ChatGPT può essere ripreso in Italia se soddisfa le esigenze di monitoraggio dei dati

ChatGPT può essere ripreso in Italia se soddisfa le esigenze di monitoraggio dei dati
  • L’Agenzia per la protezione dei dati fissa una scadenza del 30 aprile
  • OpenAI ChatGPT è offline in Italia dal 31 marzo
  • OpenAI afferma di non vedere l’ora di riprendere il servizio in Italia
  • L’Italia è stato il primo paese occidentale a limitare ChatGPT

MILANO (Reuters) – L’agenzia italiana per la protezione dei dati ha stilato mercoledì un elenco di richieste secondo cui OpenAI deve soddisfare entro il 30 aprile per rispondere alle preoccupazioni dell’agenzia sul chatbot ChatGPT e consentire la ripresa del servizio di intelligenza artificiale nel Paese.

Quasi due settimane fa, OpenAI sostenuto da Microsoft Corp. (MSFT.O) ha chiuso ChatGPT in Italia dopo che l’autorità, nota come Garante, ha temporaneamente limitato il trattamento dei dati personali e ha avviato un’indagine su una sospetta violazione delle norme sulla privacy.

In una dichiarazione di mercoledì, Garanti ha presentato una serie di richieste “concrete” che devono essere soddisfatte entro la fine del mese

“Solo in questo caso… l’autorità sospenderà le restrizioni temporanee all’uso dei dati degli utenti italiani… e ChatGPT sarà nuovamente disponibile in Italia”, si legge.

Giovedì OpenAI ha accolto con favore la mossa dell’agenzia.

“Siamo lieti che l’azienda italiana Garante stia riconsiderando la sua decisione e non vediamo l’ora di lavorare con loro per rendere ChatGPT nuovamente disponibile per i nostri clienti in Italia”, ha detto a Reuters un portavoce dell’azienda.

L’Italia è stato il primo paese dell’Europa occidentale a frenare ChatGPT, ma il suo rapido sviluppo ha attirato l’attenzione di legislatori e regolatori in molti paesi.

Molti esperti affermano che sono necessarie nuove normative per controllare l’intelligenza artificiale (AI) a causa del suo potenziale impatto sulla sicurezza nazionale, sul lavoro e sull’istruzione.

L’autorità ha affermato che OpenAI è tenuta a informare gli utenti in Italia dei “metodi e della logica” alla base del trattamento dei dati necessari per eseguire ChatGPT.

Il watchdog ha inoltre richiesto a OpenAI di fornire strumenti per consentire alle persone di cui condividi i dati, inclusi i non utenti, di richiedere la correzione o la cancellazione dei dati personali generati in modo impreciso dal servizio, se la correzione non è possibile.

Garanti ha affermato che OpenAI dovrebbe anche consentire ai non utenti di rinunciare al trattamento dei propri dati personali in un “modo semplice e accessibile” per eseguire i suoi algoritmi.

Ha inoltre chiesto all’azienda di introdurre entro la fine di settembre un sistema di verifica dell’età in grado di escludere l’accesso agli utenti di età inferiore ai 13 anni.

Il Garante ha affermato che continuerà a indagare su potenziali violazioni delle norme sulla protezione dei dati da parte di OpenAI, riservandosi il diritto di imporre ulteriori azioni necessarie al termine di un’indagine in corso.

Il passaggio dell’Italia a ChatGPT ha incuriosito altri garanti della privacy in Europa che stanno valutando se siano necessarie misure più severe per i chatbot e se armonizzare.

L’Agenzia spagnola per la protezione dei dati ha chiesto al garante della privacy dell’Unione Europea di valutare i problemi di privacy relativi a ChatGPT.

A febbraio, l’autorità di regolamentazione italiana ha vietato alla società di chatbot basata sull’intelligenza artificiale di utilizzare i dati personali degli utenti in Italia, citando i rischi per i minori e le persone emotivamente vulnerabili.

READ  Il presidente dell'Italia Kieran Crowley definisce arroganti i tifosi degli All Blacks

Segnalazione di Elvira Paulina; Montaggio di Gavin Jones e Alexander Smith

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *