Rajwinder Singh del Punjab, che ha ricevuto una taglia di Rs 5.3 crore sulla sua testa per aver ucciso una donna australiana, arrestato a Delhi: The Tribune India


Servizio di notizie del tribuno

Colwinder Sando

Muga, 25 novembre

Venerdì la polizia australiana ha dichiarato su Twitter che il sospetto punjabi accusato di aver ucciso la 24enne Toya Cordingley su una spiaggia del Queensland nel 2018 è stato arrestato.

La polizia del Queensland ha detto che Rajwinder Singh è stato arrestato a Delhi e potrebbe presto affrontare un’udienza in tribunale per l’estradizione. È comparso in un tribunale di Delhi venerdì, che lo ha mandato in custodia giudiziaria per cinque giorni. Singh è stato mandato in prigione fino al 30 novembre dopo essere comparso in tribunale.

Il 3 novembre la polizia australiana ha annunciato una ricompensa record di $ 1 milione (Rs. 5,31 crore) per informazioni che portassero al sospetto, Rajwinder Singh (38), che lavorava come infermiere a Innisfail. Secondo quanto riferito, è fuggito in India dopo aver presumibilmente ucciso Toyah Cordingly.

La polizia ha rilasciato le sue foto mentre si stava imbarcando su un volo per l’India il 23 ottobre 2018, lasciando sua moglie e tre figli. Suo fratello aveva precedentemente ammesso che Rajwinder era atterrato all’aeroporto di Amritsar ed era in difficoltà mentali a causa di problemi legati al lavoro. Da allora si sa poco di lui.

Si è trasferito nel Queensland con la sua famiglia più di vent’anni fa. Forse ha usato un indirizzo falso per ottenere un passaporto e un visto.

Rajwinder lavora da diversi anni come infermiera geriatrica. Era sposato e aveva tre figli, che vivevano tutti nella città di Innisfail. Anche suo padre Amar Singh e il genero Harpreet Singh vivono lì. Tutta la famiglia si è trasferita in Australia.

READ  L'esercito ucraino ha annunciato la sconfitta del reggimento di carri armati russi a nord-est di Kiev

I membri della famiglia di Rajwinder Singh, che vivono a Innisfil, hanno riferito che ha lasciato la città il 21 ottobre 2018 (data dell’omicidio di Toyah).

All’inizio di quel giorno aveva visitato Cairns, prima di tornare freneticamente e acquistare un biglietto aereo. È volato a Sydney quella sera (21 ottobre 2018) e ha trascorso lì le ore successive con sua sorella, prima di prendere un volo per Amritsar.

Ha lasciato la moglie, i figli (uno dei quali era un neonato all’epoca) e altri membri della sua famiglia mentre fuggiva dall’Australia. Secondo quanto riferito, non li ha contattati negli ultimi quattro anni. Inoltre, non ha utilizzato nessuna delle sue carte di debito o di credito.

Rajwinder Singh non era l’unica persona nominata sospetta. La polizia del Queensland aveva precedentemente affermato che c’erano “diverse persone preoccupanti” che erano state indagate attivamente e nessuno era stato represso.

Poiché Rajwinder si trovava vicino al luogo dell’omicidio, la polizia aveva prove circostanziali e documentali sufficienti per accusarlo di essere il principale sospettato, costringendo il governo australiano a chiedere aiuto alle autorità indiane per cercarlo, oltre ad annunciare un enorme A $ 1.000.000 (Rs . 5,31 crore) ricompensa.) a chiunque abbia assistito al suo arresto.

Pochi mesi fa, il governo indiano aveva acconsentito all’estradizione formale di Rajwinder Singh.

La polizia locale e l’intelligence di Mugha avevano precedentemente condotto un controllo porta a porta dei residenti nel villaggio di Putar Kalan, ma gli antenati di Rajwinder non erano stati localizzati in questo villaggio. L’SSP di Moga, Gulneet Singh Khurana, ha detto che in realtà appartiene al villaggio di Putar Kalan nel distretto di Amritsar.

READ  Taiwan arrabbiata dopo che la Cina ha inviato 38 aerei da combattimento verso l'isola

Il commissario di polizia del Queensland, Katharina Carroll, ha affermato che il giorno “sta arrivando da molto tempo”, mentre il procuratore generale federale ha affermato che l’estradizione di Singh è una “priorità assoluta” per il governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *