Home / Politica / Scacco all’ex RE ? (sfiduciato Michele Iorio)

Scacco all’ex RE ? (sfiduciato Michele Iorio)

di Massimo Dalla Torre

Non so voi, ma noi, quando ci accorgiamo di aver già visto un film, o spegniamo il televisore, o cambiamo canale perché conosciamo la fine fin troppo scontata o addirittura ci abbandoniamo tra le braccia di Morfeo con la speranza di non avere incubi notturni. Questo è quello che accade assistendo agli avvenimenti che caratterizza palazzo d’Aimmo nel corso dell’ ultima seduta che, ha visto sfiduciare il Consigliere Michele Iorio, che, ha fatto bene a prendere le distanze da dei carro di Tespi che da mesi mette in scena farse e pantomime di dubbio gusto. Un qualcosa i cui la trama non rispecchia assolutamente il copione originale. Uno qualcosa di tediante che, nonostante i fuori programma, offre uno spettacolo scadente, senza contenuto; anzi uno c’è: quello che lo spettro delle “disarmonie” aleggia con insistenza. Uno spettacolo dove le comparse assumono sempre più il ruolo di protagonisti e viceversa. Uno spettacolo che ci riporta alla mente i girovaghi e i saltimbanchi che allietavano le serate dei signori nel medioevo. Nel ascoltare i commenti sugli avvenimenti che troneggiano sulle prime pagine dei giornali locali, tutti o quasi tutti, protesi e difendere certe posizioni, il che, è disdicevole per chi invece dovrebbe dare una ratio alle cose, ci è venuto alla mente il titolo che avremo voluto utilizzare: “Scacco…all’ex re”. Titolo che volutamente abbiamo modificato come potete leggere sotto forma di domanda. L’ex re è veramente in scacco? Gli esperti di politica, che in questi casi non mancano mai, giacché spuntano come funghi, alla stregua di quelli che s’improvvisano allenatori di calcio, e in Italia gli allenatori sono circa quarantamilioni, a questo punto ci tedierebbero con delle lunghe elucubrazioni per esporre la strategia da adottare; sempre che ne esista una. Una strategia che, la dice lunga su come ancora una volta siamo stati presi per “il naso” da chi, pur di distogliere la collettività dai problemi che ci assillano ha messo su una sceneggiata. Una rappresentazione che sminuisce i problemi nodali che, se letti nel verso giusto, potrebbero causare la “caduta nel baratro di molti dei”. Ecco la spiegazione e il perché dello stravolgimento del titolo. Vedete, “le baruffe chiozzotte”, perché di questo si tratta, caratterizzate tra l’altro, dalle “ciarle”, potevano andare bene nella Venezia del settecento non qui nella ventesima regione d’Italia, in quanto, da noi, non raffinati frequentatori di salotti e di caffè culturali è il linguaggio del popolo a far da padrone che, nella saggezza popolare, avrebbe commentato gli avvenimenti in questo modo – traduciamo dal vernacolo – “ci vogliono le fave che durano non i confetti che si sciolgono”. Perché “i confetti” se non consumati nei tempi giusti, rischiano di divenire stantii, immangiabili e pieni di ospiti indesiderati; e nel palazzo della politica molisana gli ospiti indesiderati abbondano a dismisura, specialmente quelli che un tempo pietivano un pezzo di pane e che oggi da ingrati voltano la faccia dall’altro lato o si nascondono per timore di essere sbugiardati da chi li ha beneficati politicamente e non solo.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Iorio: 4 corsie, bocciata la proposta. La Giunta regionale dimentica il progetto dell’autostrada

Dopo la farsa del Trasporto Pubblico Locale che il Consiglio regionale è riuscito a bloccare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *