L’Italia guida la Polonia nell’oro della pallavolo maschile

L’Italia guida la Polonia nell’oro della pallavolo maschile

Italia e Polonia attendevano la finale di pallavolo maschile lunedì sera allo Xipu Campus Gymnasium sin dal primo giorno dei FISU Chengdu World University Games.

In effetti, i rivali europei hanno gli occhi puntati su una rivincita da quando gli italiani hanno vinto il loro ultimo titolo FISU in casa grazie a una vittoria in cinque set sui polacchi a Napoli 2019.

“Sto cercando rivincita, non vedo l’ora della partita di lunedì”, ha dichiarato Lukasz Kosub dopo la vittoria in semifinale della Polonia contro l’Iran domenica.

Sfortunatamente per il capitano polacco, la storia si è ripetuta nella finale del 2023 quando l’Italia è uscita vittoriosa 25-23, 25-18, 28-26.

Francesco Resine del Team Italy festeggia durante la competizione.“Un altro oro, è pazzesco, incredibile! Volevamo questa medaglia e l’abbiamo ottenuta”, ha detto il capitano italiano Francesco Rissin.

“Ci siamo preparati per la partita guardando i video dei nostri avversari. Certo, dormendo e mangiando bene”, ha spiegato Ressen, medaglia d’oro ai Campionati Europei 2021.

È stata una lotta dura, con blocchi solidi e colpi potenti da due lati molto centrali.

“È stata una partita molto buona. Abbiamo faticato a rete, fatto bene e rotto molte giocate. Ci piace questo e abbiamo vinto grazie a questo”, ha aggiunto Rissen.

Una volta che l’Italia ha segnato il punto vincente, l’intera squadra si è precipitata a festeggiare. E subito dopo si sono diretti verso i difensori per condividere la loro gioia con tutta la delegazione italiana.

Krysiak Maciej

“La nostra squadra è pazza. Siamo vecchi amici quando eravamo più giovani e ci sosteniamo sempre a vicenda. Amici e famiglia”, ha detto Rissen sorridendo.

La maggior parte degli atleti ha “rituali” che praticano prima di una grande partita o competizione. Questo vale anche per il leader vincente.

READ  Il lavoro di squadra ha spinto l'Italia alla vittoria, afferma Abiteboul

“Indosso sempre le stesse maniche e mutande”, ha detto l’outfielder con una risata.

Alla domanda su quale messaggio volesse inviare a tutte le persone che hanno sostenuto la squadra, Raisin ha risposto: “Grazie per tutto”.

Da parte sua, Dawid Tomasz Wouk, il polacco, era filosofico riguardo alla sconfitta.

“Sento che una medaglia d’argento sarà soddisfacente quando torneremo in Polonia, ma ora sono un po’ deluso.

“So che è un grande torneo e abbiamo giocato davvero bene. Non abbiamo perso nemmeno un set nella fase a gironi, nei quarti di finale e nelle semifinali”.

Nella partita per la medaglia di bronzo, la Cina ha sconfitto l’Iran 3-0 davanti ai tifosi locali che hanno esultato e cantato “Let’s Go China” dall’inizio alla fine, e hanno persino cantato tanti auguri al membro della squadra Li Yongchen.

“È la prima volta che festeggio il mio compleanno in questo tipo di atmosfera. I fan di Chengdu e tutto lo staff del locale sono fantastici. Voglio ringraziarvi per i regali”, ha detto uno studente dell’Università di Ningbo.

“Oggi abbiamo cercato di fare del nostro meglio e di essere forti nello spirito, e fortunatamente ci siamo riusciti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *