L'amata leggenda del canto folk apparsa a Woodstock muore a 76 anni – Entertainment News

L'amata leggenda del canto folk apparsa a Woodstock muore a 76 anni – Entertainment News

È morta all'età di 76 anni Inger Melanie Savka.

La cantante folk americana, nota soprattutto per la sua canzone “Brand New Key” e una versione del classico dei Rolling Stones “Ruby Tuesday”, è morta “pacificamente” martedì (23 gennaio 2024), ha annunciato la sua famiglia.

I suoi figli – Layla, Jordie e Beau Jared – hanno condiviso la notizia in un post su Facebook mercoledì (24.01.24) e, sebbene la causa della morte sia sconosciuta, i rappresentanti di Melanie hanno dichiarato che soffriva di “malattia” in una dichiarazione separata.

L'annuncio completo della famiglia recitava: “Un messaggio da Layla, Jordi e Beau Jared.

“Cari,

“Questo è il post più difficile da scrivere per noi, e ci sono così tante cose che vogliamo dire, per prime, e non c'è un modo semplice se non dirlo… Mia madre è morta in pace, e io sono passato da questo mondo a il prossimo il 23 gennaio 2024.

“Siamo tristi, ma vogliamo ringraziare ognuno di voi per l'affetto che avete per nostra madre e dirvi che vi ha amato moltissimo! Era una delle persone più talentuose, potenti e appassionate le donne di quell'epoca e ogni parola che scriveva e ogni nota che cantava lo riflettevano.

“Il nostro mondo è più oscuro e i colori del tetro e piovoso Tennessee sono sbiaditi con la sua assenza oggi, ma sappiamo che è ancora qui, a sorridere a tutti noi, a tutti voi, dalle stelle.

“Chiediamo che stasera, mercoledì 24 gennaio, alle 22:00, ora centrale, ognuno di voi accenda una candela in onore di Melanie. Sollevatele, sollevatele in alto, in alto di nuovo. “Illuminate l'oscurità e lasciamoci tutti connettere ricordo di quella donna straordinaria che fu moglie, madre, nonna e bisnonna, amica di tante persone.

READ  Gli australiani sperimentano la neve canadese per la prima volta: "Assolutamente irreale"

“Stiamo pianificando una celebrazione della vita per la mamma e sarà aperta a tutti voi che vorreste venire a festeggiare con lei. I dettagli saranno annunciati non appena saranno disponibili. Non vediamo l'ora di vedervi lì.

“In questo momento, per favore, consentite a noi e alla sua famiglia la privacy mentre la piangiamo, la ricordiamo e capiamo come navigare in questo pazzo mondo senza di lei.

Grazie a tutti per il vostro amore: significavate così tanto per lei.

“pace e amore,

“Layla, Geordie e Beau Jared.”

Melanie Safka, conosciuta con il nome d'arte Melanie, ha recentemente lavorato ad un nuovo disco che include cover.

Second Hand Smoke è stato il suo 32esimo album in studio.

La cantante aveva 22 anni quando si esibì al famoso festival di Woodstock del 1969, a cui parteciparono anche Joan Baez, Jimi Hendrix e i Grateful Dead.

Ha detto che aspettava ore per esibirsi mentre la sua ansia continuava ad aumentare, e una volta ha detto:

“Il terrore continuava a crescere dentro di me. Pensavo di esibirmi davanti a tutta quella gente e su quel palco enorme, ero completamente solo.

“Poi ha cominciato a piovere e ho davvero pensato che tutti si sarebbero alzati e sarebbero tornati a casa: 'Piove, sono libero, tornerò alla vita di prima'. Forse sarò un archeologo; forse mi unirò ai Peace Corps.”

“E poi hanno detto: 'Sei il prossimo.'

Melanie è nata il 3 febbraio 1947 ad Astoria, New York, e ha studiato all'American Academy of Dramatic Arts mentre perseguiva la sua carriera di cantante.

Atterrò nei bar e nei folk club del Greenwich Village durante la fiorente scena folk di New York e nel 1967 incontrò il suo futuro manager, produttore e marito, Peter Shekirk.

READ  Il bibliotecario cittadino vince Jeopardy! Stampa libera di Winnipeg

Firmò con la Columbia Records e pubblicò i singoli “Beautiful People” e “Garden in the City”, ma quando Clive Davis si rifiutò di lasciarle registrare un album, lasciò la Buddah Records, che pubblicò il suo primo album. “Lay Down” è stata la sua prima hit americana, seguita da “Peace Will Come”, “What Have They Done to My Song Ma”, “The Nickel Song” e una cover di “Ruby Tuesday” degli Stones.

Nel 1971, la rivista Billboard la nominò l'artista più venduta dell'anno negli Stati Uniti.

Melanie è diventata portavoce dell'UNICEF e ha continuato a registrare album regolarmente fino alla morte del marito nel 2010.

Inoltre collabora spesso con i suoi figli per eseguire concerti registrati dal vivo per la trasmissione online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *