Home / Sanità / Sanità, i soldi delle tasse maggiorate ancora non trasferiti all’Asrem

Sanità, i soldi delle tasse maggiorate ancora non trasferiti all’Asrem

Duro è stato l’atto di accusa degli imprenditori che a nome dell’Asrem consentono ai pazienti di potere beneficiare di protesi, audioprotesi, prodotti per celiaci ed altro che da otto mesi non ricevono soldi dall’azienda sanitaria e si trovano in difficoltà perché hanno anticipato le somme per pagare i fornitori. Ma come è possibile che non riescono ad avere i soldi dovuti e previsti per legge? L’Asrem dice di non avere ricevuto dalla regione i fondi per potere pagare anche questi imprenditori. E la denuncia di questi ultimi cade proprio nel bel mezzo della verifica in atto sui fondi che la Regione Molise ha incassato dalle tasse dei cittadini per la fiscalità aggiuntiva dovuta al deficit sanitario ma non ancora versate dalla Regione all’Asrem per un ammontare di 27 Mln e 645 mila euro per gli anni dal 2015 al 2018 senza contare il 2019 appena chiuso. Quali Le fiscalità regionali pagate dai molisani per addizionali Irap e Irpef , un vero salasso, non versate alla sanità. Vediamo il quadro
2015= 4 Mln e264 mila euro;
2016= 6 Mln e 393 mila euro;
2017= 6 Mln e 352 mila euro;
2018= 10 Mln e 635 mila euro.
Totale 27 Mln e .645 mila euro di tasse versate dai molisani per far funzionare il sistema sanitario regionale. Soldi dei cittadini che ad oggi ancora non risultano versate dal bilancio regionale alla sanità e che sono oggetto di monitoraggio della Corte dei conti. Intanto la responsabile del tavolo tecnico nazionale Angela Adduce ha trovato altri 8 mln di euro di tasse pagate dai molisani e anche in questo caso non versate dalla Regione. Per un totale, dunque, di 35 mln di euro più le tasse riscosse per il 2019. Un quadro che attende una definizione anche perché diversamente i cittadini sono subissati dalle tasse ma con sempre servizi in meno

Di admin

Potrebbe Interessarti

Coronavirus, test negativo per il sessantacinquenne termolese

Test per il Coronavirus negativo per il sessantacinquenne arrivato nel pomeriggio di domenica 23 febbraio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *