Stefano Domenicali crede ancora che il cambiamento normativo porterà a un campo più vicino alla Formula 1: PlanetF1

Stefano Domenicali, amministratore delegato della Formula 1, è convinto che i cambiamenti normativi collettivi in ​​questo sport alla fine avvicineranno le vetture in termini di prestazioni.

Domenicali ha descritto il limite di budget come un “aspetto critico” di come le squadre alla fine chiudono, data la parità di base finanziaria a cui devono aderire tutte per andare avanti.

Il regolamento del 2022 è nato con l’idea di assemblare vetture e migliorare la concorrenza in Formula 1 mantenendo il merito, evitando di diventare una serie di specifiche nel processo.

Ma Red Bull, Ferrari e, in misura minore, Mercedes si sono tenute alla larga dal resto del campo, mantenendo un vantaggio significativo in termini di prestazioni per le restanti sette squadre del mondo. Campionato dei creatori.

Questa è una tendenza che ha visto cambiamenti normativi di massa attraverso la Formula 1 in passato, con la Mercedes che è stata la squadra che ha beneficiato meglio dell’introduzione dell’era turbo-ibrida nel 2014, un salto a parte dal resto.

Le prestazioni dell’auto stanno lentamente convergendo in modo naturale poiché i team trovano limiti di prestazione all’interno della gamma di regolamenti a loro disposizione, ma il predominio di Red Bull e Ferrari significa che sono attualmente in Formula 1 – con Max Verstappen Il punteggio personale è stato di soli 36 punti inferiore al punteggio complessivo della Mercedes, che è arrivata terza nella classifica costruttori.

Il conteggio di 335 punti di Verstappen è anche solo 47 in meno rispetto al totale di ciascuna delle ultime sette squadre messe insieme.

Il capo della Formula 1 ha chiesto un’analisi del motivo per cui le due migliori squadre hanno il vantaggio che hanno in questo momento e della velocità con cui vengono colmati i divari di prestazioni per rendere di nuovo lo sport più competitivo.

READ  Bagnaia si sbarazza del suo erede parlante con il titolo MotoGP in vista

“È chiaro che un campionato con tali divari tra il primo e il secondo non farà la finale che abbiamo visto l’anno scorso”, ha detto Domenicali ai media italiani, citando Motorsport.com.

“Ma nonostante questo, abbiamo già svenduto il jackpot rimanente in calendario. Penso che dal punto di vista tecnico sia importante capire quanto velocemente si colmano certi gap di performance e questo è uno dei punti su cui si basa il regolamento.

“Dobbiamo anche sapere in che modo le prestazioni dei veicoli sono influenzate dalle normative e in che modo l’affidabilità o la gestione sono degradate [problems]. Serve una buona analisi per capire perché c’è un divario così grande tra i leader e gli altri.

“Perché se guardiamo all’accordo nel suo insieme, vediamo dietro al leader che ci sono battaglie più dure rispetto al passato. Voglio dare una spiegazione positiva.

“Credo che nei prossimi anni i regolamenti porteranno a una riduzione più stretta del divario che attualmente esiste tra il leader e gli altri”.

LEGGI DI PIÙ: Aston Martin: Sebastian Vettel rimane l’ultimo professionista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.