Scansione 3D che mostra una scultura in pietra di 30.000 anni scavata in Austria, probabilmente dall’Italia | notizie intelligenti

Gli studiosi affermano che la roccia utilizzata per scolpire la statua della Venere di Willendorf provenisse probabilmente dall’Italia.
Bjorn Christian Thoresen / Wikimedia Commons

Alex Greenberger ha riferito che una statua di 30.000 anni di una donna in piena forma scoperta in Austria potrebbe aver avuto origine a circa 600 miglia di distanza in Italia. ARTnotizie all’inizio di questo mese. Gli scienziati hanno fatto questa scoperta dopo aver studiato un’indagine tridimensionale delle rocce scolpite per determinarne l’origine.

conosciuto come Venere da Willendorfuna statuetta alta 4,3 pollici, considerata uno dei primi esempi conosciuti di scultura figurativa, è stata trovata nel 1908 sulle rive del fiume Danubio in Austria, secondo Mindy Weisberger. Scienza dal vivo. Gli archeologi affermano che un antico scultore scolpì la statua color ocra dalla pietra calcarea primaria durante l’epoca era glaciale.

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Rapporti scientificiLa pietra utilizzata per la scultura – scolpita come “una donna adulta, senza volto con genitali esagerati, rosa pronunciata, addome prominente, seni pesanti e un copricapo o un’acconciatura sofisticati” – corrisponde strettamente ai materiali trovati vicino al sito, affermano i ricercatori. Lago di Garda Nelle Alpi meridionali d’Italia.

I campioni sono “praticamente indistinguibili”, hanno scritto gli scienziati nello studio, indicando “un’altissima probabilità che le materie prime provenissero dal sud delle Alpi”.

strada

La distanza a piedi tra il luogo in cui è stata scoperta la statua in Austria e il luogo in cui la roccia potrebbe aver avuto origine in Italia è di circa 600 miglia.

Gerhard Weber / Università di Vienna

Gli scienziati lo ipotizzano Gravettiani-Quello Paleolitico superiore La cultura dei cacciatori-raccoglitori che abitava l’Europa decine di migliaia di anni fa – portarono con sé la statua quando emigrarono a nord verso il Danubio, a circa 600 miglia dal luogo in cui si crede abbia avuto origine, secondo Ross Pomeroy di Scienza RealClear.

Secondo l’autore principale Gerhard W. Weberè probabile che gli antichi si siano spostati attraverso l’Europa nel corso delle generazioni in risposta alle mutevoli condizioni climatiche circa 30.000 anni fa.

Il capo del Dipartimento di Antropologia Evolutiva dell’Università di Vienna a Vienna afferma: affermazione. “Quando il clima o la situazione delle prede cambiavano, si spostavano, preferibilmente lungo i fiumi”.

Lavorare con la preistoria Walpurga Antl-Weiser e il Museo di Storia Naturale A Vienna, proprietaria di Venus Willendorf, i ricercatori dell’Università di Vienna hanno utilizzato una tecnica nota come microcomputing TAC– Un tipo di TC a raggi X- per esaminare la fetta interna della pietra per fetta, riferisce ARTnotizie. Per confronto, gli scienziati hanno ottenuto campioni di roccia da Francia, Ucraina, Crimea, Germania e Sicilia.

“Abbiamo trovato una corrispondenza sorprendentemente stretta per la distribuzione della granulometria vicino al Lago di Garda, nelle Alpi meridionali”, hanno affermato gli autori dello studio.

Utilizzando la fotografia ad altissima risoluzione, il team ha anche scoperto frammenti fossili bivalvi nella statua dello stesso tipo trovata nel calcare oolitico del nord Italia, secondo Scienza dal vivo. La razza estinta è ora conosciuta come Oxytomidae Esistevano da 251 milioni a 66 milioni di anni fa.

limonite

La tomografia computerizzata ha mostrato bivalvi e limoniti.

Gerhard Weber / Università di Vienna

per ogni ARTnotizie, Venere di Willendorf ha un ombelico abbastanza grande. I ricercatori ritengono che questo possa essere il risultato della presenza di una particella di limonite nella pietra in quel sito. Lo scultore potrebbe aver rimosso il grano, lasciando molto spazio alla grande marina.

“A seconda delle sue dimensioni, la cavità nell’ombelico potrebbe essere effettivamente causata dal cemento di limonite che è stato tagliato e trasformato in una caratteristica”, afferma lo studio.

Sebbene sia difficile dire quando il calcare sia stato estratto o scolpito, o anche quando sia stato trasportato dalle Alpi al Danubio, i ricercatori affermano che la Venere di Willendorf illustra chiaramente come i graffiti si muovevano in giro per l’Europa migliaia di anni fa.

“Questo fa luce sul notevole movimento dei primi esseri umani moderni a sud e a nord delle Alpi”, hanno affermato i ricercatori nella dichiarazione.

READ  Uno sguardo all'interno dei treni Orient Express che tornano in Italia nel 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.