Catastrofiche alluvioni in Italia. Il sistema MOSE è stato attivato per la prima volta nel fucile

Il Nord Italia sta affrontando un disastro a causa delle inondazioni causate da piogge torrenziali. A Venezia è stato attivato per la prima volta il sistema di dighe MOSE che, pur non funzionando con la quota con cui era stato progettato, ha protetto la città lacustre da grandi alluvioni, vista l’anticipazione di una forte marea. L’acqua non è mai più entrata in Piazza San Marco.

MOSE è un progetto controverso a lungo atteso, ovvero un sistema di dighe sottomarine che dovrebbe proteggere il fucile dalle alte maree. Sabato, il sistema è stato sollevato per la prima volta, a causa di un livello dell’acqua alto 1,3 metri Euronews.

Le autorità hanno accelerato i lavori sul sistema MOSE – un progetto che esiste da anni e che ha assorbito molti soldi – nel novembre dello scorso anno, dopo che Venezia ha affrontato la peggiore alluvione degli ultimi 53 anni. Inoltre, è probabile che le alte maree siano più comuni a Venezia a causa dei cambiamenti climatici.

Le barriere del sistema MOSE progettato per proteggere il cannone dagli allagamenti sono state innalzate per la prima volta sabato 3 ottobre 2020, in condizioni in cui era prevista una forte marea. Foto: Profimedia

È stato installato un sistema di paratie 78, ma alcuni lavori infrastrutturali devono ancora essere completati. In linea di principio, il sistema verrà attivato quando il livello dell’acqua dovrebbe salire di oltre 110 cm, ma poiché non tutti i lavori sono stati completati, è stata ora impostata una soglia di 130 cm. A questo livello, l’acqua inonderà metà della città in assenza di un sistema di barriera.

La costruzione del sistema di paratie subacquee mobili è stata segnata dalla corruzione, che ha comportato costi elevati e ritardi. La diga mobile doveva inizialmente costare 1,8 miliardi di euro e doveva essere completata entro il 2011, ma il progetto ha già inghiottito 5,5 miliardi di euro e non è ancora pronto, a quasi dieci anni da quando doveva essere completato.

READ  Il team NZ ha bisogno solo di una vittoria

La marea era molto più bassa

Per sollevare le autorità, il sistema MOSE ha funzionato sabato. “Oggi è tutto asciutto. Il sindaco ha detto felice:” Abbiamo fermato l’acqua “. Il sindaco ha aggiunto:” Qui sono successe molte cose brutte, ma ora è successo qualcosa di meraviglioso “.

Le 78 barriere gialle installate all’ingresso della delicata Laguna di Venezia hanno iniziato a sollevarsi dal mare con l’inizio della marea, ed è stata intensificata dalla pioggia e dai forti venti. Era prevista un’onda anomala di 130 cm, molto inferiore ai devastanti 187 cm di novembre 2019. Ma anche ad un’altezza di 130 cm, le zone basse della città sarebbero state ricoperte dall’acqua.

San Marco è pronto per l'alluvione
Il sistema delle dighe mobili è stato attivato per la prima volta a Venezia, sabato 3 ottobre 2020. Piazza San Marco è attrezzata per l’allagamento e le autorità stanno installando percorsi pedonali Foto: Profimedia

Anticipando il peggio, le squadre comunali hanno installato ponti speciali in aree ad alto rischio, tra cui Piazza San Marco, dove si verificano frequentemente alluvioni.

Ma alla fine la marea era di soli 70 cm e l’acqua non è entrata in zone sensibili.

Editore: Luana Buffaluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *