L’Agenzia Spaziale Europea si unisce alla NASA in una missione speciale su Venere

È un momento emozionante per essere Venere Caposquadra. Il nostro pianeta gemello, che è stato l’obiettivo di una sola missione dagli anni ’80, è ora al centro di non una, non due, ma tre missioni della NASA e dell’Agenzia spaziale europea. Insieme, promettono di dare lo sguardo più vicino di sempre alla Morning Star e ad alcuni dei processi che potrebbero aver reso un mondo simile così diverso dal nostro.

Le prime due missioni sono state ufficialmente selezionate dalla NASA il 2 giugno come parte della missione dell’agenzia programma di scoperta. Entrambe le missioni hanno origini antiche, ma con il programma ufficiale ora meglio supportato dalla comunità di esplorazione spaziale, è più probabile che decollino sulla Terra.

Un video di YouTube che descrive la missione DAVINCI+ annunciato la scorsa settimana.
credito: NASA

Da Vinci + E il Verità, onestàEntrambe le missioni della NASA sono state trattate in dettaglio nei precedenti articoli UT. DAVINCI+, che ha avuto origine dalla precedente proposta di Deep Atmosphere Venus Investigation of the Noble Gases Chemistry and Imaging Probe, si concentra sulla comprensione dell’atmosfera e della superficie di Venere. Questa sarà la prima volta che l’atmosfera di Venere sarà campionata direttamente dal 1985, quando lanciò una sonda sferica nell’atmosfera. Fornirà anche immagini ad alta risoluzione di alcune caratteristiche della superficie del pianeta.

Con questo secondo obiettivo si sovrappone a Verità, onestà (Venus Emissivity, Radio Science, InSAR, Topography, Spectroscopy) e il suo compito principale è mappare la superficie del pianeta. usando una combinazione di radar ad apertura sintetica e l’imaging a infrarossi, tenterà di tracciare un’immagine accurata sia delle linee che della trama della superficie.

Trailer delle due nuove missioni Venere della NASA.
credito: NASA

Entrambe le missioni serviranno anche come piattaforma per il dimostratore tecnologico. VERITAS avrà l’estensione Orologio atomico dello spazio profondo-2, mira a mantenere un tempo preciso per aiutare nelle manovre dei veicoli spaziali, mentre DAVINCI+ utilizzerà il Compact Ultraviolet Imaging Spectrometer (CUVIS), un nuovo tipo di sensore di imaging per usi speciali nella gamma ultravioletta dello spettro.

READ  Hai bisogno di spazio? Ora puoi acquistare polvere di stelle di 7 miliardi di anni e frammenti di Luna e Marte

Ma non sono le uniche missioni che ospitano la tecnologia della NASA: il 10 giugno l’Agenzia spaziale europea ha annunciato la propria missione su Venere. La missione è nota come EnVision e opererà come parte del piano di esplorazione Cosmic Vision dell’Agenzia spaziale europea. Un componente chiave di EnVision è un altro radar ad apertura sintetica noto comeُ vinssar. Come quello ospitato su VERITAS, questo strumento aiuterà EnVision a studiare tre diversi strati del sistema di Venere: l’atmosfera, la superficie e persino il sottosuolo. Utilizzando segnali radio, la sonda tenterà di mappare la struttura interna del pianeta, consentendo ai ricercatori di identificare meglio i depositi di materiali specifici o strutture instabili.

Video che mostra alcuni dettagli su come funziona EnVIsion.
Agenzia spaziale europea / Osservatorio di Parigi / VR2Planets

Poiché tutte queste missioni sono ora ufficialmente accettate nei programmi di sviluppo ufficiali, il loro coordinamento può continuare fino al lancio. Sebbene siano ancora lontani anni dal lancio, figuriamoci dal raggiungere il nostro pianeta gemello, queste missioni daranno ai fan di Venere una miriade di nuove cose da aspettarsi.

La concezione tecnica della sonda EnVision recentemente annunciata dall’Agenzia spaziale europea.
Credito: Agenzia spaziale europea / Osservatorio di Parigi / VR2Planets

Per saperne di più:
NASA – Poi c’erano 3: la NASA sta collaborando alla nuova missione Venere dell’Agenzia spaziale europea
colui il quale – L’Agenzia Spaziale Europea seleziona la rivoluzionaria Venus Mission EnVision
NASA – La NASA seleziona due missioni per studiare il mondo “perduto” di Venere

immagine principale:
Un’immagine che mostra le somiglianze tra la Terra e Venere, con il concetto di navicella spaziale EnVision in primo piano.
Credito: Agenzia spaziale europea / Osservatorio di Parigi / VR2Planets

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *