Blinken esorta i paesi nordici a unirsi alla Turchia nella NATO | Notizie NATO

Blinken esorta i paesi nordici a unirsi alla Turchia nella NATO |  Notizie NATO

Il segretario di Stato americano ha affermato che Finlandia e Svezia hanno già compiuto “passi concreti” per soddisfare le richieste di Ankara.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha sottolineato il forte sostegno di Washington alla rapida adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, anche se il suo omologo turco ha sottolineato la necessità di un’azione più concreta da parte dei paesi nordici.

Parlando in una conferenza stampa congiunta dopo aver incontrato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ad Ankara, Blinken ha affermato che i paesi nordici hanno agito secondo i termini fissati dalla Turchia nel giugno dello scorso anno, quando hanno accettato di revocare il veto di Svezia e Finlandia sulla loro adesione al regime guidato dagli Stati Uniti. coalizione militare.

Il massimo diplomatico Usa, che sta compiendo il suo primo viaggio in Turchia dalla sua nomina due anni fa, ha affermato che la questione dell’espansione del Nord Atlantico non è bilaterale con Ankara e che Washington sostiene la loro adesione all’alleanza “il prima possibile”.

“La Finlandia e la Svezia hanno già adottato misure concrete per adempiere agli obblighi che hanno adempiuto ai sensi del memorandum d’accordo tripartito che hanno firmato”, ha affermato Blinken.

Washington ha anche confermato il suo impegno a consegnare gli F-16 alla Turchia, sebbene la Turchia abbia insistito sul fatto che il suo accordo non dovrebbe dipendere dalla revoca delle obiezioni all’adesione della Svezia alla NATO.

La Turchia vuole versioni moderne degli aerei da combattimento F-16 per la sua vecchia forza aerea, ma il Congresso degli Stati Uniti deve approvare qualsiasi vendita.

READ  I palestinesi fuggono dopo che Israele ha ordinato l'evacuazione dell'ospedale Nasser assediato Notizie della guerra israeliana a Gaza

Blinken ha aggiunto di non poter fornire una “linea temporale ufficiale” per l’approvazione e la consegna.

Con la sua visita sulla scia di devastanti terremoti che finora hanno ucciso più di 46.000 persone in Turchia e Siria, Blinken ha anche annunciato 100 milioni di dollari per aiutare la popolazione colpita.

Ha anche elogiato il sostegno fornito da aziende e individui americani, dicendo: “Abbiamo quasi 80 milioni di dollari in donazioni dal settore privato negli Stati Uniti, [from] individuale. Quando ho visitato l’ambasciata turca a Washington, non riuscivo quasi ad entrare dalla porta principale perché le scatole erano ammucchiate in tutto il corridoio che portava all’ambasciata.

“La Turchia deve fare molta strada per sostenere i senzatetto e la ricostruzione e ci impegniamo a fornire supporto”.

Domenica Blinken e Cavusoglu hanno fatto un giro in elicottero a Hatay, una delle province più colpite.

Blinken ha anche tenuto un incontro a porte chiuse con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ad Ankara dopo la conferenza stampa.

Offerte bloccate

E le offerte dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) sono state interrotte perché la Turchia si è rifiutata di ratificarle. Affinché ogni nuovo membro aderisca all’alleanza, tutti i suoi membri devono essere d’accordo all’unanimità.

Ankara ha recentemente indicato che accetterebbe solo l’adesione della Finlandia alla NATO, affermando che la Svezia in particolare ospita quelli che definisce gruppi terroristici.

Ankara vuole che Helsinki e Stoccolma prendano una linea più dura contro il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e un altro gruppo che accusa del tentativo di colpo di stato del 2016.

È stato anche irritato dalla decisione della Svezia il mese scorso di consentire a un partito politico di estrema destra di andare avanti con una protesta. Erdogan ha avvertito Stoccolma che non dovrebbe aspettarsi il suo sostegno per entrare a far parte della NATO dopo il rogo del Corano davanti all’ambasciata di Ankara.

READ  La Cina si oppone alla proposta di Vancouver Friendship City a Taiwan

I leader svedesi hanno condannato fermamente questo atto blasfemo, ma hanno difeso l’ampia definizione di libertà di parola del loro paese.

Cavusoglu, insieme a Blinken, ha invitato tutte le parti della coalizione a convincere Stoccolma a intraprendere ulteriori azioni per affrontare le preoccupazioni di Ankara e ottenere il suo sostegno all’offerta.

“La Svezia ha cambiato la legge, ma vediamo che ogni tipo di attività, compreso il finanziamento del terrorismo, il reclutamento e la propaganda, continua in Svezia”, ​​ha detto.

Ha aggiunto: “Se prendono provvedimenti che convincono il nostro parlamento e il nostro popolo, potrebbe esserci uno sviluppo in questa direzione”.

La Finlandia e la Svezia hanno abbandonato decenni di non allineamento militare e hanno chiesto di aderire all’alleanza lo scorso anno in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *