La NASA lancia la missione X-ray Imaging Explorer

La NASA ha lanciato questa settimana la sua ultima missione: un osservatorio spaziale che utilizzerà strumenti a raggi X per studiare fenomeni come buchi neri, stelle di neutroni e pulsar. La missione Imaging X-ray Polarimetry Explorer (IXPE), in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), è stata lanciata su un razzo SpaceX Falcon 9 giovedì 9 dicembre dal Kennedy Space Center della NASA in Florida.

Un razzo SpaceX Falcon 9 viene lanciato con la navicella spaziale Polarimetry Explorer (IXPE) della NASA a bordo del veicolo di lancio 39A, giovedì 9 dicembre 2021, al Kennedy Space Center della NASA in Florida. La navicella spaziale IXPE è il primo satellite dedicato alla misurazione della polarizzazione dei raggi X da una varietà di sorgenti cosmiche, come buchi neri e stelle di neutroni. Lanciato all’1 AM EST. NASA/Joel Kosky

La navicella spaziale IXPE è stata staccata con successo dal suo razzo circa mezz’ora dopo il lancio, dopo di che ha ruotato i suoi pannelli solari ed è entrata in orbita attorno al pianeta. I primi dati di telemetria sono stati inviati sulla Terra e indicano che tutto va bene con il nuovo osservatorio.

Martin Weskov, investigatore principale di IXPE presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, ha dichiarato in una nota. affermazione. “Questo è solo l’inizio per IXPE. Abbiamo molto lavoro da fare. Ma stasera festeggeremo!”

IXPE ha tre telescopi identici che guarderanno la lunghezza d’onda dei raggi X, insieme a un altro importante osservatorio a raggi X, Chandra della NASA. Esaminerà la quantità di polarizzazione nella luce dei raggi X per caratteristiche come buchi neri rotanti o regioni centrali affollate di galassie, chiamate nuclei galattici attivi.

READ  Le rane hanno perso i denti più di 20 volte nella loro storia evolutiva

“IXPE rappresenta un altro eccezionale primato”, ha affermato nella dichiarazione Thomas Zurbuchen, direttore associato della direzione della missione scientifica presso la sede della NASA a Washington. “Insieme ai nostri partner in Italia e nel mondo, abbiamo aggiunto un nuovo osservatorio spaziale alla nostra flotta che modellerà la nostra comprensione dell’universo negli anni a venire. Ogni navicella spaziale della NASA è accuratamente selezionata per mirare a osservazioni completamente nuove che consentano nuove scienze, e IXPE ci mostrerà l’universo violento che ci circonda, come le supernovae e i buchi neri al centro delle galassie, in modi che non siamo mai stati in grado di vedere”.

Raccomandazioni della redazione




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *