Punti salienti dei Tony Awards: i grandi vincitori, i perdenti, i momenti decisivi

Punti salienti dei Tony Awards: i grandi vincitori, i perdenti, i momenti decisivi

New York –

Nessun testo? Nessun problema!

C’era molta incertezza nel periodo precedente ai Tony Awards di quest’anno, che a un certo punto sembrava improbabile che accadessero a causa dello sciopero degli scrittori di Hollywood in corso.

Ma la cerimonia si è svolta senza intoppi domenica sera. L’evento è stato senza copione, per onorare un compromesso con gli straordinari sceneggiatori, ma è pieno di vivaci spettacoli di Broadway che hanno attirato rauchi applausi da un pubblico chiaramente entusiasta di essere lì.

È stata una notte di trionfo per il musical Kimberly Akimbo, piccolo ma dal cuore enorme, su un’adolescente che soffre della rara malattia dell’invecchiamento, ma anche degno di essere incluso: due artisti non binari hanno fatto la storia vincendo le rispettive categorie di recitazione .

La cerimonia ha anche toccato lo spettro dell’antisemitismo in luoghi molto diversi: l’Europa della seconda guerra mondiale, con Leopoldstadt, vincitore della migliore opera teatrale, e l’America dell’inizio del XX secolo, con Parade, che ha vinto il miglior revival musicale.

Alla fine, la mancanza di battute sul copione non ha smorzato il procedimento, e non c’è da stupirsi: la gente di Broadway è addestrata a improvvisare. Ovviamente c’era più spazio per cantare e ballare – anche dagli attuali spettacoli fuori concorso – e nessuno se ne lamentava.

Oh, e lo spettacolo è finito appena in tempo.

Gli Oscar, stai ascoltando?

Alcuni momenti importanti della serata:

Larghi promontori dei quartieri alti

Lo sciopero degli scrittori non è stato la causa di una serata diversa. Anche il posto era nuovo. Era a Broadway, sì, ma a miglia di distanza dal Theater District. La cerimonia si è tenuta, per la prima volta, nei quartieri alti di Washington Heights, presso l’ornato e dorato United Mansion, un ex cinema sontuosamente decorato, pieno di lampadari, tappeti e maestose colonne. “Grazie per essere venuto in città, mai nei miei sogni più sfrenati”, ha scherzato Lin-Manuel Miranda, che ha contribuito a portare l’azione nel punto del quartiere in cui è stato ambientato il suo film “In the Heights”. L’after party si è svolto in tende all’esterno dell’edificio piuttosto che nelle solite cerimonie nelle lussuose sale da pranzo del Plaza Hotel vicino a Central Park.

READ  Jinder Mahal lascia che Drew McIntyre mentisca e gli rubi la spada

Pagina bianca ma una notte intera

La vincitrice dell’Oscar e star di Broadway Ariana DeBose, che ospita per il secondo anno consecutivo, si è subito rivolta all’elefante nella stanza. Ha parlato al pubblico prima che iniziassero i teleprompter, ha spiegato che nulla sarebbe stato sceneggiato e ha detto ai vincitori che le uniche parole che avrebbero visto sui teleprompter sarebbero state “Wind Up Please”. Quando inizia la trasmissione principale, appare davanti alla telecamera mentre legge una sceneggiatura a Tony, ma le pagine sono vuote. Quindi, invece delle parole, DeBose e altri hanno pronunciato i loro passi di danza, eseguendo un numero di ottoni lungo il grande foyer, le scale e i corridoi del palco, con salti che sfidano la gravità. Quindi, DeBose ha avvertito chiunque potesse pensare che l’anno scorso non fosse “entusiasta” di “Allacciate le cinture di sicurezza!” DeBose, che ha recitato nel cast originale di “Hamilton” e ha vinto un Academy Award per “West Side Story”, ha anche spiegato con passione perché i Tony sono così importanti per la sopravvivenza economica di Broadway, così come per il tour della produzione in tutto il paese.

Un tempestivo richiamo all’antisemitismo in Europa

Un primo premio ha portato un promemoria che fa riflettere sugli orrori dell’antisemitismo. Brandon Uranowitz di “Leopoldstadt”, la travolgente commedia di Tom Stoppard su una famiglia ebrea a Vienna, ha ringraziato il famoso drammaturgo per “aver scritto un’opera sull’identità ebraica, l’antisemitismo e la falsa promessa di assimilazione”, e ha notato i suoi predecessori, “E molti di loro l’hanno fatto. Non uscire dalla Polonia, grazie.” anche per te “. Uranowitz, che ha vinto come attore protagonista in una commedia, ha aggiunto la nota divertente che ciò che desiderava di più nella vita era ripagare i suoi genitori per i sacrifici che avevano fatto per lui – solo che non poteva, perché lavora in teatro.

E in America

“Leopoldstadt” ha continuato a vincere la migliore opera teatrale, mentre il miglior revival musicale è andato a un’altra opera incendiaria sull’antisemitismo: “Parade” con Ben Platt nei panni di Leo Frank, un ebreo linciato nel 1915 in Georgia. Nel suo discorso di accettazione per il miglior regista, Michael Arden ha sollevato i temi cupi della commedia, affermando: “Dobbiamo combatterlo. È molto importante, o siamo condannati a ripetere gli orrori della nostra storia”. Ma ha aggiunto la sua storia di come, crescendo, è stato spesso chiamato la “parola F”, riferendosi agli insulti omofobici. Ha poi ricevuto alcuni degli applausi più rumorosi della notte quando ha ripreso la vittoria dell’insulto sottolineando che ora aveva un Tony.

READ  L'amica di Amber Heard critica apertamente le donne che parlano per Johnny Depp

Alex Newell accetta il premio per la migliore interpretazione di un attore in un ruolo da protagonista in un musical per “Shucked” alla 76a edizione dei Tony Awards l’11 giugno 2023. (Charles Sykes/Invision/AP)

“Non dovrei essere qui.”

È stato un momento emozionante quando Alex Newell di “Shucked” è diventato il primo attore non binario a vincere un Tony, portando a casa il premio come miglior attore protagonista in un musical. Newell, noto anche come “The Glee Project”, ha ringraziato la famiglia per il loro amore e sostegno e poi si è rivolto al mondo esterno: “Grazie per avermi visto, Broadway. Non dovrei essere qui come gay, non binario, grasso, nero, ragazzino del Massachusetts.” .E per chiunque pensi di non poterlo fare, ti guarderò dritto in faccia e ti dirò che puoi fare tutto ciò che ti viene in mente.” Come il Oscar, i Tony hanno solo categorie di genere per gli artisti.

“Questo è per te”

J. Harrison Ghee è stato il secondo attore non binario della serata a fare la storia, vincendo il premio come miglior attore in un musical per il suo ruolo in “A qualcuno piace caldo”, basato sul classico del 1959, nei panni di un musicista maschio che fugge dalla folla travestito da donna in una spedizione sessuale. (Il ruolo del film includeva travestimenti, ma nessuna scoperta.) Ghee ha detto che sono stati educati a usare i loro talenti non per se stessi, ma per aiutare gli altri. “Per ogni essere umano trans, non conforme al genere e non binario a cui è stato detto che non puoi essere visto, questo è per te”, ha detto Gee, attingendo a Tony per enfatizzare.

READ  Joey e Cariselle stanno ancora insieme? "The Perfect Match" stagione 1, 2023 ora

Lea Michele, membro del cast di “Funny Girl” si esibisce alla 76a edizione dei Tony Awards l’11 giugno 2023 (Charles Sykes/Invision/AP)

Lea Michele ottiene il suo momento toni

Non confondere le metafore dello spettacolo o altro, ma Lea Michele non aveva intenzione di far saltare il suo colpo. La star di “Funny Girl” non era idonea per un Tony in questo show perché non ha accettato il ruolo. Ma Michelle, che ha cambiato le sorti della produzione del 2022, è vista da molti come l’ultima Fanny Brice, e la sua interpretazione stellare di “Don’t Rain on My Parade” – infatti la seconda volta che l’ha eseguita al Tonys, il primo nel 2010 — certamente non ha deluso.

tempo di festa

La maggior parte dei partecipanti di Tony aveva trascorso cinque ore buone nello United Palace e la stanza era piuttosto calda. Quindi le persone erano felici di uscire all’after party. Gli ospiti hanno banchettato con ceviche, mango su bastoncini, mini sandwich cubani e sorseggiati cocktail appositamente progettati. Ghee era l’ovvia star della festa, che sovrastava la maggior parte degli ospiti – letteralmente e figurativamente – mentre tenevano Tony in braccio e baciavano i loro auguri o accettavano di fare selfie. J ha anche parlato con lo stesso vincitore dello scorso anno, Miles Frost, che ha interpretato Michael Jackson in “MG”. Alla domanda sul punto chiave della serata, Ghee ha risposto: “Il nostro settore sta andando avanti! Stiamo cancellando etichette e confini”. L’attore indossava un completo blu personalizzato del designer del Bronx Jerome Lamarr, completo di una collana di gioielli scintillanti. “Quando lo fai su misura, puoi davvero fare qualcosa”, hanno scherzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *