Un membro dei Beatles affiliati all’ISIS è stato condannato a otto ergastoli per il suo ruolo nella presa di ostaggi e nell’uccisione di americani

Sheikh ha condannato otto ergastoli simultanei in un’aula di tribunale della Virginia nell’ottavo anniversario della decapitazione della sua vittima: giornalista statunitense James Foley.
Lo sceicco e un altro membro della cellula, Alessanda Koti, nell’ottobre 2020, è stato incriminato per otto capi d’accusa di coinvolgimento nella presa di ostaggi e nell’omicidio di Foley, del loro collega giornalista americano Stephen Sotloff e degli operatori umanitari statunitensi Peter Kassig e Kayla Mueller, nonché di cittadini britannici e giapponesi. era lo sceicco Condannato ad aprile.

Parlando alla stampa dopo la sentenza, la madre di James Foley, Diane Foley, ha detto di essere grata per la sentenza, ma l’ha definita una “vittoria vuota”.

“Il nostro Paese ha perso quattro dei suoi migliori cittadini”, ha detto. “Abbiamo perso per sempre le famiglie dei nostri cari”.

“Pericolosa, sadica e negazionista proprio com’è”

Durante il processo di due settimane dello sceicco, gli ex ostaggi hanno testimoniato le condizioni brutali, percosse, fame e torture a cui sono stati sottoposti per mano degli elementi dell’ISIS. E uno dei giornali emessi dal ministero della Giustizia ha sottolineato che «secondo le prove presentate durante il processo, oltre agli abusi fisici e psicologici degli ostaggi, lo sceicco e i suoi complici hanno partecipato all’esporre con la forza gli ostaggi a l’uccisione di altri ostaggi detenuti dall’Isis”.

“Da agosto 2014 a ottobre 2014, l’ISIS ha pubblicato video che ritraggono la decapitazione di James Foley, Stephen Sotloff e dei cittadini britannici David Haines e Alan Henning”, si legge nella dichiarazione. Nel novembre 2014, l’ISIS ha pubblicato un video che ritrae la testa decapitata di Peter Kassig.

“Nel gennaio 2015, l’ISIS ha pubblicato video che ritraggono il corpo decapitato della cittadina giapponese Haruna Yukawa e la decapitazione del cittadino giapponese Kenji Goto. Intorno al 7 febbraio 2015, la famiglia di Kayla Mueller ha ricevuto un’e-mail dall’ISIS che confermava la morte di Mueller in Siria”, disse.

READ  10 morti in un incidente in Alabama, di cui 9 bambini

Durante la sentenza di venerdì, il governo degli Stati Uniti si è espresso a favore di otto ergastoli consecutivi, affermando che i crimini commessi dai membri dell’Isis erano “gravi, sadici e riprovevoli proprio come sono”.

“Come hanno dimostrato le prove del processo, Sheikh, Emwazi e Kotey hanno contribuito a guidare una rete di almeno nove centri di detenzione in cui sono stati tenuti 26 ostaggi civili provenienti da 12 paesi in Siria”, ha affermato Raj Parikh, il primo assistente procuratore generale degli Stati Uniti. Liberare il Ministero della Giustizia.

“Questi feroci atti di terrorismo contro il mondo hanno diffuso carneficina e paura e hanno causato una profonda disperazione. Come purtroppo sappiamo, questi crimini devastanti, come sappiamo, hanno provocato la morte di almeno otto cittadini americani, britannici e giapponesi, tra gli altri, comprese le decapitazioni. L’orribile è stato promosso su scala globale ed è stato perverso promosso dalla propaganda dell’Isis”.

“Invece di diventare un martire della loro causa brutale, lo sceicco e Kuti sono stati giustamente e imparzialmente condannati, in un’aula di tribunale aperta, per i loro crimini barbari”, ha aggiunto.

Sheikh e Kuti, a cui è stata revocata la cittadinanza britannica a causa della loro appartenenza all’ISIS, sono stati catturati dalle forze democratiche siriane mentre tentavano di fuggire in Turchia nel gennaio 2018. L’allora procuratore generale William Barr ha negoziato con la Gran Bretagna per consegnarli al Stati Uniti per l’accusa di abolire la pena di morte dal tavolo come considerazione per l’emissione del giudizio.

Coty si è dichiarato colpevole a settembre ed è stato condannato a otto ergastoli simultanei all’inizio di quest’anno. Il terzo membro della cellula, Mohamed Emwazinoto anche come “Jihadi John”, era Ucciso in un attacco di droni nel 2015.

“La punizione si adatta al crimine”

Il vicedirettore dell’FBI Paul Abate ha dichiarato in una dichiarazione che la sentenza dello sceicco “dimostra che coloro che uccidono o feriscono i nostri cittadini non possono nascondersi per sempre”.

READ  I media statali hanno riferito che la Russia sta inviando un avvertimento agli Stati Uniti sul trasferimento di armi in Ucraina

Karl Muller, il padre di Kayla Mueller, ha dichiarato alla stampa dopo la sentenza di ritenere che “la sentenza sia proporzionale al crimine in questo caso”.

“Trascorrerà il resto dei suoi giorni in una prigione e avrà tempo per pensare a quello che ha fatto”, ha detto Mueller. “E non fare questo genere di cose è un deterrente per gli altri”, ha aggiunto.

Karl Muller ha detto che la famiglia stava ancora lavorando per scoprire esattamente cosa è successo a sua figlia dall’ISIS preteso omicidio In un raid aereo giordano su Raqqa.

“Vogliamo riportarla a casa”, ha detto, “vogliamo metterla sul suolo americano al suo posto”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori reazioni e background.

Hana Rabinovitch della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.