Biden e McCarthy sono bloccati in una disputa per rinviare i negoziati

Biden e McCarthy sono bloccati in una disputa per rinviare i negoziati

La crisi di Washington per l’innalzamento del tetto del debito ha sollevato preoccupazioni economiche su base globale. Un rapporto apartitico del Congresso afferma che esiste un “rischio significativo” che un default si verifichi storicamente entro le prime due settimane di giugno, e un rapporto dell’Ufficio del bilancio del Congresso degli Stati Uniti ha corroborato le osservazioni del segretario al Tesoro Janet Yellen che avverte che potrebbe arrivare un default del governo. già il primo giugno.

Un incontro per la riduzione del debito tra il presidente Joe Biden e i massimi legislatori previsto per oggi è stato rinviato. L’incontro è stato riprogrammato per l’inizio della prossima settimana. La divisione tra le due parti è ancora troppo grande perché dall’incontro odierno possa derivare un reale progresso. Invece, i membri dello staff di entrambe le parti continueranno a negoziare attraverso canali secondari per trovare un terreno comune, nonché compromessi che sia i democratici che i repubblicani sono disposti a prendere in considerazione.

Secondo il rappresentante repubblicano Daniel Webster, “i livelli di spesa sono fondamentali … I tagli alla spesa sono dove sei bloccato. Non con tutti, ma con un elenco di essi”. La richiesta di bilancio del presidente Biden per il 2024 dipende dall’aumento delle tasse per ridurre il deficit, mentre propone di aumentare la spesa discrezionale del 5% l’anno prossimo, creando una differenza di 200 miliardi di dollari con i repubblicani della Camera che ritengono necessario un taglio del bilancio dell’8% con l’aumento del bilancio della difesa. .

La preoccupazione per un possibile default negli Stati Uniti è globale. In una riunione del Gruppo dei Sette (G7), il presidente della Banca mondiale David Malpass ha affermato che “l’incombente rischio di default, che sarebbe il primo nella storia degli Stati Uniti, si aggiunge ai problemi che devono affrontare il rallentamento economico globale”.

READ  I talebani affermano di aver catturato il Panjshir, l'ultima provincia afghana

Sebbene l’oro abbia registrato un calo parziale questa settimana, i prezzi sono stati fortemente sostenuti dai timori che non verrà raggiunto alcun accordo entro il 1 giugno, quando il governo non sarà in grado di pagare tutti i suoi obblighi.

Alle 17:00 EST sulla base dei futures sull’oro, il contratto di giugno più attivo è attualmente fissato a $ 2015,60 dopo aver tenuto conto del minimo di oggi di $ 4,90 o 0,24%. L’oro ha registrato un parziale calo rispetto alla chiusura di venerdì scorso, nonché ai prezzi aperti e correnti di lunedì. Il fattore principale che ha spinto l’oro al ribasso questa settimana è stata la forza del dollaro. L’indice del dollaro USA ha aperto a circa 101 ed è attualmente scambiato al suo valore più alto questa settimana a 102,5, registrando un guadagno netto dell’1%, portando l’indice del dollaro a 102,54.

Per chi desidera maggiori informazioni è sufficiente utilizzare questo link.

Ti auguro sempre un buon trading,







Disclaimer: Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore e potrebbero non riflettere le opinioni dell’autore Kitco metalli Inc. L’autore ha compiuto ogni sforzo per garantire l’accuratezza delle informazioni fornite; Tuttavia, Kitco Metals Inc. non può farlo. Né l’autore garantisce questa accuratezza. Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è una sollecitazione ad effettuare alcuno scambio di merci, titoli o altri strumenti finanziari. Kitco Metals Inc. non accetta L’autore di questo articolo non sarà ritenuto responsabile per perdite e/o danni derivanti dall’uso di questa pubblicazione.

READ  Il sindaco di Bonavista racconta la sua esperienza durante il terremoto che ha colpito il Marocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *