La Subaru Impreza WRC dell’ex Richard Burns è una delle auto da rally più autentiche al mondo


Molti concordano sul fatto che gli anni d’oro dei rally siano stati durante gli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, con piloti e auto che si spingevano al limite aggiungendo una sana dose di concorrenza al mix. La battaglia tra Evoluzione di Mitsubishi Lancer E la Subaru Impreza stava oscillando. I nomi di Richard Burns, Tommy McCainin e Colin McCray spesso si scambiano i vertici della classifica del torneo, mentre i fan si preparano per gli oggetti per intravedere i loro eroi che brillano.

Avanti veloce fino ad oggi, e quelle stesse auto si sono schiantate in gara o sono state restaurate meticolosamente. E anche quando non sono state restaurate, la maggior parte delle auto da corsa del passato passa attraverso una qualche forma di processo di disattivazione che comporta la rimozione di alcuni pezzi gustosi e possibilmente un punto da pulire.

Tutto questo fa questo Raccogli elenchi di auto Tutto ciò è più interessante. In vendita è l’originale Subaru Impreza S6 WRC da corsa WRC. È stato guidato dal defunto Richard Burns e dal suo autista Robert Reed. Con questa stessa vettura, i due hanno vinto il Rally di Gran Bretagna nel 2000, una vittoria contro ogni previsione. L’Impreza è stata gravemente danneggiata dopo un grave incidente a Raleigh, in Finlandia, ma è stata riparata in tempo per ricordare al mondo il formidabile talento di Richard Burns.

sta leggendo: L’asta della flotta del patrimonio ha visto la vendita della Mitsubishi Evo VI Tommi Makinen Edition per £ 100.100

Ciò che rende questa vettura probabilmente l’esemplare più originale al mondo sono gli eventi che si sono verificati prima e dopo il GP Rally. Lo scafo 11 è stato pre-acquistato all’inizio dell’anno. Ma invece di sistemare l’auto Prodrive, Il nuovo proprietario ha deciso che vorrebbero l’Impreza direttamente dal Margam Country Park al termine dell’ultimo round del torneo.

READ  Apple WWDC 2021: come guardare e cosa aspettarsi

Quando ha portato l’auto fuori dal ring, il nuovo proprietario non ha apportato modifiche pur conservando tutte le cicatrici della battaglia, tra cui lo specchietto retrovisore rotto e lo spoiler anteriore ammaccato, rendendola una vera capsula del tempo e scintillante nella sua forma accelerata.

essere visto: L’incontaminata e rara Subaru Impreza ha solo 4.000 miglia, ma vale $ 94.000?

L’auto è stata cambiata nel corso degli anni, poiché era in collezioni private ed è stata trattata come un pezzo di Storia della WRC. È stata venduta nel 2018 all’attuale proprietario e restaurata in perfette condizioni operative. Il motore e il cambio originali dell’auto sono stati rimossi e controllati con cura. Anche altri componenti meccanici originali come il tamburo del freno principale, i dischi dei freni ventilati e le pinze a sei pezzi hanno visto un aggiornamento. Tuttavia, gli interruttori antimanomissione della FIA e una modulazione di larghezza leggera che è stata utilizzata per indurre gli auditor a pensare che l’auto abbia superato i regolamenti audio mostrando 1.000 giri al minuto in meno rispetto al reale, rimane intatto.

A parte gli elementi che hanno causato tutti i pop e boom nei boschi del Galles nella sua trasmissione finale, l’auto viene fornita anche con le note di velocità Reed utilizzate nell’ultima gara e Nokia Il telefono cellulare utilizzato per la comunicazione in team è ancora agli inizi. Contiene anche le barre di alimentazione e i documenti di identificazione negli scomparti delle porte. È incluso anche l’originale FIA ​​Gold Record, un prezioso souvenir a sé stante.

Orologio: Colin McCrae, campione della Subaru Impreza 555 del 1995, guidata da Chris Harris

Le ruote e le gomme di ghiaia originali dell’auto sono state rimosse dal Rally di Gran Bretagna del 2000 per la conservazione. Attualmente si trova sul sito della sua pista irregolare ed è dotato di miscele OZ e pneumatici per pista.

Recentemente, l’Impreza WRC è stata nuovamente mostrata al pubblico nel 2019. A causa del significato storico e degli stretti legami tra Buon legno E alla Richard Burns Foundation, l’auto è stata autorizzata a correre su per la collina invece che sulla piattaforma della corsa. I compiti di guida del festival sono stati condivisi tra il proprietario e nientemeno che Aleister McCray, fratello del defunto campione del mondo Colin McCray.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *