La squadra di rugby delle Sei Nazioni nomina l’ex capo della O2 Dunne presidente | Notizie di affari

Ronan Dunn, l’ex presidente della O2, sarà nominato venerdì presidente non esecutivo del titolare dei diritti commerciali per la Six Nations Rugby League poiché gli azionisti cercano di aumentare le entrate internazionali per il torneo.

Sky News ha appreso che Dunn, che di recente è stato CEO del gigante statunitense delle telecomunicazioni mobili Verizon Consumer Group, assumerà un ruolo di spicco presso Six Nations Rugby Limited, una settima società di proprietà di ciascuna delle sei società. Sindacati partecipanti e CVC Capital Partners, società di private equity.

Persone vicine allo sport hanno detto che la sua data potrebbe essere annunciata già venerdì.

La nomina del signor Dunne, che è stata organizzata congiuntamente dai sei sindacati – Inghilterra, Francia, Irlanda, Italia, Scozia e Galles – e CVC – arriva nello stesso anno in cui l’acquirente ha siglato un accordo da 365 milioni di sterline per acquistare la principale nazionale europea di rugby. concorrenza.

foto:
Ronan Dunn. Pic: Verizon

Six Nations Rugby Limited è anche responsabile dell’organizzazione delle Autumn International Series che quest’anno hanno incluso vittorie per l’Inghilterra contro i campioni del mondo, il Sudafrica e l’Irlanda contro i New Zealand All Blacks.

La nomina di un importante personaggio commerciale come Dunn al rugby potrebbe essere vista come un’affermazione degli sforzi sindacali per accelerare la commercializzazione di alcuni degli asset più importanti dello sport.

Verizon Wireless ha annunciato all’inizio di questo mese che Dunn si dimetterà dalla carica di CEO del suo ramo consumer, che ha quasi 100 milioni di abbonati, ma rimane un consulente strategico del CEO del gruppo Hans Vestberg.

READ  Trasformare gli spazi con stuccature veneziane e altro - Sok News Mirror

Mentre era all’O2, la rete mobile di proprietà di Telefonica, il signor Dunne è stato fortemente coinvolto nella sua sponsorizzazione della squadra di rugby inglese e di altre proprietà sportive.

È probabile che l’esperienza di Mr. Dunn nei media, nei dati e nelle comunicazioni si riveli preziosa per i Sei in un’era in cui il consumo di sport d’élite viene rimodellato dai rapidi progressi della tecnologia di consumo.

Fonti hanno affermato che lavorerà al fianco di Ben Morrell, CEO del veicolo Sei Nazioni che detiene i diritti commerciali.

Six Nations Rugby Limited è separato dal Championship Board, che sovrintende a tutte le questioni sportive e organizzative ad esso relative.

Il Galles ha vinto il Campionato delle Sei Nazioni di quest’anno, che ha mancato di poco un Grande Slam dopo aver perso contro la Francia nell’ultima partita.

Le origini del torneo risalgono al 1883, mentre è stato ampliato all’attuale elenco di squadre con l’aggiunta dell’Italia nel 2000.

Si ipotizza che anche altri paesi, come il Sudafrica, possano cercare di partecipare alla competizione annuale.

L’acquisizione da parte di CVC di una partecipazione nei diritti commerciali del torneo fa seguito a significativi investimenti da parte della società di private equity nella Premier League rugby union e Pro14.

Il rugby union, come altri sport, si è rivolto a investitori esterni per sostenere le sue finanze dopo averli visti duramente colpiti dalla pandemia.

Sky News ha rivelato all’inizio di quest’anno che World Rugby stava esplorando la vendita di partecipazioni nelle sue proprietà Sevens e World Cup.

Sono in corso discussioni con potenziali pretendenti.

Anche la Nuova Zelanda Rugby è in trattative simili, con la società di acquisizioni Silver Lake, che ha cercato una quota di minoranza nei diritti commerciali della squadra di rugby più famosa del mondo per la maggior parte di quest’anno.

READ  L'attività del produttore di salsicce di Agra della contea di Alba è aumentata del 19% nell'ultimo anno: vendite di oltre 495,1 milioni di lei, registrate nel 2019

Nessuno di quelli contattati da Sky News giovedì sera ha commentato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *