Cosa si può fare a Natale

Con l’entrata in vigore Dpcm Il 3 dicembre ci sono molti dubbi sul fatto che un cittadino venga interrogato su cosa si può e non si può fare, in particolare tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, quando entrerà in vigore il divieto di viaggio tra le regioni. Ma le incertezze riguardano anche i giorni in cui è vietato lasciare il comune, ovvero il 25 e 26 dicembre, nonché l’1 e il 6 gennaio. Il governo ha risposto alle domande con Istruzioni (Che comunque viene aggiornato di frequente), pubblicato sul sito ufficiale di Palazzo Chigi. Trasferimento e ricongiungimento sono tra gli argomenti più discussi. Esiste, infatti, ancora il rischio di un ripetersi dell’esodo da nord a sud intorno al 20 dicembre, come quello avvenuto nella notte tra il 7 e l’8 marzo.

Zona rossa, Italia verso l’uscita dal blocco. 72.000 edifici riaperti, Servizio antiterrorismo: “La fase più difficile adesso”

1) È sempre permesso tornare a casa?

Il rientro in residenza e alloggio è sempre consentito. Chi è già fuori zona e dal proprio Comune al momento dell’entrata in vigore del divieto può sempre rientrare in patria, anche nei giorni in cui è entrato in vigore il divieto. La deportazione è vietata, quindi il 25, 26 e 31 dicembre.

2) È possibile lasciare la regione per le vacanze con un solo genitore?
Prima del 21 dicembre, questo è sempre possibile. Considerando che, secondo la norma, nei giorni del Divieto (dal 21 dicembre al 6 gennaio) è possibile uscire dalla regione solo da persone non autosufficienti, e quindi non per motivi aziendali. Chi va da queste persone dovrebbe farlo da solo, poiché non è autorizzato a trasferirsi con il resto della famiglia.

3) È possibile lasciare il quartiere o il comune per aiutare un amico non autosufficiente?
Sì, la regola può essere applicata anche a persone che non sono imparentate.

4) Le persone separate o divorziate possono visitare i miei figli minorenni?

READ  Campionato 6 Nazioni femminile: L'Irlanda ha apportato tre modifiche per la partita per il terzo posto per l'Italia

Sì, è consentito anche viaggiare per raggiungere i minori con l’altro genitore o comunque con un affidatario, o portarli con sé, tra comuni di regioni diverse. Tali mosse dovrebbero comunque essere effettuate scegliendo il percorso più breve e nel rispetto di tutti i requisiti sanitari (persone in quarantena, positive, immunocompromesse, ecc.).

5) Come dovrebbero comportarsi le coppie lontane?
Ci si aspetta che le coppie rimangano nella casa in cui abitualmente vivono. Pertanto, chi lavora o studia all’estero può raggiungere il proprio partner nella residenza principale. È stato stabilito che il ricongiungimento è consentito solo se si tratta di una coppia convivente, anche se solo nella realtà.

6) Possiamo andare in seconde case?
Dal 21 dicembre al 6 gennaio è vietato il trasferimento in seconde case. Puoi andarci solo per motivi di emergenza (guasti o altre emergenze) ma devi rimanere lì per il tempo necessario a risolvere il problema. Nello specifico, quindi,
«Se la seconda casa si trova in un comune nella zona arancione o rossa», La movimentazione è consentita solo se è dovuta alla necessità di far fronte a situazioni impreviste e impreviste (quali guasti, avarie di sistemi idraulici e simili, effrazioni, ecc.) E comunque – determina il governo – secondo scadenze e modalità che lavorano rigorosamente per compensare tali Questi casi. ”

7) Se qualcuno va nella seconda casa prima del 21 dicembre, un partner può unirsi a loro dopo che il divieto è entrato in vigore?
La legge prevede il ricongiungimento familiare nella residenza principale.

8) Qualcuno dovrebbe prenotare un volo dall’estero prima dell’entrata in vigore del divieto per rimanere in quarantena?
Sì, tutti coloro che tornano dall’estero dopo il 21 dicembre devono rimanere in quarantena. Pertanto, anche chi prevede di rientrare prima delle nuove disposizioni dovrà adeguarsi.

READ  Ali McCann non è riuscito a trattare con la superstar italiana Marco Verratti, ma la star di Saint Johnston ha preso lezioni d'élite

9) L’obbligo di quarantena si applica anche alle persone che rientrano in auto o in treno?
Sì, i cittadini hanno la responsabilità di rispettare le normative. La Polizia può effettuare controlli e verifiche anche dopo il rientro in Italia.

10) Una persona che svolge attività di volontariato (Protezione Civile e Croce Rossa) potrà spostarsi dal Comune in cui si trova per presentare l’attività nell’ambito della gestione dell’emergenza?

Sì, il divieto non si applica a coloro che svolgono attività di volontariato all’interno del Servizio Nazionale di Protezione Civile o che comunque partecipano come volontari per far fronte all’emergenza sanitaria in atto (ad esempio, i volontari della Croce Rossa italiana).

11) Cosa significa “esigenze aziendali comprovate”? Come vedranno i lavoratori autonomi le “comprovate esigenze aziendali”?

È sempre possibile uscire per lavoro, anche se si consiglia di lavorare da remoto o di prendersi un periodo di ferie o ferie. La parola “provato” significa che devi essere in grado di dimostrare che stai per (o tornare al) (dal) lavoro, anche mediante autodichiarazione o qualsiasi altro mezzo di prova, la cui mancanza di sincerità costituisce un crimine. In caso di controllo, dovrai dichiarare che lavori. Successivamente, sarà responsabilità delle autorità verificare l’autenticità della dichiarazione rilasciata adottando le sanzioni in caso di false dichiarazioni.

12) È possibile utilizzare l’auto mentre si imbarcano persone non povere?

Sì, a condizione che si osservino le stesse misure precauzionali nei trasporti non programmati: cioè con il conducente solo davanti all’auto, con un massimo di due passeggeri per ogni fila di sedili posteriori in più, con l’impegno di tutti i passeggeri. Indossare una maschera. Non si può rinunciare all’obbligo di indossare la maschera tranne nel caso in cui l’auto sia dotata di un separatore fisico (in vetro) tra la fila anteriore e quella posteriore del veicolo, in quanto in questo caso è ammesso solo il conducente in prima fila e un solo passeggero in ultima fila.

READ  Bollettino COVID-19 sull'infezione da Coronavirus in Italia - Cronaca

13) Chi non rispetta i divieti, quali sono i suoi rischi?
Si applicano le norme previste dal decreto-legge n. 19 del 2020. Ai sensi dell’articolo 4, “Il mancato rispetto delle misure di contenimento è punibile con la sanzione amministrativa con il pagamento di un importo da 400 a 3.000 euro”, ridotto di un terzo se pagato entro cinque giorni. Inoltre, “se il mancato rispetto delle predette misure avviene attraverso l’uso di un veicolo, le sanzioni aumentano a un terzo”. Quanto alle testimonianze presentate alle forze dell’ordine, “la validità delle dichiarazioni personali sarà sottoposta a successivi accertamenti e la falsità di quanto dichiarato costituisce reato”.

14) È consentito consumare cibi e bevande in ristoranti aperti, pizzerie, pasticcerie e altre attività simili? Dentro di loro?

Quando sono aperti ristoranti e altre attività di ristorazione, inclusi bar, pasticcerie e gelaterie, i pasti al coperto sono limitati da 5 a 18. Da 5 a 22 è consentita la vendita di fast food. La consegna a domicilio è consentita senza limiti di tempo, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme per l’imballaggio e la consegna dei prodotti.

15) È consentito entrare o sostare in bar, ristoranti e gelaterie se il cibo è fermo?

Nelle aree o negli orari in cui il consumo di cibi e bevande all’interno dell’edificio è sospeso, l’ingresso e la permanenza nello stesso luogo da parte dei clienti è consentito solo per il tempo strettamente necessario all’acquisto di prodotti di fast food e sempre nel rispetto delle misure di prevenzione delle infezioni. Tuttavia, non sono ammessi raduni e consumazioni nelle vicinanze dell’edificio.

Ultimo aggiornamento: 10:14


© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *