Apple spiega la funzionalità dell’app musicale predefinita per iOS e non è quello che pensa la gente

Ingrandire / Siri in iOS 14.

Samuel Axon

Nelle ultime settimane ci sono state diverse segnalazioni (tra cui uno di noi) In una funzionalità trovata nelle recenti beta di iOS 14.5 che sembra consentire agli utenti di modificare l’app musicale predefinita sui loro iPhone. Tuttavia, Apple ha appena spiegato a TechCrunch La caratteristica non è quella che sembrava essere all’inizio.

Nei rapporti iniziali, gli utenti hanno affermato di essere stati invitati a selezionare un’app musicale preferita, come Spotify o Apple Music, quando hanno chiesto a Siri di riprodurre un brano. Poi hanno scoperto che Siri sembrava rispettare tale opzione su richieste future.

Inoltre, notano che con il solito comando “Hey Siri, gioca [song name] Su Spotify “Siri farà sì che Spotify venga riutilizzato in futuro quando parlano della stessa richiesta senza la parte” Su Spotify. “(Nell’attuale versione pubblica di iOS, gli utenti devono dire” Su Spotify “ogni volta per riprodurre i brani in questa app invece di Apple Music.)

Ma Apple ha detto a TechCrunch che questo comportamento non imposta effettivamente il lettore predefinito e che non lo farà anche quando iOS 14.5 verrà rilasciato al pubblico nelle prossime settimane. Invece, questo comportamento è una domanda che Siri potrebbe porre periodicamente per scegliere in modo intelligente le app per tuo conto in base alla natura del contenuto richiesto.

Tra le altre cose, questo significa che Siri potrebbe offrirti un’app diversa quando richiedi un podcast rispetto a quando richiedi una canzone pop. Ma in ogni caso, non è una scelta predefinita dell’app, di per sé, e Siri può decidere quale app scegliere in base a un numero qualsiasi di fattori diversi da quello. Siri potrebbe anche chiederti periodicamente di selezionare quale app utilizzare di nuovo per chiarire o migliorare le sue opzioni.

READ  Apertura americana: il pacchetto è arrivato, quindi perché l'oro cade e qual è il destino di Bitcoin?

Gli utenti beta hanno riscontrato la richiesta di Siri una seconda o terza volta, ma la maggior parte l’ha interpretata come un bug che ha fatto dimenticare al programma l’impostazione predefinita invece del comportamento previsto.

Apple ha anche detto a TechCrunch che non ci sarebbe stato alcun posto nell’app Impostazioni per impostare un lettore musicale predefinito, così com’è Per applicazioni di posta elettronica o browser Dal lancio di iOS 14 alla fine dell’anno scorso.

Questo cambiamento nella politica e nelle funzionalità relative alle app di posta elettronica e browser è stato una sorpresa da parte di Apple, poiché la società ha a lungo insistito sul fatto che le sue app fossero le impostazioni predefinite sul suo sistema operativo mobile, frustrando gli utenti che desiderano un maggiore controllo. Non è chiaro se Apple abbia apportato la modifica per fornire una migliore esperienza utente, per minare le accuse e le indagini antitrust attuali e future, o un po ‘di entrambe.

Ma se l’obiettivo è combattere le argomentazioni antitrust, qualsiasi trattamento preferenziale in corso per Apple Music è spinoso. Mentre le indagini antitrust dell’azienda riguardano più che semplici applicazioni musicali, una delle indagini più minacciose è quella avviata dall’Unione Europea. Di Spotify, Il che afferma che Apple sta ingiustamente dando la preferenza ad Apple Music in molte parti dell’esperienza utente iOS.

Tuttavia, il nuovo modo in cui Apple afferma che Siri gestirà i servizi di musica in streaming potrebbe effettivamente non essere limitato dal servizio in termini di come i servizi vengono scelti per rispondere alle richieste degli utenti in base al comportamento precedente dell’utente. Ma come con molte di queste funzionalità di assistente AI, è improbabile che tutto ciò sia evidente agli utenti esattamente come giudicherà Siri.

READ  Vieni davvero sulla piattaforma della console

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *