Croce Rossa costretta a pagare medici e infermieri afgani in sacchi di contanti dopo il ritiro degli Stati Uniti

Il capo del Comitato internazionale della Croce Rossa ha affermato che l’Afghanistan sta affrontando un’incombente crisi umanitaria mentre le organizzazioni umanitarie lottano per trovare modi per pagare gli stipendi di medici, infermieri e altri sul campo perché attualmente non c’è modo di trasferire gli stipendi su conti bancari là.

I commenti del capo del Comitato internazionale della Croce Rossa, Peter Maurer, rispecchiano quelli del rappresentante speciale delle Nazioni Unite per l’Afghanistan, che questa settimana ha avvertito che il Paese è “sull’orlo di una catastrofe umanitaria” e che la sua economia al collasso stava aumentando il rischio di estremismo.

Si stima che l’economia del paese si sia ridotta del 40% da quando i talebani hanno preso il controllo ad agosto.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa con sede a Ginevra, che opera in Afghanistan da più di 30 anni, sta trasportando sacchi di denaro contante nel Paese temporaneamente impoverito e convertendo dollari in valuta locale per pagare gli stipendi di alcuni dei suoi dipendenti.

mancanza di liquidità

Il CICR è stato in grado di farlo con l’approvazione normativa dell’Ufficio per il controllo delle attività estere del Tesoro degli Stati Uniti. Il CICR ha anche stretto un accordo con il Ministero della Salute gestito dai talebani che consente ai pagamenti finanziati dai donatori di passare attraverso il CICR e di aggirare i talebani, che non sono ancora ufficialmente riconosciuti da nessun paese.

Una donna afghana compra cibo mercoledì da un venditore ambulante a Kabul. Cibo lasciato dall’esercito americano dopo il ritiro dal paese. (Ali Khara/Reuters)

“Il problema principale in Afghanistan non è la fame. Il problema principale è la mancanza di contanti per pagare gli stipendi per fornire servizi sociali che esistevano prima”, ha detto Maurer all’Associated Press in un’intervista giovedì durante una visita a Dubai.

“Non dimentichiamo che la maggior parte di questi medici, infermieri, operatori idrici ed elettrici sono ancora le stesse persone. È cambiata la leadership, ma non queste persone”.

L’economia dell’Afghanistan dipendente dagli aiuti è stata in profonda agitazione in seguito I talebani si impadroniscono della capitaleKabul, ad agosto, e il crollo del governo afghano appoggiato dagli Stati Uniti solo poche settimane fa Gli Stati Uniti hanno ritirato le ultime truppe.

I bonifici bancari non sono un’opzione

La leadership dei talebani, che di recente ha vietato tutte le transazioni in valuta estera, ha esortato il Congresso degli Stati Uniti ad allentare le sanzioni ea rilasciare i beni afghani all’estero in modo che il governo possa pagare gli stipendi di insegnanti, medici e altri dipendenti del settore pubblico.

I combattenti talebani mangiano la zuppa di un venditore ambulante a Kabul giovedì. (Petros Gianakoris/The Associated Press)

Dopo che i talebani hanno preso il controllo, gli Stati Uniti hanno congelato quasi 9,5 miliardi di dollari di beni di proprietà della Banca centrale afgana e interrotto le spedizioni di contanti.

Da quando i talebani sono saliti al potere la scorsa estate, non è stato possibile per le organizzazioni umanitarie internazionali trasferire pagamenti su conti in Afghanistan poiché la valuta internazionale non può attualmente essere cambiata in valuta locale attraverso una rete di banche nel paese.

Maurer ha affermato che le organizzazioni umanitarie non possono “riparare il crollo di un intero Paese”. Quello che serve, ha detto, è un accordo per iniettare liquidità sufficiente, cosa che crede sia possibile senza riconoscere formalmente i talebani.

Il budget del CICR fino alla metà del 2022 è passato da 95 milioni di dollari a quasi 163 milioni di dollari per soddisfare i bisogni sempre più urgenti in Afghanistan.

La fame è solo uno dei tanti problemi che milioni di persone devono affrontare nel paese. Il Programma alimentare mondiale ha avvertito che quasi 9 milioni di persone in Afghanistan rischiano di affrontare “condizioni simili alla carestia”. Altri 14,1 milioni di persone soffrono di grave insicurezza alimentare.

I servizi devono continuare

Maurer ha detto che il paese potrebbe scivolare in una crisi della fame se la siccità colpisse la produzione alimentare e se l’economia continuasse a essere perturbata, ma ha sottolineato la continua crisi immediata che l’Afghanistan sta affrontando nel pagare gli stipendi per mantenere in funzione i servizi di base.

“Le persone che non hanno abbastanza cibo si ammaleranno”, ha detto Maurer. “Se il sistema sanitario non è in grado di affrontare la fragilità della salute, questo è di nuovo un problema. Quindi sono preoccupato per l’interdipendenza tra cibo, salute, acqua, servizi igienico-sanitari, elettricità e sistema educativo”.

L’ex diplomatico di origine svizzera si è recato a Kandahar e in altre aree dell’Afghanistan all’inizio di settembre, pochi giorni dopo il ritiro degli Stati Uniti. Durante quella visita, ha incontrato un alto leader talebano, il mullah Abdul Ghani Baradar.

Il CICR afferma che la visita di Maurer e l’incontro con Baradar riflettono il principio di neutralità dell’organizzazione umanitaria e mirano a inviare un messaggio chiaro che il gruppo continuerà a fornire servizi a coloro che ne hanno bisogno sul campo, indipendentemente da chi è al potere.

READ  La magistratura francese rifiuta di cedere l'ex leader dell'ETA alla Spagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *