Un’altra testata giornalistica di Hong Kong ha annunciato la sua chiusura in mezzo alla repressione del dissenso

Un sito web di notizie online di Hong Kong ha dichiarato domenica che fermerà le operazioni alla luce del deterioramento della libertà di stampa, giorni dopo che la polizia ha fatto irruzione e ha arrestato sette persone per sedizione in un’agenzia di notizie a favore della democrazia separata.

Citizen News ha annunciato la sua decisione domenica in un post su Facebook. Ha detto che avrebbe smesso di aggiornare il suo sito il 4 gennaio e che sarebbe stato chiuso dopo.

“Tutti noi amiamo così tanto questo posto. Sfortunatamente, quello che avevamo davanti non era solo pioggia o raffiche di vento, ma uragani e tsunami”, ha detto in una nota.

“Non abbiamo mai dimenticato la nostra intenzione originale. Sfortunatamente, non possiamo più sforzarci di trasformare le nostre convinzioni in realtà senza paura a causa del cambiamento epocale della società negli ultimi due anni e del deterioramento dell’ambiente dei media”.

Citizen News è la terza testata giornalistica a chiudere negli ultimi mesi, dopo l’Apple Daily a favore della democrazia e il sito web Stand News. Le autorità si sono mosse per mettere a tacere il dissenso nella città semi-autonoma, precedentemente nota come un vivace centro mediatico, dopo che Pechino ha implementato un’ampia legge sulla sicurezza nazionale sulla scia delle massicce proteste a favore della democrazia nel 2019.

L’imminente chiusura di Citizen News è arrivata pochi giorni dopo che le autorità hanno fatto irruzione in Stand News e hanno arrestato sette persone, tra cui editori ed ex membri del consiglio di amministrazione, con l’accusa di aver cospirato per pubblicare materiale infiammatorio. Stand News ha annunciato lo stesso giorno che lo farà smetti di lavorare.

READ  Il procuratore distrettuale assegna alla regione di Atlanta un gran giurì speciale per indagare sull'interferenza elettorale di Trump

Due degli ex redattori di Stand News che sono stati arrestati, sono stati successivamente accusati di sedizione.

Un manifestante tiene un cartello con la scritta “Sostieni la libertà di stampa a Hong Kong” fuori dalla Bank of China a Taipei, Taiwan, il 30 dicembre, un giorno dopo l’irruzione delle autorità a Stand News. (Xiang Yingying/Associated Press)

A dicembre, l’opposizione era squalificato dalle elezioni In base a una nuova legge che sottopone tutti i candidati a un test di lealtà, i monumenti commemorano la sanguinosa repressione di piazza Tienanmen del 1989 a Pechino stato abbattuto.

Gli Stati Uniti e altri governi occidentali hanno condannato la riduzione della stampa e delle libertà civili che Pechino ha promesso di sostenere per 50 anni dopo che Hong Kong è stata consegnata alla Gran Bretagna nel 1997.

La scorsa settimana il leader di Hong Kong Carrie Lam ha difeso il raid su Stand News, dicendo ai giornalisti che “l’incitamento da parte di altri … non può essere perdonato sotto le spoglie di notizie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *