$ 19 milioni. Sulle antichità saccheggiate restituite in Italia dall’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan – ARTnews.com

$ 19 milioni.  Sulle antichità saccheggiate restituite in Italia dall’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan – ARTnews.com

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha restituito diciannove artefatti rubati per un valore di circa 19 milioni di dollari alle autorità italiane durante una cerimonia di rimpatrio presso il consolato italiano a New York il 10 ottobre.

Alcuni dei manufatti recuperati includono un elmo corinzio in bronzo del VI secolo d.C., una placca in bronzo dorato del I secolo d.C. raffigurante una cerimonia religiosa dionisiaca e un dipinto apulo raffigurante il dio Eros del 350 a.C. circa.

Secondo quanto affermato da A dichiarazione Dall’ufficio del procuratore distrettuale. Tra loro figurano il mercante d’arte Robin Sims, attualmente indagato nel Regno Unito per contrabbando di merci, nonché il defunto mercante Jerome Eisenberg e, per estensione, la galleria Royal-Athena da lui gestita.

Articoli Correlati

Numerose antichità saccheggiate sono state sequestrate a Symes, inclusi recentemente 266 oggetti che sono stati restituiti anche in Italia. Dal 2017, il procuratore distrettuale di Manhattan ha recuperato 125 oggetti rubati dalla Royal Athens Gallery.

Questo è l’ultimo di una serie di rimpatri di alto profilo da quando il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg è entrato in carica due anni fa. Da allora, l’ufficio ha restituito più di 275 articoli in Italia e più di 1.000 articoli in 27 paesi. Questo sforzo è stato compiuto con l’assistenza delle indagini del Dipartimento di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti.

“L’Italia è stata per decenni un centro di saccheggi organizzati di antichità, ma continuiamo a riparare i danni grazie al nostro straordinario team di investigatori, analisti e pubblici ministeri”, ha affermato Bragg in una nota.

READ  L'Italia sta costruendo il suo primo 'hotspot' per migranti e rifugiati nel nord

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *