Un nuovo studio mostra che le mutazioni del DNA potrebbero non essere così casuali come pensavamo

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista temperare la natura Il 12 gennaio 2022.

I ricercatori dell’Università della California, Davis, e del Max Planck Institute for Developmental Biology in Germania hanno sequenziato e studiato i genomi di centinaia di Arabidopsis thalianaPianta di crescione. Il crescione Thale è comunemente usato negli esperimenti genetici a causa delle sue dimensioni relativamente ridotte, a 120 milioni di paia di basi nel genoma, rispetto ai circa 3 miliardi di paia di basi trovate nel genoma umano.

centinaia in crescita Arabidopsis thaliana Le piante del Max Planck Institute hanno permesso ai ricercatori di coltivare piante che potrebbero non essere sopravvissute allo stato selvatico dopo le mutazioni del DNA. Dalle sequenze del DNA, i ricercatori hanno identificato più di un milione di mutazioni, in cui è emerso anche un pattern non casuale.

“Abbiamo sempre pensato che la mutazione fosse essenzialmente casuale in tutto il genoma. E si scopre che la mutazione è molto non casuale e non casuale in un modo che avvantaggia la pianta. È un modo completamente nuovo di pensare alle mutazioniha affermato Gray Munro, professore associato presso il Dipartimento di scienze vegetali dell’Università della California, Davis e autore principale dell’articolo.

“A prima vista, ciò che abbiamo trovato sembra contraddire la teoria consolidata secondo cui le mutazioni iniziali sono completamente casuali e solo la selezione naturale determina quali mutazioni si osservano negli organismi. Queste sono le regioni davvero importanti del genoma. Le aree biologicamente più importanti sono le aree protette dalle mutazioniha affermato Detlev Weigl, direttore scientifico del Max Planck Institute e autore senior dello studio.

Puoi leggere più studio qui.

READ  Il telescopio Hubble scopre 6 enormi galassie misteriosamente morte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.