Si è trasferito a St. John’s dall’Italia e ora sta vivendo il suo sogno di lavorare nei Barbershop delle Nazioni Unite.

In un nuovo negozio di barbiere al Village Mall di St. John’s, Mandip Garcha realizza il suo sogno di diventare un barbiere, un sogno che è iniziato quando è arrivato a Terranova e Labrador sette anni fa.

È totalmente nuovo per il mondo dei barbieri, e questo è stato aperto a maggio. È la seconda sede del negozio di barbiere del 1949, aperto per la prima volta a St. John’s nel 2018. L’azienda si chiama “United Nations of Barbershops” e si rivolge a clienti per lo più di tutte le etnie.

Dalle mucche ai clienti

Quando Garcha si è trasferito per la prima volta a Terranova nel 2014, sognava solo di diventare un barbiere. Invece, ha detto, lui e suo padre hanno lavorato in un caseificio per tre anni.

“Mi prendevo cura delle mucche e delle vacche da latte, tutto il resto”, ha detto.

Garcha è cresciuto in Italia ma i suoi genitori sono indiani. In Italia si preparava a diventare elettricista, ma non era questa la professione che Garcia voleva intraprendere.

“Non ho nemmeno avuto la possibilità di farlo davvero come azienda – beh, non volevo neanche io.”

Mandeep Garsha sul posto di lavoro dal barbiere nel 1949 nel centro commerciale del villaggio. (Paula Gill/CBC)

Garcha è anche un musicista e quello che voleva era indirizzare la sua creatività verso la rasatura.

“È solo un altro modo di essere un artista”, ha detto.

Ad ottobre 2020, Garsha lavorava in un fast food e ha detto che non aveva i fondi per andare al college per diventare barbiere o barbiere.

“La mia fidanzata, sapeva quanto volevo farlo. Così mi ha fatto provare e magari chiedere al mio barbiere se può insegnarmelo.”

Garcha, che era un cliente del Barber Shop del 1949 in Torbay Road, si recò lì in un giorno libero per vedere se potevano aiutare.

Garsha ha detto che i proprietari del negozio gli hanno detto: “Finché ti dedichi, ti aiuteremo”. Andava lì per imparare due giorni alla settimana all’inizio, poiché stava ancora lavorando altrove.

Possibilità nel secondo negozio

A maggio, aveva lasciato il suo lavoro per perseguire un barbiere a tempo pieno nella nuova seconda sede del 1949.

Garsha ha detto che aveva paura di cambiare professione, ma l’attività è rapidamente ripresa.

“Sono davvero grato. Sono grato… I ragazzi sono molto felici, il proprietario, Gustavo [Valoyes]. Sono davvero di supporto”.

“È fantastico per loro darmi una possibilità, perché è così che hanno iniziato anche loro. Sai, sono partiti dal nulla… Si sono sfidati per imparare il mestiere e mi hanno dato tutto quello che sanno e tutto l’aiuto che non hanno .”

Nel nuovo negozio nel Village Mall, le pareti sono dipinte con forme geometriche in bianco e nero e decorate con opere d’arte colorate. C’è un tavolo da biliardo nel mezzo del negozio.

“Questa è la mia postazione di lavoro”, ha detto Garsha, indicando la sua sedia e le file ordinate di rasoi e rasoi.

“Qui nel 1949, siamo conosciuti per la nostra dissolvenza. È un mix di capelli più corti e più lunghi e sfuma senza soluzione di continuità”.

Per quanto riguarda i genitori di Gacha, inizialmente ha detto che erano un po’ delusi.

“Volevano che facessi qualcos’altro… qualcosa che potrebbe farti guadagnare di più.”

Ora, ha detto: “Sono molto felici che io stia andando così bene”.

“Spero di poter continuare a farlo”, ha detto Garcha. “Non so se avrò mai un mio negozio”.

Mattina del fine settimana42:11The Queer Newfoundland Hockey League, nuova propaggine di Barbershop del 1949, Newfoundland Pony e musica online ispirata alla pandemia

Lucas Morneau ci presenta la sua immaginaria Queer Newfoundland Hockey League, incontreremo alcuni Newfoundland Pony, Mandip Garcha che segue il suo sogno di diventare un barbiere e Callum, incontreremo alcuni Newfoundland Pony e diamo un’occhiata a un musical ispirato alla pandemia in linea. 42:11

Leggi di più da CBC Terranova e Labrador

READ  Coe Italia avverte di essere "dalla parte sbagliata della storia" dopo il doping di Schwazer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *