Square Enix: le vendite di Forsboken sono state “scarse” e l’accoglienza “difficile”

Square Enix ha riconosciuto che le vendite del gioco di ruolo Forespoken sono scese al di sotto delle sue aspettative dopo l’uscita del titolo il 23 gennaio su PlayStation 5 e PC all’inizio di quest’anno.

“Le recensioni di Forspoken, che abbiamo rilasciato il 24 gennaio 2023, sono state dure”, ha dichiarato Yosuke Matsuda, presidente e direttore rappresentativo di Square Enix. In briefing i risultati finanziari del mese di febbraio Descrivi in ​​dettaglio le fortune dell’anno scorso.

“Tuttavia, il gioco ha anche ricevuto feedback positivi per le sue caratteristiche di azione, comprese le sue abilità di combattimento e parkour, quindi ha prodotto risultati che miglioreranno le nostre capacità di sviluppo per altri giochi in futuro.”

Nonostante questa nota positiva, Matsuda ha ammesso che le vendite del gioco sono state “scarse” e che c’erano “significativi rischi al ribasso per i nostri guadagni per l’anno fiscale 2023/3”. Il franchise segue un annuncio all’inizio di questo mese secondo cui lo sviluppatore di Forspoken, Luminous Productions, fondato nel 2018, tornerà su Square Enix a partire dal 1° maggio.

“Luminous Productions Co. Ltd. è dotata contemporaneamente non solo di capacità di sviluppo di titoli AAA, ma anche di competenze tecniche in aree come lo sviluppo di motori di gioco”, Square Enix ha detto dopo l’annuncio. “La combinazione delle due entità migliorerà ulteriormente la capacità del gruppo di sviluppare giochi HD”.

Prima della sua riconquista, lo sviluppatore ha annunciato che avrebbe utilizzato il tempo rimanente lavorando su una patch per migliorare le prestazioni complessive del gioco e per sviluppare il DLC In Tanta We Trust, che è “sulla buona strada per il rilascio questa estate”.
Riassumendo la nostra recensione del 6/10, IGN ha affermato che “l’ottimo combattimento e il parkour di Forspoken possono essere divertenti, ma non sono sufficienti per rendere la sua storia cliché e il suo mondo essenziale troppo aperti per essere esplorati”.

READ  Perché Sony afferma di non fidarsi dell'offerta di Call of Duty di Microsoft? Una sola parola: Bethesda - Ars Technica

Anthony è un collaboratore freelance che si occupa di notizie su scienza e videogiochi per IGN. Ha più di otto anni di esperienza nel coprire gli ultimi sviluppi in molteplici campi scientifici e non c’è assolutamente tempo per ingannarti. Seguilo su Twitter @BeardConGamer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *