Tesla Semi offre un’autonomia impressionante nei primi test indipendenti condotti nel mondo reale

Tesla Semi offre un’autonomia impressionante nei primi test indipendenti condotti nel mondo reale

Diversi pick-up Classe 8, incluso il Tesla Semi, verranno testati questo mese nell’ambito del programma Run On Less di NACFE.

Semirimorchi Tesla della flotta Pepsi a Sacramento

Quasi dieci mesi dopo che Tesla ha consegnato il suo primo Semi a PepsiCo nel dicembre 2022, sono finalmente emersi i risultati delle prestazioni del suo primo test indipendente nel mondo reale. Diverse aziende stanno partecipando al programma Run On Less del North American Council for Charging Efficiency (NACFE), con l’obiettivo di testare le prestazioni nel mondo reale dei veicoli commerciali elettrici, e una di queste è PepsiCo.

Il magazzino del produttore di bevande a Sacramento, in California, ospita 21 Tesla Semi tra gli altri veicoli elettrici commerciali. PepsiCo ha commissionato Tesla per viaggi di consegna a breve e lungo raggio. Mentre la maggior parte della flotta copre regolarmente meno di 100 miglia, tre semirimorchi coprono fino a 450 miglia, il che è teoricamente raggiungibile poiché Tesla afferma un’autonomia stimata di 500 miglia con una singola carica.

“I Tesla Semis saranno monitorati nelle operazioni di trasporto di carichi pesanti a lunga distanza”, afferma NACFE. I profili dei partecipanti indicano che i camion percorreranno due percorsi intorno a Sacramento per 18 giorni: il primo percorso è di 250-450 miglia, con un carico utile fino a 82.000 libbre, mentre il secondo percorso è inferiore a 75 miglia al giorno. Dalla dirigenza. Il carico utile di quest’ultimo è descritto come “partenza pesante, tonnellaggio decrescente”.

Il primo giorno, un Semi ha percorso 335 miglia con una singola carica con circa il 17% di stato di carica (SoC) rimanente. Sembra che questo processo avvenga in autostrada a una velocità costante di 62 miglia orarie. La seconda metà sembra raggiungere un’autonomia di 295 miglia prima di ricaricarsi a circa il 21% di SoC. Un terzo Semi ha raggiunto un’impressionante autonomia di 377 miglia, con la batteria scarica a meno del 2%.

READ  W Worldwide Hotels nasce in Italia

La temperatura il primo giorno era di 94 gradi Fahrenheit, ma altri fattori che influenzano l’autonomia come i cambiamenti di altitudine, gli schemi di guida e il carico utile esatto non sono chiari.

Tre motori elettrici indipendenti sull’asse posteriore azionano il semirimorchio e il loro consumo energetico è inferiore a 2 kilowattora per miglio. Tesla non ha annunciato la capacità ufficiale della batteria, ma la nostra stima è che la versione da 500 miglia abbia circa 850-900 kWh di capacità della batteria. Il semirimorchio presenta anche un chiaro vantaggio in termini di prestazioni in pendenza rispetto ai camion diesel.

Tra gli altri partecipanti al test figurano la società di logistica Schneider National con Freightliner eCascadia, la società di stoccaggio e distribuzione Performance Team con Volvo VNR e altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *