L’italiana Meloni adora un’idea francese: la sua presidenza – Politico

L’italiana Meloni adora un’idea francese: la sua presidenza – Politico

I leader italiani hanno a lungo sognato di trasformare il debole primo ministro del paese in un decisore alla francese. Per decenni tutti hanno fallito, ma l’attuale primo ministro di destra Giorgia Meloni pensa di poter infrangere la legge.

Questa settimana, la Meloni ha esposto i suoi piani per dare più poteri al capo del governo, trasformando potenzialmente il leader tradizionalmente debole in un mediatore di potere eletto direttamente dagli elettori.

In Colloqui in giro Con i leader dell’opposizione martedì, Meloni ha lanciato l’idea di introdurre un sistema presidenziale alla francese.

Ma ha affrontato Forte resistenza Dall’opposizione di centrosinistra, che teme che le sue riforme concentrino troppo potere nelle mani di un singolo individuo. Questo è qualcosa che i padri fondatori dell’Italia moderna volevano evitare quando crearono il sistema politico dopo che il paese fu guidato dal dittatore fascista sconfitto Benito Mussolini durante la seconda guerra mondiale.

“Nessun uomo o donna forte al potere”, Egli ha detto Ellie Schlain, leader del principale partito di opposizione in Italia, dopo il suo incontro con la Meloni.

La Meloni, tuttavia, è determinata a portare avanti la riforma costituzionale attraverso di lei Lui dice Darebbe al Paese – che ha visto 68 governi diversi negli ultimi 77 anni – più stabilità, più responsabilità democratica e voce in capitolo per gli italiani.

“L’instabilità ha danneggiato la nostra nazione, a differenza di paesi come Francia e Germania”, ha detto. Raccontare Giornalisti al termine delle discussioni. “L’instabilità ha portato alla nostra vulnerabilità economica e al risentimento dei cittadini nei confronti dei governi che sono stati fatti attraverso accordi dietro le quinte senza che i cittadini avessero voce in capitolo”.

READ  Il Giappone sconfigge l'Italia e torna alle semifinali del World Baseball Classic - Sportsnet.ca

I primi ministri italiani sono nominati dal presidente dopo le elezioni nazionali e possono essere revocati dal parlamento in qualsiasi momento, secondo la costituzione del paese.

Secondo la Meloni è ora di farla finita. Il suo punto di vista rispecchia quello dei leader precedenti, in particolare l’ex primo ministro Silvio Berlusconi che ha sentito la vulnerabilità dell’offesa nella posizione.

L’opzione preferita dalla Meloni è quella di adottare un cosiddetto sistema semipresidenziale che trasformerebbe il presidente della repubblica da figura politicamente neutrale e cerimoniale a capo dell’esecutivo eletto direttamente dai cittadini ogni cinque anni.

I leader dei partiti di opposizione affermano che ciò minerebbe la credibilità del Paese perché il presidente è stato tradizionalmente una figura di unità nazionale.

“Non toccare il presidente della repubblica” Egli ha detto Schlein. La situazione, ha aggiunto, “ha garantito stabilità nei momenti più difficili ed è garanzia di credibilità internazionale dell’Italia”.

Abbiamo battaglie davanti

Un esperto legale ha affermato che il desiderio della Meloni di modificare la costituzione italiana e implementare un sistema presidenziale esecutivo deriva dalla sua eredità politica.

Eli Schlein, leader del principale partito di opposizione in Italia: “Nessun uomo o donna forte al potere” | Vincenzo Pinto/AFP via Getty Images

“Melloni ha una radicata tradizione di presidenza”, ha affermato Folco Lanchester, professore emerito di diritto costituzionale e comparato italiano all’Università La Sapienza di Roma. “Dal 1958 MSI – il predecessore dei Fratelli Meloni d’Italia [party] – Il sistema semipresidenziale francese è stato visto positivamente, mentre tutti gli altri partiti si sono opposti.

sostituire apparso Tra le consultazioni di martedì c’è la cosiddetta premiership, un sistema che concede maggiori poteri al presidente del Consiglio come figura eletta direttamente, senza modificare la costituzione italiana.

READ  I giocatori dell'Italia pensano che Jorginho sia il contendente per il Pallone d'Oro dopo una grande stagione

Ma un analista politico si è fatto beffe. “La premiership è un’idea molto stupida”, ha detto Gianfranco Pasquino, professore di scienze politiche all’Università di Bologna. “Non si trova in nessuna parte del mondo, è stato provato [with] Tre volte in Israele e non ha funzionato.

Se davvero la Meloni volesse cambiare il sistema costituzionale, potrebbe essere il primo leader italiano in grado di farcela, e potrebbe provare a farlo fino a senza supporto Dall’opposizione, soprattutto da quando vi hanno aderito i suoi partner di Forza Italia e la Lega.

“La Meloni ha la maggioranza per fare quello che vuole, ma ho l’impressione che non sappia esattamente cosa vuole”, ha detto Pasquino.

Quel che è certo, però, è che la Meloni sta ponendo le basi per un processo che dominerà la politica italiana per i prossimi mesi.

Gregorio Sorgi ha contribuito alla cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *