Perché Rishi Sunak ama l’italiana Giorgia Meloni – Politico

Perché Rishi Sunak ama l’italiana Giorgia Meloni – Politico

Premi play per ascoltare questo articolo

Doppiato dall’intelligenza artificiale.

ROMA – Quando Rishi Sunak ha invitato i leader nazionali a partecipare al Summit AI di Bletchley Park il mese scorso, solo uno di loro si è presentato: Giorgia Meloni.

Sunak ricambierà il favore questo fine settimana, partecipando a un festival politico organizzato dal primo ministro italiano di estrema destra, che è diventato sempre più amico politico del primo ministro conservatore britannico.

Il portavoce di Sunak ha detto ai giornalisti questa settimana che la coppia – che viene regolarmente fotografata mentre ride e scherza insieme durante le riunioni – sta “chiaramente voltando pagina”. Ha attribuito la loro stretta relazione al fatto che sono stati eletti “nello stesso tempo”.

Ma i rapporti tra i due primi ministri sono molto più profondi, con ispirazione intellettuale condivisa, obiettivi politici comuni e ragioni politiche e diplomatiche concrete che li spingono a rimanere vicini.

Entrambi i leader hanno bisogno dell’altro, anche se per ragioni diverse.

“Sunak ha bisogno di un alleato politico chiave tra i più grandi stati membri dell’Europa”, ha detto un diplomatico dell’UE – come altri in questo articolo, a cui è stato concesso l’anonimato per parlare francamente. “Ci ha provato con la Francia, ma l’intimità con Macron non ha funzionato davvero”.

Con il vertice franco-britannico e la successiva visita di Stato di Re Carlo, la Francia può ancora essere una spina nel fianco del Regno Unito su questioni come le tariffe sulle auto elettriche.

Né il primo ministro britannico è riuscito a ottenere un vero successo con Olaf Scholz, il centrosinistra tedesco, che proviene da una tradizione politica molto diversa da Sunak. Anche lo stretto rapporto con lo spagnolo Pedro Sanchez è diventato difficile a causa della disputa in corso su Gibilterra.

READ  Alleanza franco-italiana Eurosam per lo sviluppo del sistema di difesa aerea SAMP / T

Ma il leader italiano è stato più che felice di rispondere alle aperture diplomatiche di Sunak, fornendogli un alleato cruciale nel Consiglio Europeo. Ha le sue ragioni per farlo.

“La Meloni deve dimostrare di essere accettata dalle grandi potenze del mondo”, ha detto lo stesso diplomatico sopra citato. La benedizione di Sunak ha l’effetto di legittimare un leader che altrimenti si sarebbe trovato ostracizzato a causa delle sue origini politiche, che si trovano al di fuori del mainstream europeo.

Meloni è entrato in politica attraverso i movimenti giovanili neofascisti, e si dice che abbia elogiato il dittatore Benito Mussolini come un “buon politico”, sostenendo che “tutto ciò che ha fatto, lo ha fatto per l’Italia”. Da allora ha accettato che avesse commesso degli “errori”, inclusa l’applicazione delle leggi razziali.

“Entrambi hanno lo stesso obiettivo.”

Come leader di Fratelli d’Italia, il partito da lei fondato nel 2012, Meloni ha fissato una forte agenda nazionalista, concentrandosi incessantemente sull’immigrazione e avvertendo che l’Italia potrebbe diventare “il campo profughi d’Europa”. E nell’immigrazione trovi i punti in comune con Sunak.

Melonie è stata molto felice di rispondere alle aperture diplomatiche di Sunak Foto della piscina di Ludovic Marin via AFP/Getty Images

A ottobre, la Meloni ha attaccato i giudici italiani per aver impedito al suo governo di deportare persone verso paesi non sicuri, rispecchiando le battaglie in corso di Sunak con la magistratura britannica sul piano del Ruanda. Il mese scorso ha firmato un accordo per inviare i migranti che arrivano in Italia in Albania per essere processati, un approccio che presenta alcune somiglianze con il programma del Ruanda del Regno Unito.

Nicola Procaccini, esponente politico del partito Fratellanza d’Italia della Meloni, ha dichiarato: “Avere un confine marittimo mette l’Italia e il Regno Unito nella stessa posizione di dover spostare i controlli sull’immigrazione alle frontiere esterne, perché una volta effettuati i controlli interni sono impossibili gestire.” . Uno dei suoi più vecchi amici ha detto a Politico. “Entrambi hanno lo stesso obiettivo: spostare la gestione dell’immigrazione oltre i nostri confini”.

READ  Destinazioni (sconosciute) da scoprire in Italia

In ogni caso, Sunak è probabilmente andato oltre Meloni: dopo aver perso la sua battaglia in tribunale, ha annunciato che avrebbe legiferato per ordinare ai tribunali di ritenere il Ruanda sicuro, qualunque fossero le prove. Il programma di deportazione del Regno Unito mira anche a reinsediare le persone in Ruanda in modo permanente, piuttosto che limitarsi ad affrontare i loro casi.

Le somiglianze tra le agende dei due leader non sono necessariamente una sorpresa. Meloni è presidente del Partito dei Conservatori e Riformisti Europei (ECR), fondato dai conservatori come alternativa più di destra al Partito popolare europeo. “La Meloni è stata corteggiata dagli eurodeputati conservatori”, ricorda un assistente di lunga data del Parlamento europeo.

Durante la campagna elettorale del 2022, la Meloni ha citato la sua leadership del Consiglio europeo nel tentativo di fugare le preoccupazioni che la considerasse troppo estremista, e ha sottolineato in maniera acuta il fatto che “condivide valori ed esperienze con i conservatori britannici”. Lei e Sunak condividono anche un’ammirazione per il defunto filosofo conservatore britannico Roger Scruton, che Meloni cita spesso come uno dei “grandi maestri del conservatorismo europeo”.

Sostenere il cavallo sbagliato?

C’è senza dubbio un elemento personale nella partnership che va oltre la pura politica: i due sono entrati in carica a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro, hanno la stessa età e hanno figlie piccole, ha detto un funzionario britannico. Ha detto che li ha aiutati a legare. Sono anche “primati”: Meloni è la prima donna Primo Ministro italiana, e Sunak è il primo leader britannico-asiatico del Regno Unito.

Tuttavia, i sondaggi suggeriscono che Sunak e il suo governo usciranno l’anno prossimo. Potrebbe Melonie puntare sul cavallo sbagliato?

READ  Esplorare la Terra dallo spazio: Roma, Italia

Il leader laburista Keir Starmer, successore di centrosinistra di Sunak se i sondaggi fossero corretti, sarebbe certamente una strana scelta al festival politico di Meloni, i cui ex alunni includono l’ex consigliere di Donald Trump Steve Bannon e l’ungherese Viktor Orban.

Tuttavia, è probabile che il rapporto tra Italia e Regno Unito rimanga strategicamente importante, chiunque sia al potere in entrambe le capitali.

I diplomatici indicano la nomina da parte di Londra di Ed Llewellyn – un ex capo dello staff di Downing Street considerato un peso massimo negli ambienti degli ambasciatori – come ambasciatore del Regno Unito a Roma come un segno che il Paese prende sul serio l’Italia. Meloni e Llewellyn hanno un rapporto forte, scambiandosi messaggi di testo diretti in un modo che non è sempre la norma per diplomatici e primi ministri.

Strategicamente, l’Italia rimarrà anche un paese di transito per i migranti illegali che arrivano in Europa, anche se un futuro governo britannico rompesse con l’approccio duro di Sunak sull’immigrazione.

Naturalmente, l’isolamento del Regno Unito dagli altri Stati membri dell’UE è stato un problema in gran parte causato dal Partito conservatore dal 2016. Il successore di Sunak, se ha altre convinzioni politiche, potrebbe avere più amici tra cui scegliere.

John Stone ha riferito da Bruxelles. Hannah Roberts ha riferito da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *