Andy Filke, il nuovo allenatore della squadra femminile di rugby a sette di Hong Kong, ha gareggiato nei Giochi asiatici, nelle qualificazioni olimpiche e nella serie asiatica di rugby a sette.

Andy Filke, il nuovo allenatore della squadra femminile di rugby a sette di Hong Kong, ha gareggiato nei Giochi asiatici, nelle qualificazioni olimpiche e nella serie asiatica di rugby a sette.

Dopo 15 anni trascorsi a giocare e ad allenare il rugby in Italia, il nuovo allenatore della squadra femminile di Hong Kong a sette, Andy Filk, cerca istintivamente la lingua del paese per esprimere un concetto.

Tuttavia, è onesto con un difetto nella sua lingua madre, e Philke si offre volontario, dicendo che “potrebbe non aver compreso appieno la cultura”.

Filke è stato capitano della squadra England Sevens e ha partecipato a più di 30 tornei per il suo paese. Ha vinto gli Hong Kong Sevens nel 2006, poco dopo aver conquistato l’argento ai Giochi del Commonwealth di Melbourne.

“Sono cresciuto in inglese, è il mio DNA, quindi continuerò a chiedere allo staff italiano di cosa secondo loro ha bisogno la squadra in certi momenti”, ha detto Filke al giornale.

“Dal punto di vista culturale, per quanto cerco di capire, la mia posizione di default è: di cosa ha bisogno un giocatore o una squadra anglosassone in questo momento? Non sempre hai tutte le risposte.”

Andy Filke ha vinto gli Hong Kong Sevens come giocatore dell’Inghilterra nel 2006, poco dopo aver portato a casa una medaglia d’argento ai Giochi del Commonwealth.

Philek è all’inizio di una ripida curva di apprendimento dopo essere stato nominato presidente di Hong Kong questo mese.

La cultura del nuovo ambiente di Filke plasmerà il modello di leadership del 42enne. Ma il tempo stringe già: porterà la sua squadra a Incheon, in Corea del Sud, questo fine settimana per la prima tappa dell’Asian Rugby Sevens Series.

Il secondo evento a Bangkok in ottobre coincide con i Giochi asiatici di Hangzhou a settembre e il torneo di qualificazione olimpica a Fukuoka a metà novembre.

“Nel breve termine, voglio capire dove posso contribuire maggiormente”, ha detto Filke. “Così potrò valutare dove potrò contribuire maggiormente in futuro.

READ  Ainslie deve affrontare un lavoro italiano per mantenere vivo il sogno dell'America's Cup

“Non voglio scioccare, né cambiare troppo e troppo in fretta. È preoccupante per i giocatori e non funziona.

“La cultura influenza ogni aspetto del business. Determina il modo in cui una squadra reagisce alla vittoria o alla sconfitta e cosa motiva i singoli giocatori, nei tornei o negli allenamenti. Modella le interazioni quotidiane: come gestisci le riunioni, come inizi e finisci l’allenamento.

Filke ha assunto la guida della nazionale italiana nel 2013 dopo aver giocato in nazionale per il Treviso e il Calvisano.

Ha trascorso il suo ultimo anno come assistente allenatore ad alte prestazioni e sviluppo per l’Unione Italiana Rugby, insieme a una posizione di consulenza per i Sevens.

La partenza è stata difficile, ma ha stretto una “connessione immediata” con Paul John, capo del programma d’élite dei sette sport presso l’Hong Kong Sports Institute (HKSI).

“L’opportunità di lavorare con Jonesy e con una squadra femminile, che richiede un insieme diverso di competenze, mi migliorerà sia come persona che come allenatore”, ha affermato Filke.

“Ho parlato molto con le mie ex compagne di squadra ed ex avversarie che allenano il calcio femminile per assicurarmi di essere il più preparata possibile.

C’è un’aura qui. [HKSI] È una struttura fantastica e Johnsy ha creato un ambiente di livello mondiale.”

Il torneo di Fukuoka prevede un posto alle Olimpiadi di Parigi del 2024, con posti aggiuntivi per la ripetizione della competizione.

Le prossime Asian Series forniscono l’accesso alla Challenger Series di secondo livello, che è la porta d’accesso alle elite Rugby Sevens World Series.

“La rivincita, se non ci qualifichiamo in Giappone, ci offrirà l’opportunità di essere una squadra olimpica e di ottenere maggiore esposizione a competizioni di alta qualità”, ha detto.

READ  10 atleti corrono maratone a velocità vertiginosa

“È un periodo emozionante: quattro campionati, con molto potenziale e molto potenziale per il 2024.”

L’ambizione di questo inglese di Hong Kong è evidente in qualsiasi lingua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *