Attivista di Hong Kong condannato a 15 mesi di carcere per il suo ruolo nella veglia di Tiananmen

Martedì un tribunale di Hong Kong ha condannato un avvocato di 36 anni a 15 mesi di carcere per aver incitato a un raduno non autorizzato per commemorare coloro che morirono nella repressione cinese del 1989 contro i manifestanti pro-democrazia dentro e intorno a Piazza Tiananmen a Pechino.

L’attivista Zhao Hang-tung dell’Alleanza di Hong Kong a sostegno dei movimenti democratici nazionali in Cina, che da allora è stato chiuso, è stato arrestato il giorno prima dell’anniversario della repressione del 4 giugno dello scorso anno.

La polizia ha vietato le veglie annuali a Tienanmen a Hong Kong negli ultimi due anni, citando le restrizioni del coronavirus.

Ma dopo le proteste di massa a favore della democrazia nel 2019, molti attivisti hanno visto il divieto come un tentativo di fermare le manifestazioni di sfida a Pechino. Le autorità hanno negato che questo fosse il motivo.

Nonostante il divieto, migliaia di candele hanno acceso in tutta la città nel 2020 e folle più piccole hanno fatto lo stesso nel 2021.

L’accusa di Zhao si riferisce ai post sui social media intitolati “Accendere una candela non è un crimine: stare in un posto” e il suo articolo di giornale Ming Pao intitolato “Il lume di candela porta il peso della coscienza mentre le persone di Hong Kong persistono nel dire la verità”.

Il giudice Amy Chan della West Kowloon Magistrates Court ha affermato di aver scoperto che le pubblicazioni e gli articoli avevano lo scopo di “incoraggiare, persuadere, dare suggerimenti e fare pressione sui membri del pubblico” e “equivalevano a incitare altri a partecipare consapevolmente all’assemblea non autorizzata. “

Migliaia di persone hanno preso parte a una veglia a lume di candela nel Victoria Park di Hong Kong il 4 giugno 2019, per commemorare le vittime della repressione del governo cinese di tre decenni fa sui manifestanti in piazza Tiananmen a Pechino. (Ken Cheung/The Associated Press)

Chan ha continuato dicendo che il raduno ha causato un “rischio per la salute pubblica”.

Zhao, che si è rappresentata, si è dichiarata non colpevole, dicendo che voleva “incitare gli altri a non dimenticare il 4 giugno”, non incoraggiare la riunione. Chan ha detto di aver trovato l’argomento “semplicemente irragionevole”, aggiungendo che le qualifiche accademiche di Zhao le avrebbero permesso di essere più esplicita nei suoi scritti.

“Si prevede che lo spazio pubblico per la discussione del 4 giugno scomparirà completamente”, ha detto Zhao, gridando alla corte dopo la sentenza. “Il dominio è avido e le linee rosse continueranno ad espandersi”.

Il mese scorso, otto attivisti pro-democrazia sono stati condannati fino a 14 mesi di carcere per il loro ruolo nella veglia del 2020. Tra questi, Zhao è stato condannato a 12 mesi di carcere.

Cinque mesi della sentenza annunciata martedì scadranno contemporaneamente, il che significa che Zhao sconterà solo 10 mesi in aggiunta alla sua precedente condanna.

Statue rimosse e musei chiusi

Altri sedici attivisti stanno già scontando condanne da quattro a dieci mesi in relazione alla veglia del 2020. Due attivisti per la democrazia accusati di accuse simili, Nathan Law e Sunny Cheung, sono fuggiti da Hong Kong prima di essere accusati.

Zhao è anche accusato di incitamento alla sovversione ai sensi di un’ampia legge sulla sicurezza imposta da Pechino nel 2020. L’alleanza è stata sciolta nel corso di quell’indagine e la polizia lo ha accusato di essere un “agente di forze straniere”, cosa che il gruppo ha negato.

I lavoratori di Hong Kong rimuovono parte di una statua della Colonna della Vergogna dello scultore danese Jens Galchiot il 23 dicembre 2021. La statua onora le vittime della repressione in Piazza Tiananmen a Pechino il 4 giugno 1989. (Tyron Seo/Reuters)

L’ex colonia britannica, tornata al dominio cinese nel 1997 con la promessa di ampie libertà, tiene tradizionalmente la più grande veglia del 4 giugno al mondo.

Ma la commemorazione sta diventando sempre più difficile. Il mese scorso, le migliori università del mondo nel centro finanziario globale hanno rimosso le tracce di Tiananmen, tra cui pilastro della vergogna.

La polizia ha fatto irruzione e chiuso il Museo del 4 giugno mentre l’alleanza è oggetto di indagine e la sua copia online non è accessibile a Hong Kong.

La Cina non ha mai fornito un resoconto completo della repressione del 1989. Il bilancio delle vittime che i funzionari annunciarono giorni dopo era di circa 300, per lo più soldati, ma gruppi per i diritti umani e testimoni oculari affermano che migliaia potrebbero essere stati uccisi.

READ  Un tribunale russo ha respinto l'appello di Alexei Navalny ei suoi alleati sono stati arrestati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *