La Spagna annuncia la fine dell’eruzione di un vulcano sull’isola di La Palma dopo tre mesi devastanti

Gli scienziati hanno dichiarato ufficialmente conclusa l’eruzione a La Palma, in Spagna, sabato, consentendo agli isolani di tirare un sospiro di sollievo quasi 100 giorni dopo che il vulcano Cumbry Vieja ha iniziato a vomitare lava, rocce e cenere, sconvolgendo la vita di migliaia di persone.

Dopo che il vulcano ha iniziato a eruttare il 19 settembre, la calma è calata improvvisamente il 13 dicembre, ma le autorità, mettendo in guardia dal fomentare false speranze, hanno rimandato al giorno di Natale per dare tutto.

“Quello che voglio dire oggi può essere detto in sole quattro parole: l’eruzione vulcanica è finita”, ha detto sabato in una conferenza stampa Julio Perez, capo della sicurezza regionale per le Isole Canarie.

Durante l’eruzione, la lava si è riversata sul fianco della montagna, inghiottendo case, chiese e le numerose piantagioni di banane che rappresentano quasi la metà dell’economia dell’isola. Sebbene la proprietà sia stata distrutta, nessuno è stato ucciso.

Guarda | Guarda il vulcano eruttare gas e lava all’inizio di questo mese:

Il vulcano spagnolo La Palma continua a eruttare

Più lava e gas tossici vengono emessi dal vulcano sull’isola spagnola di La Palma, 80 giorni dopo l’eruzione. Dal 19 settembre più di 2.800 edifici sono stati completamente distrutti. (credito: IGME-CSIC) 0:50

Tutte le indicazioni sono che l’eruzione ha esaurito l’energia, ma non ha escluso di riattivarla in futuro, ha affermato Maria Jose Blanco, direttrice del National Geographic Institute delle Isole Canarie.

Lunga ricostruzione in futuro

La lava, che ora copre circa 1.219 ettari, ha distrutto circa 3.000 proprietà – l’equivalente di 1.500 campi da calcio – secondo il conteggio finale dei servizi di emergenza.

READ  Enorme esplosione in America alla vigilia di Natale!

Dei 7.000 sfollati, la maggior parte è tornata a casa, ma molte delle case rimaste sono inabitabili a causa dei danni causati dalla cenere. Con molte strade chiuse, alcune aziende agricole sono ora accessibili solo via mare.

Il vulcano, fotografato da El Paso, erutta lava il 13 dicembre. L’eruzione ha costretto migliaia di persone a lasciare le loro case mentre la lava si stava facendo strada attraverso vasti tratti di terra sul lato occidentale di La Palma. (Pierre-Philippe Marco/AFP/Getty Images)

La coppia tedesca Jacqueline Rehm e Jürgen Doyles sono stati tra quelli costretti a sfrattare, sono fuggiti dalla loro casa in affitto nel villaggio di Toddock e si sono trasferiti sulla loro piccola barca a vela per sette settimane.

“Non abbiamo potuto salvare nulla – non abbiamo potuto salvare nulla – nessuno dei mobili, nessuno dei miei dipinti, sono tutti sotto la lava ora”, ha detto Rehm, 49 anni, aggiungendo che si sarebbero trasferiti nella vicina Tenerife dopo Natale.

“Non sono sicuro che sia davvero finita. Non mi fido affatto di questo mostro.”

Il ruggito vulcanico che ricordava costantemente l’eruzione potrebbe essersi attenuato e gli isolani non devono più portare ombrelli e occhiali per proteggersi dalla cenere. Ma una massiccia pulizia è ancora in corso.

Il governo ha impegnato più di 400 milioni di euro (580 milioni di dollari canadesi) per la ricostruzione, ma alcuni residenti e imprese si sono lamentati del lento arrivo dei fondi.

Guarda le foto delle esplosioni di settembre e ottobre:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *