere un difetto nella percezione italiana. Viene anche definito “sentimentale” perché sembra che la spina dorsale dell’economia italiana, l’intreccio tra artigianato, agricoltura, piccola industria e turismo, sia a grande rischio e che una rottura della filiera sia sufficiente a strappare il tessuto.

La lezione si chiama “sentimentale” perché Eduardo Nici vuole che Enrico Giovanini, uno statistico di spicco in Italia che è stato ministro del Lavoro sotto il governo di breve durata di Enrico Letta (aprile 2013-febbraio 2014), dimostri che il futuro dell’Italia può solo risiedere in una trasformazione. Economico radicale. Tutto deve essere fatto di nuovo, utilizzando i fondi del Piano di sviluppo europeo: sostenibile, vicino al suolo, ma al più alto livello di scienza e tecnologia.

Anche l’emotività è un bene che si dovrebbe essere in grado di sopportare

Tuttavia, nonostante l’ammirazione dell’esperto, Eduardo Nessi non ha molta fiducia in tale immaginazione salvifica: la sua “economia” non diventa programmatica, ma resta sentimentale. È seguito da un vasto pubblico che, come l’autore, sembra essere pienamente consapevole che anche il sentimentalismo è un bene che si dovrebbe saper sopportare, e quindi a rischio.

Lo stretto libro si è concluso quando Eduardo Nessi ha portato il figlio all’aeroporto di Firenze. Sulla via di casa, i due si ritrovano a cantare una vecchia canzone di Bruce Springsteen: “Voglio vivere sotto un cielo calmo / Nel letto della mia amata, / Con un paese spalancato negli occhi, / E questi sogni romantici nella mia testa” – “Voglio vivere sotto Un cielo calmo / Nel letto dei miei cari / Con un paese aperto davanti ai miei occhi / Questi sogni romantici sono nella mia testa. ” La promessa americana della Terra Promessa e l’idea italianissima della “Blaza” si fondono in questo momento, nell’idea della comparsa improvvisa della bellezza, contro ogni ricerca.

Dopotutto, anche il finale del libro è americano: la vista dal balcone dello scrittore di Prato Valley, mentre il tramonto illumina i tetti degli edifici della fabbrica in un modo che si potrebbe confondere con i tetti di Los Angeles. Sembra che tu voglia poter scegliere la tua colonia. Tuttavia, sembra inevitabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *