Capi di stato, intelligence e intelligence

I servizi operano in maniera apolitica, nascosti agli occhi della popolazione ma essenziali, indifferenti al colore politico del potere o alla personalità del capo dello Stato.

Nei paesi in cui il presidente svolge un ruolo puramente cerimoniale, come l’Italia o la Germania, i servizi segreti dipendono dal governo, in Italia ad esempio è soggetto al presidente del Consiglio.

La Germania possiede diverse strutture di intelligence, le più importanti delle quali sono, Servizio di intelligence federaleÈ soggetto al cancelliere, ma ci sono anche servizi segreti dei militari. Tuttavia, sono successivamente responsabili di fronte a una commissione parlamentare speciale, che deve dare la sua approvazione nel caso di alcune operazioni speciali, ad esempio se viene approvata la supervisione elettronica di persone o istituzioni.

In altri paesi, come la Francia, il cui sistema semipresidenziale può in pratica essere un vero sistema presidenziale come lo è negli Stati Uniti, passare da un presidente all’altro significa un periodo di transizione in cui i servizi segreti e di intelligence assicurano la regolarità del reporting quotidiano. Trasferimento di informazioni. Il nuovo presidente inizia a ricevere informazioni sull’andamento dei servizi e sui lavori in corso dal momento della conferma e del riconoscimento della vittoria elettorale. Questo è il motivo per cui è rimasto sorpreso dalla riluttanza di Donald Trump a consentire al suo successore, Joe Biden, l’accesso ai rapporti dell’intelligence. Rapporti scritti e pubblicati in libri e interviste con molti dei suoi ex parenti e collaboratori, a Donald Trump di solito non importava molto.

Il caso speciale della Francia

Un caso speciale è la repubblica presidenziale francese e il modo in cui i presidenti francesi trattano i servizi segreti.

READ  "Allora sarai teso con lo stato."

Ad esempio, il defunto presidente Francois Mitterrand ha esercitato così tanto controllo sui servizi segreti che, come indicano tutte le indicazioni, li ha usati per lanciare un attacco contro una nave dell’organizzazione ambientalista di Greenpeace nel famoso incidente. Guerriero arcobaleno. Quella nave è un ambientalista, Guerriero arcobaleno, Che cercava di impedire i test nucleari militari francesi nel Pacifico, fu sabotato dai servizi segreti francesi in un porto della Nuova Zelanda nel luglio 1985. L’esplosione, preparata dai sommozzatori francesi, per affondare la nave, morta: un membro dell’equipaggio viene fotografato, e ha portato a pericolosi attriti tra la Francia E la Nuova Zelanda, per violare la regola di quest’ultima.

The Rainbow Warrior, dopo essere stato sabotato dai servizi segreti francesi, il 1 ° agosto 1985

The Rainbow Warrior, dopo essere stato sabotato dai servizi segreti francesi, il 1 ° agosto 1985

È stato un episodio che ha rivelato una grande differenza tra le prestazioni della democrazia americana e il processo della Francia, in cui il presidente, dopo il generale de Gaulle, aveva acquisito uno status quasi imperiale. Negli Stati Uniti, dove il presidente Nixon è caduto sul Watergate, dove i servizi segreti erano usati per ascoltare i nemici politici del presidente e gli impiegati della Casa Bianca, l’azione che ha portato alle dimissioni del presidente è stata di gran lunga inferiore. Più serio di quanto fece Mitterrand inviando i suoi clienti.BarboseIn un linguaggio familiare, affondare una nave civile in posizioni opposte nel porto di un paese amico.

*****

La difesa e la sicurezza sono due settori principali in cui il Presidente della Repubblica di Moldova, in qualità di comandante in capo delle forze armate, ha importanti responsabilità. Tuttavia, il capo dello Stato deve coordinarsi con il Parlamento su qualsiasi decisione che prende in questi settori. Al fine di garantire specificamente questo equilibrio tra la presidenza e l’autorità legislativa nel campo della sicurezza, i legislatori hanno sottolineato, quando hanno stabilito l’apparato di intelligence e di sicurezza, che le sue attività erano coordinate dal presidente e soggette al controllo parlamentare.

Il tentativo dei socialisti di rimuovere il presidente da questa equazione dopo che il loro leader non ufficiale Igor Dodon ha perso le elezioni presidenziali è ancora ostacolato dalla Corte costituzionale per il momento. L’iniziativa ha suscitato molteplici critiche, anche da parte dell’Unione Europea, sulla base del fatto che è stata votata in modo frettoloso e opaco, è stata sostenuta da persone che potrebbero essere collegate a frodi bancarie e perché limita i poteri della neo eletta presidente moldava Maya Sandhu a favore degli interessi personali. .

Ironia della sorte, i socialisti ora vogliono legiferare ciò che hanno fortemente criticato nel 2016 quando la maggioranza parlamentare dominata dai democratici guidata da Vlad Plehtniuk si è comportata allo stesso modo, privando Igor Dodon, prima del suo mandato, di molti poteri, inclusa la nomina del capo del Servizio di informazione statale. Dopo aver rimosso l’istituzione dal controllo del capo dello stato. Dodon ha detto all’epoca che questi passaggi tradivano la paura di un capo forte. E nel 2019, dopo la caduta del governo democratico, lo State Information Service ha restituito il doppio controllo, il controllo del presidente e del parlamento.

Hanno adottato l’approccio precedentemente criticato dai parlamentari del Partito socialista rivoluzionario socialista e basato su argomenti simili a quelli presentati dai Democratici nel 2016. Indicano lo status del sistema parlamentare della Repubblica di Moldova e sostengono che l’emergere dell’iniziativa all’ordine del giorno dopo le elezioni è solo una coincidenza. Le elezioni presidenziali sono state vinte dal rivale Maya Sandhu Igor Dodon.

Perché vuole rimuovere di nuovo il Servizio informazioni statali dalla subordinazione del presidente? Perché un politico dell’opposizione è arrivato al capo dello Stato, con un programma anti-regime e anti-corruzione, e che il servizio di intelligence che raccoglie informazioni importanti relative alle minacce alla sicurezza dello Stato è un’istituzione formidabile, come spiega l’ex direttore ad interim dell’Autorità di intelligence e sicurezza, Valentin Didio:

Il presidente di oggi, il signor Dodon, è stato coinvolto con altri in alcuni programmi di contrabbando

“È un pericolo per chi si occupa di transazioni diverse, di schemi sporchi diversi, ed è per questo che si sono riuniti per proteggere il loro passato e perché no? – Il futuro. Non so quanto tempo ci vorrà, e per questo motivo vogliono rimuovere questo apparato di intelligence e sicurezza dalla subordinazione del presidente, che, se mettiamo Parentesi qui: perché vogliono sottrarlo alla subordinazione del presidente? Non consiste nel fatto che si tratta di introdurre il Parlamento, ma piuttosto nel fatto che questo servizio può essere controllato da un certo partito, prima di tutto dal Partito dei socialisti, che ha un grande interesse. Prima di tutto, l’attuale presidente, il signor Dodon, e altri sono stati informati dalla stampa che avevano partecipato a qualche schema di contrabbando, qualche schema sporco per fare soldi illegalmente.

Il risultato pratico della ri-subordinazione del Servizio informazioni statale è l’esclusione del capo di stato dal processo di nomina e revoca del direttore dell’istituzione e la conferma dei vicedirettori e di altre persone che ricoprono incarichi amministrativi nel servizio.

Negli ultimi anni il comando dei servizi segreti generali è stato accusato di aver ammesso interferenze politiche, soprattutto durante le crisi legate all’incidente della “giungla reale”, al “riciclaggio di denaro russo” attraverso le banche moldave, “rubando un miliardo” e intercettando illegalmente l’opposizione.

Gli esperti suggeriscono che sin dai tempi dei comunisti, i capi del SIS sono stati nominati per motivi politici, utilizzando la fondazione contro gli oppositori del governo, e talvolta per scopi molto personali, come Vladimir Blahotnyuk, che ha aiutato un ex collega di partito che è arrivato alla guida del SIS e ha acquisito una seconda identità moldava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *