“West Side Story” di Steven Spielberg mi dà qualcosa di cui cantare

La telecamera scivola tra le rovine della città in rovina, blocco dopo blocco un mucchio di fuliggine e pietra. Piccoli ricci, metà neuss, metà topo di strada, i loro volti imbrattati bussano dall’armatura per catturare il sole al tramonto, il loro orribile splendore abbaglia i loro occhi arrabbiati e affamati. Il loro futuro sono i propulsori di scopa, spazzati via nei bidoni della spazzatura della storia e della sua natura dimenticata, e questi sono quei momenti in cui impilano i loro regni di mattoni rotti il ​​più in alto possibile solo per poterli guardare cadere e cadere. Ma bene, e porta con sé ciò che possono nel loro disordine. I bambini sanno tutto in discesa da qui – fino al fiume dove i topi rabbiosi si precipitano su una superficie piana mentre arrivano le inondazioni, qualunque cosa accada. Cantate mentre ce l’avete, amici. Il futuro sembra tetro.

Ho imparato a non preoccuparmi troppo dei remake dopo il 2018, quando l’ha rifatto Luca Guadagnino suspense, uno dei miei film horror preferiti, e quindi il mio film preferito del 2018. Dato che mi sono reso conto che se è brutto, queste nuove uscite non possono eliminare l’originale, che dobbiamo comunque tenere d’occhio in qualsiasi momento, e se va bene, tieniti le chiappe. Bene Steven Spielberg Storia del lato ovest È buono – è molto, molto buono. Lo ammetto in anticipo – e nel processo perdo senza dubbio la buona volontà di molti! – quel classico del 1961 di Robert Wise e l’amato adattamento di Storia del lato ovest Non è mai stata la mia marmellata. Ha incarnato per me una certa visione antisettica della metà del secolo che avevo odiato a lungo, con i suoi combattimenti con le dita e i secchi liberali dalla faccia bruna. Con le labbra di Natalie Wood che sbattevano mentre la voce di un’altra donna fluiva.

READ  JP Devine: recensione Moonstruck

Ciò che molti fan hanno a lungo considerato l’apoteosi del genere, è stato a lungo il culmine di una lista di cose che non mi piacevano dei film musicali. Sapendo che la riverenza della gente per questo materiale supera di gran lunga il mio apprezzamento, non sono entrato in questa nuova versione qui con così tanti fiori gioia di vivere Fischiettando nel mio cuore – Questa venerazione sarà sicuramente un ricordo scena per scena del mio posto come fiore crudele in questa festa da ballo. Avete tutti le vostre canzoni. Aggrotterò la fronte mentre i vestiti rotolano e le canzoni rimbalzano come una pallina da tennis avanti e indietro tra Jet e Shark, cravatte assortite, pezzi laterali, ufficiali di legge e simili.

Ma è successa una cosa divertente sulla strada per il Rumble. Piccoli cambiamenti intelligenti che si sono verificati non solo nella grande sceneggiatura di Tony Kushner o nella telecamera a vortice di Janusz Kaminski, ma cambiamenti necessari nel tempo e progressi stessi – come un cambiamento che ora impone di nominare prima di tutto attori appropriati per la razza, cosa che sembrava evidente quando l’annuncio è stato La nuova versione, ma in pratica ha finito per fare un’enorme differenza che non può essere sottovalutata. Guardare attori come Rachel Zegler, Ariana DeBose (Ariana DeBose!!!) e David Alvarez – e sì il ritorno della grande Rita Moreno in un secondo tour animato all’interno di questo mondo – strappare questi personaggi che avrebbero dovuto sempre appartenere a loro, dopotutto in questi anni è impossibile sottovalutare la magia di quell’esperienza, quella sensazione di pancia da solo. È un diritto a lungo negato, l’abbondanza che esplode come grandi fuochi d’artificio blu sul barrio.

READ  Introduzione a 'The Card Counter': Oscar Isaac nel thriller di Paul Schrader

Tutto brilla e irradia un buon fascino da film da lì in poi. Spielberg fa praticamente tutte le scelte giuste, non solo sul momento ma anche in termini di amplificazione di quella che è sempre stata una storia semplice e senza tempo in questo musical, parlando dei modi in cui il sistema ci accende l’uno con l’altro all’infinito, rendendo le armi si materializzano dal nulla se ci focalizziamo sugli spazi che ci separano da quelli in cui ci incontriamo. Come ci riuniamo in tribù rivali con nomi inventati e facciamo sacrifici sanguinosi che non ottengono altro che dolori e tragedie personali, tutti come grattacieli luccicanti e privi di personalità che sporgono dal marciapiede, circondando i poveri con muri e uno per lato. Questo è un film che, a suo modo, arriva davvero al nocciolo di ciò che ci dà fastidio, anche con le canzoni e la danza, e l’uomo, lo splendore e il bagliore al centro. Agonizza con vero dolore, il dolore che guadagna e interpreta, e come l’arte dovrebbe fare bellezza e dolore, e ne stende la mano. Mi sono semplicemente sentito più vivo, con una migliore comprensione di cosa significa vivere, alla fine. Guardando il romanzo di Spielberg ho sentito, finalmente, qual era il senso di questa storia. E se non vale la pena cantarlo, non so perché.

?
Riassunto di Hawk: “Partner, ho ragione?” |
Le guardie dei ‘Campioni Nazionali’ sono un’ottima squadra per discutere se gli atleti studenti debbano essere pagati

Fonti immagine (in ordine di trasmissione): Disney

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *